Istruzione e scuola | I voti alti in matematica non ti rendono un buon insegnante

Pubblica discussione Esprime le opinioni dello scrittore.

A volte mi chiedo se i giovani insegnanti in formazione di oggi sappiano davvero in cosa si stanno cacciando: lottando con la loro tesi di master e lungo la strada ponendosi la domanda: “Sarò in grado di usarlo?”

Se la motivazione è che un giorno potrai vantarti del titolo di docente, o che lavorare in una scuola è solo un trampolino di lancio verso “qualcosa di più interessante e meglio pagato” in seguito, forse dovresti riconsiderare il tutto.

Non c'è nessun docente che ti insegni la gestione della classe. Avere voti alti in matematica, ad esempio, non ti rende necessariamente un buon insegnante.

Io stesso sono stato assistente professore in una scuola di formazione per insegnanti per quattro anni, ma avrei fatto bene con due anni. L'unico alimento utile durante il periodo studentesco era il periodo di formazione. Non dimentichiamo che i miei anni da supplente (senza formazione di insegnante certificata) mi hanno insegnato tantissimo.

Molti futuri insegnanti hanno difficoltà con la matematica. Ho anche preso un voto medio. Ma oggi, dopo tanti anni, la matematica è ciò che mi piace di più.

Anni di esperienza mi hanno reso abile. Il fatto che a volte avessi difficoltà con l’aritmetica ha reso più facile per me, come insegnante, riconoscere come gli studenti vivessero la materia come impegnativa e frustrante.

Gli insegnanti tirocinanti oggi devono avere più pratica nel loro insegnamento e meno teoria. Come insegnante, devi ricoprire molti ruoli a volte impegnativi come genitore sostituto, psicologo dilettante e diplomatico.

Come ci comportiamo con genitori indecenti che pensano che il baccello sia un angelo, o studenti che fanno commenti estremamente offensivi o che sono violenti? Che dire di chi esce da case in disordine, o di bambini e ragazzi che a malapena riescono a indossare abiti puliti o a portare il pranzo da casa?

READ  Orologio intelligente: attacco di cuore mentre faceva jogging.. Un orologio intelligente ha salvato la vita a un amministratore delegato

Se si commette l’errore pubblico di “offendere” uno studente, tutto può esplodere. La maggior parte delle volte non ricevi alcun supporto dal preside, solo per essere avvisato.

I dati dell'Organizzazione del settore municipale mostrano che più di un insegnante su tre appena qualificato si è dimesso dopo cinque anni di lavoro. Le parole chiave qui potrebbero essere: ruolo dell'insegnante – orientamento – gestione della scuola.

Il sottoscritto non ha mai subito personalmente maltrattamenti da parte degli studenti, e di questo gli sono grato.

Leggi anche

La cultura giovanile di oggi è andata fuori strada

Leggi anche

Essere genitore è il ruolo più importante che si possa svolgere

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply