Proposta di “terra per la Russia e NATO per Kiev”… Perché a Mosca non importava? | Politica

Mosca- Mosca non ha preso sul serio l’affermazione di Stian Jensen, direttore dell’Ufficio del Segretario generale della NATO, che non ha escluso di accettare l’adesione dell’Ucraina all’alleanza se avesse fatto concessioni di terra alla Russia, come parte di un accordo per porre fine alla guerra .

Sebbene il contenuto della dichiarazione corrisponda alla realtà demografica che la Russia ha realizzato annettendo regioni ucraine come la Crimea nel 2014 e Luhansk, Donetsk, Zaporizhia e Kherson l’anno scorso, il Cremlino è rimasto in silenzio.

Solo Dmitry Medvedev, vice capo del Consiglio di sicurezza russo, ha rotto il silenzio ufficiale twittando: “L’ingresso dell’Ucraina nella NATO significa che le autorità rinunceranno alla capitale, la stessa Kiev”.

E il tweet di Medvedev – dominato dalla natura satirica delle dichiarazioni del funzionario atlantico – portava con sé un chiaro indizio che Kiev stessa è la vecchia capitale della Russia, e quindi la nuova capitale ucraina dovrà essere spostata nella regione di Lvov nell’ovest del paese, secondo la sua descrizione.

Ciò avviene in un momento in cui il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha indicato la possibilità che il suo paese accetti la NATO all’inizio della prossima estate, ma ha anche riconosciuto che ciò non è possibile prima della fine delle ostilità, durante le dichiarazioni del mese scorso.

In risposta, un membro del comitato per gli affari internazionali della Duma di Stato russa, Dmitry Belyk, ha affermato che le dichiarazioni di Kiev non dovrebbero essere prese sul serio.

Per quanto riguarda Mircea Geoana, vice segretario generale della NATO, ha affermato di aver informato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che l’annessione di Kiev avrebbe portato a un conflitto indesiderato con Mosca.

READ  30 Le migliori recensioni di Pannello Attrezzi Da Parete testate e qualificate con guida all'acquisto
Medvedev: l’ingresso dell’Ucraina nella NATO significa che le autorità rinunceranno alla capitale, la stessa Kiev (Getty Images)

Non è tutto oro quel che luccica

In ogni caso, la nuova dichiarazione, che esula dal consueto percorso di un funzionario della NATO, non può che sollevare interrogativi sui motivi e sui retroscena della nuova posizione occidentale, e se costituisca un preludio all’inizio di un graduale ritiro dal sostegno dell’Ucraina , nonché le ragioni alla base del disprezzo di Mosca nei suoi confronti.

D’altra parte, c’è la sensazione russa dell’esistenza di una trappola atlantica, che dà a Mosca aree che sono di fatto sotto il suo controllo, ma allo stesso tempo le chiude la porta per tornare a sollevare la questione delle garanzie di sicurezza ?

Secondo l’esperto strategico Roland Begamov, il silenzio di Mosca sulle dichiarazioni di Jensen è dovuto alla presa di coscienza da parte dei decisori del Cremlino che il conflitto ucraino è diventato un pesante fardello per l’Occidente e comporta pressioni sulle élite al potere in America e sul Unione Europea, soprattutto alla luce del fallimento del contrattacco ucraino dopo che sono trascorsi due mesi da quando è stato annunciato.

In un’intervista ad Al-Jazeera Net, Begamov ha chiarito che l’Ucraina non concluderà, in ogni caso, un trattato di pace con la Russia, né rinuncerà a parte del suo territorio in cambio dell’adesione alla NATO, perché porterà a “un accordo popolare esplosione all’interno dell’Ucraina, le cui ripercussioni rischiano di raggiungere lo stesso esercito ucraino”.

A suo avviso, il nuovo comunicato non richiede nemmeno una risposta formale, perché si discosta da una figura che non ha peso morale o esecutivo all’interno della NATO (Yensen) e consisteva in 3 o 4 frasi che non spiegavano tutte le complessità del processo di adesione dell’Ucraina alla NATO, e allo stesso tempo il Time parla a nome della stessa Kiev.

READ  OSIRIS-REx ritorna sulla Terra da Bennu: guarda il live streaming della NASA

schizofrenia

Da parte sua, l’esperto militare russo Dmitry Zhuravlev ha ritenuto che la posizione “silenziosa” di Mosca sia dovuta al fatto che anche se tutte le parti concordassero che l’Ucraina entrerà a far parte della NATO in cambio della cessione del territorio alla Russia, questo processo di fusione non sarà facile e sarà sicuramente non essere veloce.

Ha spiegato che anche nella stessa Ucraina è necessario un referendum, o attraverso altri meccanismi legati al voto parlamentare, ma il risultato è vicino allo zero.

Ha descritto la dichiarazione di Jensen come ridicola e separata dalla realtà, aggiungendo: “L’accettazione di qualsiasi nuovo membro dell’alleanza richiede l’assenza di problemi o conflitti regionali, che non è disponibile nel caso ucraino”.

Sono nato morto

Inoltre, l’esperto russo ha sottolineato che non tutti i paesi della NATO sono pronti a compiere un simile passo, perché sono pienamente consapevoli che in caso di un nuovo conflitto, devono essere guidati dal quarto paragrafo dell’Accordo di sicurezza collettiva della NATO, che significa inequivocabilmente entrare in un confronto diretto con la Russia, che non è certo quello che vuole Bruxelles.

Anche se l’Ucraina cede Crimea, Donbas, Kherson e Zaporizhia, è improbabile che la NATO ne abbia bisogno come membro dell’alleanza, perché porterebbe con sé nel blocco il pericolo di una guerra nucleare con la Russia, di cui nessuno ha bisogno, come l’ha messo lui.

In questo contesto, Zhuravlev ha fatto riferimento alle posizioni di Stati Uniti, Germania e Francia, che sono abbastanza chiare sul fatto che Kiev – attualmente – non abbia reali prospettive di adesione alla NATO, e quindi l’idea di cedere volontariamente le regioni ucraine a Mosca è nata morta .

READ  L'alunno di Dover-Sherborne Eli Dershowitz porta l'oro ai Campionati del mondo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply