Proprio oggi il primo multisala di Ferrara lunedì festeggia una storia lunga 98 anni. Venne infatti inaugurato dall’avvocato Aldo Azzalli il 17 dicembre del 1921, nell’area dove oggi si trova piazza Gobetti, e solo negli anni Settanta l’attività fu trasferita in piazzetta Carbone, nello spazio conosciuto oggi col nuovo nome di Apollo CinePark. Proprio qui – nella sede attuale, tra i velluti e le poltrone rosse della suggestiva sala 4 – si festeggerà la ricorrenza.

L’associazione Ilturco lunedì 17 dicembre organizza per l’occasione due proiezioni gratuite – una alle 19 e una alle 20.30 – del documentario che il regista Renzo Ragazzi dedicò nel 1995 al re dei cinematografi ferraresi: “SuperCinema Apollo Memorial”.

L’opera, realizzata in collaborazione con l’Ufficio Audiovisivi del Comune, raccoglie numerose interviste, particolarmente preziose per capire la vita, gli interessi e le abitudini della comunità che una volta – fino al 1961, quando l’imponente edificio venne abbattuto – si raccoglieva al buio dentro la grande sala principale, davanti allo schermo, per ridere e piangere, per dimenticare la guerra, per divertirsi e per innamorarsi.

Buona parte delle testimonianze provengono dai racconti di Antonio Azzalli, figlio di Aldo, che condusse l’attività fino al 2002. Non mancano però aneddoti e curiosità provenienti dai ricordi dei frequentatori abituali: dallo scrittore Aldo Luppi al documentarista Massimo Sani, al regista Florestano Vancini, che ammette di essersi innamorato della pellicola proprio all’interno del SuperCinema, quando per la prima volta vide “Ombre rosse” di John Ford.

L’evento conclude il progetto ideato e curato da Ilturco per recuperare e attualizzare la memoria del vecchio cinema, che nel weekend ha compreso un’affascinante installazione site specific in piazza Gobetti e la proiezione speciale del film “Poveri ma belli”, che si è svolta al Boldini in collaborazione con Arci Ferrara e grazie alla generosa partecipazione dei commercianti del centro storico, che hanno offerto la colazione prima della visione.