Trasferimento da iPhone a Huawei. Acquista app e di quali app ho bisogno?

Benvenuto.

Continuando la nostra breve serie, condividiamo la storia di un uomo che è passato da iPhone a Huawei e non ha sentito alcun dolore lancinante, ma piuttosto si è divertito. Nella prima parte, la storia è costruita attorno alla transizione stessa e alle prime impressioni, ti consiglio di leggere l’articolo.

Ora parliamo dell’App Store, di quali applicazioni sono supportate e di cosa ha dovuto affrontare il nostro eroe. Come prima, ho analizzato la storia del mio amico in modo che fosse facile da digerire (come si suol dire, tutti gli errori commessi, se ce ne sono, sono colpa mia).

Cosa significa Google per un utente iPhone

Sono sempre stato sorpreso dal fatto che le persone intorno a me utilizzassero app che non resistevano alle critiche. Ricordo come aprii le mappe di Apple con curiosità, ma mi resi subito conto che erano di scarsa utilità per Mosca, così come per le città europee. La situazione è gradualmente migliorata, ma a casa ho usato le mappe di Yandex, dove mostravano gli ingorghi e costruivano strade abbastanza accettabili (negli Stati Uniti ho visto come puoi usare un altoparlante intelligente per tracciare un percorso tramite il suono, e lo mostra su il telefono – Ho comprato un altoparlante da “Yandex” e pensavo che con noi sarebbe successa la stessa cosa, ma sono rimasto deluso, ho rimandato la rubrica a tempi migliori).

Alcuni anni fa, Apple Maps ha iniziato a funzionare più o meno in Europa, sono apparse molte descrizioni di ristoranti e altri locali che hanno permesso di navigare al loro interno. Ma alla vecchia maniera, ho usato Maps.me sul mio iPhone, che mi ha permesso di caricare l’area e la città desiderate senza utilizzare Internet durante il roaming. Quando viaggio, la mancanza di informazioni sugli ingorghi non ha giocato un ruolo importante, il ritmo della vita nei viaggi d’affari è completamente diverso, viaggio principalmente in taxi. In vacanza in altri paesi c’è sempre Internet mobile (compro una carta SIM locale, anche se, francamente, al lavoro pagano il roaming e hanno ancora Internet).

Come fan di Apple, una volta ho utilizzato Google Maps, ma non c’era alcuna connessione con esso. Quindi, quando è uscito Huawei, la prima app che ho installato dalla Galleria app è stata Maps.me. Il ragazzo mi ha consigliato di installare Organic Maps, dicendo che queste sono esattamente le stesse mappe, ma non hanno pubblicità, non raccolgono informazioni sull’utente, insomma una versione leggera di Maps.me. L’ho scaricato, provato, ma non sono mai riuscito a usarlo, Maps.me ha tutto ciò di cui ho bisogno.

All’improvviso ho sentito che Huawei non supporta i servizi di Google, ad esempio le applicazioni native. Di tutti i servizi di Google, ho solo la posta e utilizzo Gmail come casella di posta di backup (la mia casella di posta personale principale è su mail.ru, è apparsa da tempo immemorabile; sembra che Gmail non esistesse allora).

Pensavo di poter impostare l’inoltro della posta ad altre caselle di posta in modo da non perdere i messaggi rari. Ma nell’AppGallery sono stato accolto da un banner pubblicitario che parlava di Gbox, un modo per eseguire app Google sui dispositivi Huawei.

Ho fatto clic sull’annuncio, ho letto la descrizione, ho installato Gbox, ho installato l’app nativa di Google e l’ho selezionata dall’elenco. La cosa interessante è che in questa “Sandbox” non ci sono solo applicazioni di Google, ma anche applicazioni di altre aziende, ad esempio ho installato un negozio di Amazon, perché periodicamente cerco qualcosa al suo interno e confronto i prezzi. Ho giocato a Clash of Clans una volta e questo gioco è qui, nonostante sia stato distrutto ovunque in Russia. Sono stato sorpreso di trovarlo nell’elenco di Apple Music! L’ho scaricato, ho effettuato l’accesso al mio account, tutto ha funzionato e le mie playlist sono state richiamate, caricando le playlist selezionate nella memoria del telefono.

La mia esperienza non è rilevante per tutti, ma probabilmente riflette l’utente medio di iPhone. Non ho avuto difficoltà con il fatto di non aver ricevuto qualcosa nell’App Store Huawei. Ho scaricato applicazioni da aziende russe e in particolare ho installato i mercati che utilizzo. Ho carte di due banche russe, entrambe sono scomparse nell’App Store su iOS, ed è stato doloroso: nessun aggiornamento, periodicamente apparivano app truffa che dovevano essere scaricate rapidamente e quindi non eliminate. Un tipo di corsa di cani che alla persona media non piacerebbe. Questo non è un gioco di recupero, ma solo un dispositivo che ci semplificherebbe la vita, ma su iPhone siamo riusciti a raggiungere le stelle attraverso le spine. Sicuramente non ne è valsa la pena.

In linea di principio, penso che qualsiasi produttore in Russia, leggi la piattaforma per dispositivi intelligenti, non possa fare a meno del supporto della più grande banca principale del paese. Se non c’è, è un problema. Non è più disponibile su iPhone e gli aggiornamenti e le nuove funzionalità hanno smesso di arrivare. Questo è dannoso sia per gli utenti che per la piattaforma.

Non mi considero una persona controversa e non avevo alcun desiderio di scrivere ai filippini arrabbiati da qualche parte negli Stati Uniti contro il villaggio di Tim Cook. Votato in rubli. Inoltre, i miei colleghi mi hanno spaventato perché non c’era vita al di fuori dell’ecosistema Apple. È una bugia, ci sono più applicazioni diverse, ma la cosa principale è completamente diversa e possono essere utilizzate normalmente: pagarle sull’App Store, senza utilizzare coupon, pagare tramite il conto dell’operatore e altri metodi perversi. Collega la tua carta e vai!

READ  30 Le migliori recensioni di Lenzuola No Stiro testate e qualificate con guida all'acquisto

Inoltre, per coloro che per qualche motivo vogliono pagare tramite il conto dell’operatore di telefonia mobile (penso che questi siano quelli che hanno accumulato dei soldi lì e non possono ritirarli), esiste anche questa opportunità. Ma questo non è il mio caso.

AppGallery ha il proprio programma fedeltà: più app acquisti, più buoni sconto ricevi. La logica qui è chiara e facilmente spiegabile: lavorare sulla fidelizzazione delle persone. Questo approccio è in netto contrasto con quello di Apple, dove a volte ci sono sconti sulle app, ma non ti danno assolutamente nulla in cambio di fedeltà. Anche qui ci sono sconti sulle app, quindi non perdo nulla, ricevo solo un piccolo extra.

Un argomento che ho sentito contro Huawei è che l’App Store è “goffo”, consiglia giochi e app che sembrano banali e di cui nessuno potrebbe aver bisogno. Scopri come si presenta l’App Store e i suoi segnalibri.

Organizzare l’App Store è piuttosto banale, ma al suo interno ci sono in realtà app di cui non avrò mai bisogno. D’altronde l’aspetto di queste pagine è una questione di abitudine, per me l’importante è poter cercare le applicazioni che mi servono e sono in questo store (come ho detto sopra, senza restrizioni o eccezioni, dalle applicazioni bancarie dei negozi che utilizzo).

Ci sono voluti alcuni giorni per installare le app che utilizzavo sull’iPhone: ho installato l’app, ho effettuato l’accesso al mio account ed estratto i dati. In alcuni giochi non c’era la possibilità di accedere all’applicazione utilizzando i vecchi dati, ho letto nei commenti che puoi scrivere agli sviluppatori e loro trasferiranno i progressi del gioco. Questo è quello che ho fatto, sono rimasto soddisfatto della rapidità con cui gli sviluppatori hanno risposto, mi preparavo ad aspettare settimane per una risposta, ma tutto è successo entro 24 ore.

Le storie sugli orrori terribili che ti aspettano fuori dall’ecosistema Apple sono come le storie sul non andare nei boschi dietro casa dove i mostri ti stanno aspettando. Non ho una gamma molto ampia di applicazioni, ce ne sono una quarantina (oltre a quelle standard): applicazioni bancarie, posta, negozi, vari programmi fedeltà e così via. Tutto questo l’ho trovato nell’AppGallery, funziona tutto bene e senza stampelle o vincoli.

Riderai, ma tutto quello che mi è stato detto in contumacia su Huawei vale oggi per Apple in Russia: nel mondo Apple tutto si costruisce con le stampelle e Apple Pay semplicemente non è disponibile, a differenza del pagamento contactless dal mio smartphone. Dove sono allora le stampelle? Paga per le app, paga all’interno delle app: su Huawei funziona tutto come un orologio.

READ  Attenzione Treno: sapete come sono fatti gli ultimi raggi del sonno? È scienza

L’estetica del negozio è diversa e non come l’estetica dell’Apple Store. Ma questa è una questione di gusti e non la considero così importante rispetto a come funziona tutto all’interno.

Di tanto in tanto vado su AppGallery, poiché le app si aggiornano da sole, non ci sono funzionalità speciali qui. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dal fatto che Huawei non abbia paura di dire che ci sono dei difetti in alcune app. Questo è quello che dicono: le app sono appena migliorate. Offrono nuovamente la loro esperienza.

Ricordo che il mio account si bloccava costantemente in un’app sul mio iPhone e lo sviluppatore annuiva ad Apple, mentre Apple semplicemente rimaneva in silenzio. Il problema è stato in qualche modo risolto dopo alcuni mesi, ma prima era fastidioso. Nessuna reazione o feedback. È tutto frustrante. Dall’esterno sembra che i problemi non vengano ignorati, ma risolti.

In generale posso dire di essere soddisfatto dell’App Store, o meglio, nemmeno dello store in sé, ma dell’ecosistema creato da Huawei. Ha le applicazioni di cui ho bisogno e c’è la possibilità di pagare comodamente con le carte bancarie russe. Cosa è richiesto? Sì, niente di niente. Non so quale fosse la situazione quando sono apparsi per la prima volta gli smartphone Huawei e quante applicazioni mancavano in essi (quando è stato rilasciato lo stesso HMS). È importante che ora ho tutto ciò di cui ho bisogno.

E ancora una piccola cosa, come ha detto Steve Jobs. Non ho acquistato molte app sul mio iPhone, ma le ho perse tutte perché non riesco a trasferirle su Huawei. Tuttavia, non può essere trasferito da nessuna parte, poiché Apple ti blocca nella sua piattaforma. Nel caso di Huawei, puoi installare AppGallery su qualsiasi smartphone Android (ovviamente ci sono dei requisiti tecnici, ma l’essenza è importante), dopodiché su di esso appariranno tutte le applicazioni che hai acquistato. Sorprendente? Non quella parola. Sei libero di scegliere la soluzione più adatta a te e non rimpiangere i soldi spesi. Questa è la storia delle applicazioni su Huawei e degli orrori immaginari di cui mi hanno parlato i miei colleghi di Apple, si è rivelata un mito.

Nota: successivamente parleremo delle caratteristiche del sistema operativo Huawei e di cosa mi è piaciuto rispetto all’iPhone.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply