Il Concours d’Elegance mostrerà la casa automobilistica italiana nel suo 60° anniversario – Monterey Herald

Il Concours d’Elegance di quest’anno celebrerà il design innovativo con, tra gli altri, il Marchese Lamborghini, che festeggia il suo 60° anniversario. (Kimball Studios, per gentile concessione di Pebble Beach Concours d’Elegance)

Pebble Beach – Immaginalo. Secondo la storia, Ferruccio Lamborghini, che produceva ottimi trattori dal 1948, aveva acquistato la Ferrari di cui si lamentava. La sua risposta di Enzo Ferrari è stata un insulto quando ha detto: “Perché non ti attieni ai trattori e io mi atterrò alle macchine”. A quanto pare Lamborghini ha risposto: “Posso farlo anch’io” e ha proceduto a progettare la sua auto.

Che si trattasse solo di una bella storia che Lamborghini amava raccontare, quattro mesi dopo, nel 1963, lanciò la sua prima auto, la 350 GTV, in tempo per la sua presentazione al Salone di Torino del 1963, con recensioni di successo. Successivamente ha rielaborato il modello di serie e ha lanciato la 350 GT.

Il Concours d’Elegance di quest’anno celebrerà il design innovativo con, tra gli altri, il Marchese Lamborghini, che festeggia il suo 60° anniversario.

(Illustrato da Ariana Nallbach)

“È stata un’idea di Ferruccio Lamborghini creare la più grande auto sportiva italiana. All’epoca, la Ferrari era re, e avevamo anche Alfa Romeo e Maserati, quindi è stata una decisione molto importante entrare in questa arena e provare a competere”, ha detto il giudice Paul Hagman, un automobilista di ultima generazione, il terzo. che, insieme a suo padre, possiede Hageman Motorcars.

L’approccio di Lamborghini al design automobilistico non era ortodosso in quanto la maggior parte dei produttori di auto sportive utilizza le corse per supportare lo sviluppo e il marketing, ma non aveva alcun interesse per le corse. A differenza di Enzo Ferrari, non aveva costituzione, dice Hagman, né una tendenza a mandare i piloti in pericolo solo per aumentare il suo nome. Al contrario, Enzo Ferrari aveva fama di essere molto duro, e per lui i piloti sarebbero stati superflui.

READ  Il partito di Imran diventerà il più grande partito in Parlamento dopo la decisione della corte

Gli anni ’50 e ’60, in particolare, furono un’era incredibilmente mortale nelle corse.

Durante lo sviluppo della sua casa automobilistica, Ferruccio Lamborghini ha avuto accesso a una vasta rete di ingegneri, costruttori di telai, motori e progettisti dall’Italia, che ha portato a casa per progettare e costruire auto costose, dal punto di vista meccanico e prestazionale, ma anche molto accattivante. Le loro impressionanti creazioni hanno suscitato molto scalpore ai saloni automobilistici. E stavano vendendo.

“Sono stati fatti molti sforzi per capire la produzione, così come il marketing e le vendite”, ha detto Hagman. “Alla fine degli anni ’60, ciò che distingueva davvero Lamborghini era la scoperta che era possibile creare una grande macchina senza dover essere il più veloce o competere direttamente con la Ferrari in termini di prestazioni”.

Concentrandosi maggiormente sul design, che includeva alcuni grandi progetti di auto, Lamborghini ha ideato la Miura, che è considerata la prima supercar contemporanea.

“La Miura aveva una carrozzeria monoscocca o ‘monoscocca’, il che significa che il telaio era parte integrante della carrozzeria, con un layout del motore centrale, posizionato sui lati, dietro l’abitacolo”, ha detto Hagman. “Questo è qualcosa che è stato utilizzato nelle corse all’aperto ma non nelle auto sportive di serie. È il design che oggi ha dimostrato di avere maggior successo dal punto di vista ingegneristico”.

Concentrandosi maggiormente sul design, Lamborghini creò la Miura, considerata la prima supercar contemporanea. (Kimball Studios, per gentile concessione di Pebble Beach Concours d’Elegance)

La Miura fu il primo grande successo di Lamborghini creando qualcosa di altamente desiderabile e commerciabile, seguita dalla Espada, una grande coupé a quattro posti. Costruita tra il 1968 e il 1978, era un grande design e un’ottima macchina da turismo.

“D’ora in poi, gli anni ’70 sono stati contrassegnati da design davvero straordinari. Lamborghini ha spinto i limiti in molti modi, rompendo con la tradizione”, ha affermato Hagemann.

READ  Scozia e Irlanda vincono le competizioni WXV in circostanze entusiasmanti

Ciò che Hagemann ha trovato interessante del successo di Lamborghini come marchio è stato che mentre Porsche, Ferrari e McLaren hanno vinto le gare, guadagnandosi il rispetto delle persone interessate agli sport motoristici, con Lamborghini, non è stato così. La gente vedeva un’auto e doveva possederne una.

“Lamborghini è diventata desiderabile, più attraverso il prisma del lusso e del design che attraverso i canali tipici, per affermarsi come un’auto sportiva degna delle corse”, ha affermato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply