Un paesaggio di comete ricoperto di sostanze chimiche organiche

CREDITO ESA/Rosetta/MPS per il team OSIRIS MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA; J. Roger – CC BY SA Immagine più ampia

Nota dell'editore: Secondo “Composti organici trovati sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko rilevati dalla spettrometria di massa COSAC– “Le comete contengono parte del materiale più puro del nostro sistema solare sotto forma di ghiaccio, polvere, silicati e materia organica refrattaria con qualche eredità interstellare. L'esperimento Comet Sampling and Assembly Advanced Gas Analyser (COSAC) a bordo del lander Philae di Rosetta è progettato per l'analisi in situ di molecole organiche sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Venticinque minuti dopo l'atterraggio iniziale di Philae, lo spettrometro di massa della COSAC ha rilevato uno spettro in modalità sniffing, che mostrava un gruppo di 16 composti organici, tra cui diverse specie contenenti azoto ma nessuna specie contenente zolfo, e quattro composti: isocianato di metile, acetone, propionaldeide e acetamide, sostanze mai osservate prima nelle comete.


Il 30 settembre 2016, la navicella spaziale Rosetta dell'Agenzia spaziale europea si è avvicinata più che mai al bersaglio che aveva studiato da lontano per più di due anni, concludendo la sua missione con un impatto controllato sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko (67P/ CG).

Questo secondo atterraggio cometario segue l'impresa pionieristica del lander di Rosetta, Philae, che è diventata la prima sonda ad atterrare con successo su una cometa il 12 novembre 2014.

Con una suite di 11 strumenti scientifici a bordo, Rosetta ha raccolto un'enorme quantità di immagini e altri dati su questa famosa cometa, scansionando la sua superficie, esaminandone l'interno, scrutando il gas e la polvere nei suoi dintorni ed esplorando il suo ambiente plasmatico. Gli scienziati hanno utilizzato queste misurazioni per migliorare la nostra comprensione delle comete e della storia del nostro sistema solare.

Questa immagine mostra parte di 67P/CG vista da Rosetta il 22 settembre 2014, appena un mese e mezzo dopo l'incontro della navicella spaziale con la cometa. A quel tempo, la navicella spaziale si trovava a 28,2 chilometri dal centro della cometa (circa 26,2 chilometri dalla superficie). L'astronomo dilettante Jacint Roger Perez, dalla Spagna, ha selezionato questa scena e l'ha elaborata combinando tre immagini scattate a diverse lunghezze d'onda dalla telecamera ad angolo stretto OSIRIS su Rosetta.

Al centro e a sinistra dell'immagine c'è la regione di Seth, una delle regioni geologiche situata sul lobo più grande della cometa, che degrada verso la regione più liscia di Hapi sul “collo” della cometa che collega i due lobi. Il paesaggio di fondo rivela riferimenti alle regioni Papi e Acri, entrambe situate nel lobo grande di 67P/CG. Per un quadro più ampio di questa regione nel contesto generale della cometa vedere qui.

Il profilo ripido nella parte inferiore dell'immagine mostra la scarpata di Assuan, una scogliera alta 134 metri che separa le regioni di Seth e Hapi. Le osservazioni effettuate da Rosetta poco prima che la cometa raggiungesse il perielio, avvenuto il 13 agosto 2015, hanno rivelato che parte di questa piattaforma era crollata, a seguito dell’aumento dell’attività man mano che la cometa si avvicinava al Sole lungo la sua orbita.

CREDITO ESA/Rosetta/MPS per il team OSIRIS MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA; J. Roger – CC BY SA Immagine più ampia

Astrobiologia, Astrochimica,

READ  Hillary Clinton ha descritto Tucker Carlson, che si stava preparando a incontrare Putin, come un utile idiota

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply