James Webb ha trovato un deposito di monossido di carbonio nella Nebulosa Mattone – nauka.ua

Il telescopio spaziale James Webb ha osservato le riserve congelate di monossido di carbonio nella Nebulosa Mattone, che si trova al centro della Via Lattea. È una grande nube oscura di gas denso che è sotto l’influenza di un buco nero supermassiccio e non produce quasi nessuna stella. L’apertura del telescopio aiuterà a capire quali caratteristiche dell’ambiente esistono al centro della nostra galassia. Lui scrive Avviso scientifico. Articolo di astronomi pubblicato In Giornale astrofisico.

Cosa c’è di interessante in Tseglyna?

Nonostante un decennio di osservazioni BRIC (o G0.253+0.016), gli astronomi non sono ancora d’accordo sul perché una nube così grande e massiccia – con la massa di 200.000 soli e un raggio di oltre 9 anni luce – non produrre stelle come stelle. E nel resto delle nuvole simili nella Via Lattea. Alcune teorie suggeriscono che il mattone è ancora molto giovane, e quindi in esso non è iniziata la formazione stellare attiva, mentre altri dicono che il gas in esso contenuto non è molto denso, quindi non può collassare per dare origine a nuovi semi stellari. Allo stesso tempo, la composizione del gas è diversa nel centro galattico, dove si trova il BRIC, e in altre parti della Via Lattea. Pertanto, lo studio di questa nebulosa può aiutare a comprendere meglio come si è formata la nostra galassia. Il telescopio James Webb ha trovato nuove prove delle proprietà dei BRIC.

La posizione di Siglena nella regione centrale della Via Lattea (cerchiata) in un'immagine del telescopio Spitzer Spitzer Science Center/Caltech

Cosa indica il monossido di carbonio?

Grazie al fatto che James Webb ha osservato i mattoni nella gamma del vicino infrarosso, è stato in grado di “sbirciare” dietro la densa polvere e gas, cosa impossibile con le osservazioni in luce visibile. Pertanto, gli astronomi hanno scoperto che la quantità di monossido di carbonio a Tiglin è molto maggiore di quanto rivelato da osservazioni precedenti. Esiste allo stato ghiacciato sulle particelle di polvere nella nebulosa e anche sotto forma di gas ai suoi bordi. Tuttavia, anche se tale gas ghiacciato dovrebbe contribuire alla nascita delle stelle, gli scienziati hanno stabilito che la temperatura di Teglin è ancora più calda di -263 gradi Celsius, necessaria affinché la formazione stellare abbia inizio. In futuro, gli scienziati sperano di prendere di mira la nube di James Webb e altre nubi molecolari al centro della nostra galassia per determinare la loro idoneità alla formazione stellare.

  • Oltre ai depositi di monossido di carbonio, James Webb ha anche dimostrato la sua capacità di cercare depositi di polvere di stelle esplosa come supernova. Strutture su larga scala di gas emesso da stelle luminose indicano che le stelle stesse erano il principale fornitore di polvere nell’universo.
READ  Il Milan ha paura a Frosinone

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply