Gli animali velenosi prevalgono nel continente australiano, come si crede comunemente? | Scienze

L’Australia ospita un’incredibile varietà di creature velenose, tra cui ragni, serpenti, meduse, polpi, formiche, api e persino ornitorinchi, molti di questi animali sono antecedenti all’esistenza dell’Australia.

Oggetti pre-separazione

“L’Australia divenne una massa continentale separata circa 100 milioni di anni fa quando si separò dal supercontinente meridionale Gondwana, e la stirpe degli insetti velenosi è due o tre volte più antica di quella separazione”, Kevin Arbuckle, assistente professore di biologia evolutiva presso l’Università di Swansea nel Regno Unito, ha detto a WordsSideKick.com.

In altre parole, alcune specie veramente tossiche sono rimaste bloccate in Australia quando questa è diventata una massa terrestre isolata. Tra gli artropodi velenosi ci sono le formiche dalle mascelle trappole, che possono infliggere dolorose punture, ma questi insetti vivono anche in altre regioni tropicali e subtropicali del mondo, non solo in Australia.

Le formiche toro australiane, che possono pungere e mordere, sono tra le formiche più mortali al mondo (Getty)

Allo stesso modo, le formiche toro australiane, che possono pungere e mordere allo stesso tempo, sono tra le formiche più mortali al mondo. Secondo quanto riferito, ha ucciso tre persone dal 1936 secondo il Guinness World Records. Queste sottospecie di formiche velenose erano già presenti nel Gondwana al momento della separazione e vi rimasero una volta che l’Australia divenne un continente a sé stante.

Per quanto riguarda i ragni, quelli della ragnatela a imbuto sono gli unici ragni australiani che possono uccidere gli esseri umani con un morso velenoso, ha detto Arbuckle. Si ritiene che i ragni maschi della ragnatela a imbuto di Sydney abbiano ucciso 13 persone, sebbene secondo l’Australian Museum non sia stata registrata alcuna morte umana dall’introduzione degli antiveleni nel 1981. Esiste una specie australiana di ragno vedova dal dorso rosso, che può anche uccidere con un morso velenoso, e anche gli antenati di questi ragni sono antecedenti all’esistenza dell’Australia come continente separato.

READ  Quest'anno Issoudun scalcia alla maniera italiana

Oggetti post-separazione

Un’altra parte degli organismi risale a 60 milioni di anni fa, secondo Michael Lee, professore di biologia evoluzionistica al South Australian Museum e alla Flinders University. A quel tempo, la deriva dei continenti spinse l’Australia verso l’Antartide ghiacciata, spazzando via la maggior parte dei suoi rettili. Mentre il continente si spostava lentamente verso nord, si riscaldava e attirava nuovamente i rettili.

40 milioni di anni dopo questo “incidente”, i primi serpenti colonizzarono il continente e appartenevano alla famiglia dei “protozoi” velenosi con le zanne anteriori, che comprende cobra, mamba, serpenti corallo e taipan, e divennero gli antenati della terra. serpenti, e poi si è evoluto in altri serpenti: Somaya.

Delle 220 specie di serpenti in Australia, ci sono 145 specie velenose e questi serpenti mortali rappresentano il 65% dei serpenti in Australia, sebbene solo il 15% circa dei serpenti nel mondo in generale siano serpenti velenosi.

I ragni della ragnatela a imbuto sono gli unici ragni australiani che possono uccidere gli esseri umani con un morso velenoso (Getty)

Tanti…ma è esagerato

Riguardo al numero di creature velenose che ospita l’Australia, Dieter Hochuli, professore di ecologia all’Università di Sydney, afferma: “La risposta in breve è molte, e forse più di quanto pensiamo”.

“L’Australia ha un’immagine duratura e straordinariamente importante come dimora di animali altamente velenosi, ma questo è spesso esagerato”, afferma Arbuckle. Egli ritiene che questa convinzione derivi forse dal “capitale scientifico” e dalle “infrastrutture eccellenti” della sanità pubblica e dell’assistenza medica nel continente. “La diversità degli animali velenosi non è affatto insolita per una regione prevalentemente tropicale”, afferma.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply