Ultime notizie sull'attacco iraniano a Israele, sulla guerra con Hamas e sulla situazione a Gaza in diretta: notizie, reazioni e altro ancora

Il martirio di una ragazza palestinese nata tramite inseminazione artificiale dopo il bombardamento del campo profughi di Al-Maghazi, nel centro della Striscia di Gaza.

Testimone del ritorno di Dio. Immagine ottenuta dalla CNN.

I parenti di Shahad Odeh Allah hanno considerato un miracolo quando è nata attraverso l'inseminazione artificiale nel campo profughi di Maghazi, nella Striscia di Gaza centrale, il 4 novembre 2013. I suoi genitori avevano aspettato più di 20 anni che rimanesse incinta.

Ma la sua vita è finita martedì, hanno detto i suoi parenti alla CNN, quando la bambina palestinese di 10 anni è stata uccisa in un attacco aereo sul campo. Secondo i funzionari del locale ospedale dei martiri di Al-Aqsa, almeno 14 persone sono state uccise nell'attacco mirato, tra cui otto bambini. L'IDF ha detto che l'attacco aereo era in fase di revisione.

Per la sua famiglia, Shahad era un grande sogno e tutti l’hanno coccolata finché non è cresciuta e non è andata a scuola”. “Amava moltissimo giocare e leggere… tutti l'amavano.”

Le riprese della CNN registrate all'ospedale di Al-Aqsa dopo l'attacco di martedì mostravano genitori che cullavano i corpi dei loro figli, con gli occhi rossi e gonfi per l'incredulità. Gli altri ragazzi guardano di traverso. Il suono di urla intense penetra attraverso le mura dell'ospedale.

Bambini palestinesi feriti vengono trasportati all'ospedale dei martiri di Al-Aqsa in seguito all'attacco nel campo profughi di Al-Maghazi a Deir Al-Balah, Gaza, il 16 aprile. La CNN ha offuscato questa immagine per proteggere le identità. Ashraf Amra/Anadolu/Getty Images

I genitori hanno detto alla CNN che i loro figli stavano giocando a calcio quando il campo è stato attaccato.

READ  Sua Maestà il Re si congratula con Sua Eccellenza il Presidente della Repubblica del Ciad, Mohamed Idriss Déby Itno, in occasione della sua elezione alla più alta carica del suo Paese.

“Sono stati colpiti da un drone mentre stavano giocando”, ha detto Jaber Abu Jiab, padre di Lujain, 9 anni. “Erano tutti bambini.” Il Ministero della Sanità ha riferito il 18 aprile che gli attacchi israeliani a Gaza avevano ucciso più di 13.900 bambini.

In un'altra scena in ospedale, il giovane Muhammad Al-Nouri, 14 anni, appare rannicchiato sul corpo del fratello minore, Mahmoud Khalil Al-Nouri, 8 anni, avvolto in un panno bianco. “È ancora vivo”, dice Muhammad con rammarico. “Non lasciarlo qui.”

“Caro Dio, cosa hanno fatto?” dice un uomo, piangendo “Che cosa hanno fatto?”

Jennifer Hauser e Ibrahim Dahman della CNN hanno contribuito al reportage.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply