Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU emette una risoluzione per chiedere il cessate il fuoco a Gaza

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si riunisce sulla situazione in Medio Oriente, compresa la questione della Palestina, presso la sede delle Nazioni Unite a New York il 25 marzo 2024.
immagine: AFP/Angela Weiss

di Ravi BergNotizie della BBC

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto un “cessate il fuoco immediato” a Gaza, dopo che gli Stati Uniti non hanno posto il veto alla risoluzione, spostandosi dalla loro posizione precedente.

La risoluzione chiede inoltre il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi.

Finora il Consiglio non è riuscito a trovare un accordo sulla richiesta di un cessate il fuoco dall’inizio della guerra, lo scorso ottobre.

La mossa americana indica una crescente controversia tra esso e il suo alleato Israele riguardo all’attacco israeliano a Gaza.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che la decisione di approvare la risoluzione rappresenta un passo indietro rispetto alla posizione originaria del paese, secondo una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio.

Si dice anche che abbia deciso di cancellare gli incontri tra una delegazione israeliana e funzionari americani a Washington previsti per questa settimana.

Gli Stati Uniti si sono astenuti dal voto, mentre i restanti 15 membri del Consiglio hanno votato a favore della risoluzione.

In precedenza aveva impedito l'emanazione di risoluzioni che chiedevano un cessate il fuoco, affermando che un simile passo sarebbe stato sbagliato mentre proseguivano i delicati negoziati tra Israele e Hamas per raggiungere una tregua e il rilascio degli ostaggi.

Ma giovedì ha presentato per la prima volta la propria proposta di cessate il fuoco, segnando un inasprimento della sua posizione nei confronti di Israele.

READ  Il ministro degli Esteri italiano difende l'accordo di migrazione tra Italia e Albania - Euractiv.fr

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di consentire l’approvazione della risoluzione non significa “un cambiamento nella nostra politica”. Ha detto che gli Stati Uniti hanno sostenuto il cessate il fuoco ma non hanno votato a favore della risoluzione perché il testo non condanna Hamas.

Gli Stati Uniti erano stati precedentemente accusati di usare il loro potere di veto per proteggere Israele alle Nazioni Unite. Tuttavia, è diventato sempre più critico nei confronti di Israele per il crescente bilancio delle vittime a Gaza, dove più di 32.000 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini, sono state uccise dai bombardamenti israeliani, secondo il ministero della sanità nell’enclave gestito da Hamas.

Gli Stati Uniti hanno anche esercitato pressioni su Israele affinché faccia di più per fornire aiuti a Gaza, dove affermano che l’intera popolazione soffre di gravi livelli di grave insicurezza alimentare.

Le Nazioni Unite hanno accusato Israele di ostacolare gli aiuti; Israele ha accusato le Nazioni Unite di non aver distribuito gli aiuti.

La guerra è scoppiata il 7 ottobre dopo che Hamas, il gruppo islamico palestinese che governa la Striscia di Gaza, ha effettuato un attacco senza precedenti contro Israele, uccidendo circa 1.200 persone, secondo le statistiche israeliane, e prendendo in ostaggio 253 persone a Gaza.

Questa storia è stata originariamente pubblicata da BBC.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply