La tecnologia a 2 nm è stata presentata a giugno e la seconda generazione di SF3 a 3 nm entrerà in produzione quest'anno.

Nell'ambito della presentazione degli utili del primo trimestre di Samsung, la società ha delineato alcuni piani chiave per la sua unità di fonderia per il resto dell'anno. L'azienda ha confermato che è ancora sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di avviare la produzione in serie di chip con tecnologia SF3 (classe 3 nm, seconda generazione) nella seconda metà dell'anno. Nel frattempo, a giugno, Samsung Foundry svelerà ufficialmente la sua tecnologia di processo SF2 (classe 2 nm), che fornirà una combinazione di miglioramenti in termini di prestazioni ed efficienza. Infine, l’azienda sta preparando una variante della tecnologia di classe 4 nm per l’integrazione nei progetti 3D impilati.

SF2 sarà rivelato a giugno

Samsung prevede di rivelare i dettagli chiave sulla sua tecnologia di produzione SF2 al VLSI Symposium 2024 il 19 giugno. Questo sarà il secondo nodo di processo principale dell'azienda basato su transistor a effetto di campo (MBCFET) multicanale a ponte (GAA). . Migliorando il suo predecessore, l'SF2 sarà caratterizzato da un “integratore e meta-processo unici”, che garantiranno al nodo del processo prestazioni più elevate e minori perdite rispetto ai tradizionali nodi basati su FinFET (anche se Samsung non ha rivelato il nodo specifico con cui lo sta confrontando). ). ).

Samsung afferma che l'SF2 aumenta le prestazioni dei transistor stretti del 29% per il tipo N e del 46% per il tipo P, e dei transistor larghi rispettivamente dell'11% e del 23%. Inoltre, riduce la variazione globale dei transistor del 26% rispetto alla tecnologia FinFET e riduce le perdite di prodotto di circa il 50%. Questo processo apre inoltre la strada a futuri sviluppi tecnologici attraverso una migliore collaborazione DTCO (Design Technology Optimization) con i propri clienti.

READ  Ahmed Rifai fornisce consigli importanti prima di acquistare un iPhone usato

L'unica cosa che Samsung non ha menzionato nel contesto dell'SF2 è l'erogazione di potenza dalla parte posteriore, quindi almeno per ora non ci sono indicazioni che Samsung adotterà la funzione di servosterzo di nuova generazione per l'SF2.

Samsung afferma che l'infrastruttura di progettazione SF2 – gli strumenti PDK, EDA e IP con licenza – sarà completata nel secondo trimestre del 2024. Una volta che ciò accadrà, i partner di sviluppo dei chip di Samsung potranno iniziare a progettare prodotti per questo nodo di produzione. Nel frattempo, Samsung sta già lavorando con Arm per ottimizzare i core Cortex di Arm per il funzionamento di SF2.

SF3: Sulla buona strada per la seconda metà del 2024

Essendo il primo produttore a offrire un nodo basato su GAAFET, Samsung è stata in prima linea nel settore dei chip. Tuttavia, allo stesso tempo, ciò significa anche che sono i primi a incontrare e risolvere gli inevitabili problemi che derivano da un cambiamento così importante nella progettazione dei transistor. Pertanto, mentre la tecnologia di elaborazione SF3E di prima generazione di Samsung è in produzione da poco meno di due anni, gli unici chip rivelati pubblicamente realizzati nel processo finora sono stati chip relativamente piccoli per il mining di criptovalute, esattamente il tipo di parti per scovolini che fanno un buon lavoro. lavoro nel nuovo nodo del processo.

Ma con questa esperienza in mano, Samsung si sta preparando a produrre chip più grandi e migliori utilizzando i GAAFET. Nell’ambito degli annunci sugli utili, la società ha confermato che il nodo SF3 aggiornato, introdotto lo scorso anno, rimane nei tempi previsti per entrare in produzione nella seconda metà del 2024.

READ  30 Le migliori recensioni di Portasapone Per Doccia testate e qualificate con guida all'acquisto

Prodotto più maturo fin dall'inizio, SF3 è destinato a essere utilizzato nella realizzazione di processori più grandi, compresi i prodotti per data center. Rispetto al suo immediato predecessore, l'SF4, l'SF3 promette un incremento delle prestazioni del 22% con la stessa potenza e numero di transistor, o il 34% di potenza in meno con la stessa frequenza e complessità, nonché una riduzione del 21% dell'area logica. Nel complesso, Samsung ripone molte speranze su questa tecnologia, poiché è questa generazione della sua tecnologia a 3 nm che è pronta a competere con i nodi N3B e N3E di TSMC.

SF4: pronto per l'impilamento 3D

Infine, Samsung sta preparando anche una variante dell'ultimo nodo tecnologico FinFET, SF4, per l'utilizzo nel chip stacking 3D. Poiché i miglioramenti della densità dei transistor continuano a rallentare, lo stacking dei chip 3D è emerso come un modo per migliorare ulteriormente le prestazioni complessive dei chip, in particolare con i moderni design di processori multi-tile.

I dettagli su questo nodo sono limitati, ma sembra che Samsung stia apportando alcune modifiche di calcolo/ottimizzazione per utilizzare chip realizzati con SF4 in un design stack 3D, in cui i chip devono essere in grado di comunicare su e giù. Secondo il rapporto finanziario del primo trimestre dell'azienda, Samsung prevede di completare i lavori preparatori sulla variante SF4 dello stack di chip durante il trimestre in corso (Q2).

fonti: SAMSUNG, SAMSUNG

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply