Nella Macedonia occidentale è stata completata la costruzione di parchi eolici da 40 MW

Nuovi parchi eolici e progetti fotovoltaici vengono costantemente completati e si aggiungono ai progetti di energie rinnovabili già esistenti con una capacità di circa 1,5 GW, dando slancio alla crescita organica del portafoglio PPC Renewables.

Nel primo trimestre del 2024 è stata messa in funzione la prima parte del complesso eolico PPC di Kokoli-Dukas Renewables, nella Macedonia occidentale.

Nello specifico è stato gestito, dopo aver completato la connessione alla rete di trasmissione dell'energia elettrica, presso il parco eolico “Cocoli”, nell'ampia regione del Siatista.

Il progetto, che ha una capacità produttiva di 13,5 MW, è composto da tre turbine eoliche da 4,5 MW che dovrebbero produrre 38 GWh di energia all'anno, evitando l'emissione di circa 22.000 tonnellate di anidride carbonica.

Il gruppo di parchi eolici della Macedonia occidentale comprende, oltre al parco eolico di Kokoli, anche il parco eolico di Dokas, vicino a Klisora, a Kastoria. Con una capacità installata di 26 MW da cinque turbine eoliche da 5,2 MW, si prevede che l'impianto di Doukas produrrà 68 GWh all'anno e impedirà l'emissione di circa 39.500 tonnellate di anidride carbonica attraverso il suo funzionamento.

I lavori stanno procedendo rapidamente e si prevede che saranno operativi entro la fine dell’anno. La costruzione dei due parchi eolici inizierà nell’estate del 2022.

Con circa 1,8 GW di nuovi progetti di energie rinnovabili attualmente in costruzione, PPC sta portando avanti in modo aggressivo la sua transizione verde attraverso la sua controllata al 100% PPC Renewables. Tra i principali progetti di energia rinnovabile in costruzione c’è la stazione fotovoltaica da 550 MW, situata all’interno di vecchie miniere di lignite nella più ampia area di Ptollemaida e uno dei più grandi progetti solari in Europa.

READ  Come faccio a rendere Instagram nero? Attiva la modalità notturna su Instagram per iPhone e Android

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply