Esortare più donne keniane a ricoprire posizioni nei consigli di amministrazione

Esortare più donne keniane a ricoprire posizioni nei consigli di amministrazione

Donne provenienti da Kenya, India e Malesia alla cerimonia di laurea Global Women in Boards (GWOB) a Parigi, Francia, il 17 novembre 2023. Foto | cortesia

Le donne keniane sono state esortate a continuare a cercare posizioni nei consigli di amministrazione mentre il paese cerca di raggiungere l’equilibrio di genere nei settori pubblico e privato.

“Molti consigli di amministrazione, non solo in Kenya, ma in tutto il mondo, sono ancora prevalentemente maschili. Quando chiedi alle aziende informazioni sulla diversità, ti chiederanno ‘Dove sono le donne?'”, ha affermato Catherine Musakali, fondatrice e presidente di Women on Boards. Network (WOBN): “Ecco perché mettiamo in contatto donne provenienti da diversi settori con quelle già presenti nei consigli di amministrazione per aiutarle a prepararsi al servizio a bordo”. Durante la cerimonia di laurea del programma Global Women on Boards (GWOB) a Parigi, Francia.

L’evento di venerdì è stato il culmine di un programma di sei mesi, in collaborazione con LeadWomen e i Centri globali della Colombia a Nairobi e Parigi. Quest’anno c’erano 15 delegati provenienti da Kenya, India e Malesia.

I moduli includevano governance aziendale, gestione del rischio e pensiero strategico, nonché supervisione finanziaria del consiglio, mentre i delegati hanno potuto interagire con esperti globali.

“Il programma GWOB fornisce sviluppo mirato e tutoraggio per aiutare le donne a comprendere le competenze richieste e ad acquisire spunti pratici per prepararle ed equipaggiarle per il viaggio nel consiglio di amministrazione”, ha affermato Musakale, avvocato della Corte Suprema del Kenya ed ex membro del consiglio. Alleanza del settore privato del Kenya (KEPSA).

READ  Un robot ispirato alle lumache potrebbe aiutare a pulire le microplastiche

Ha aggiunto che GWOB, in quanto programma per sole donne, “fornisce una piattaforma sicura affinché le donne possano condividere apertamente esperienze, porre domande e apprendere in un ambiente chiuso e abilitante”. A ogni delegato viene assegnato un mentore, con esperienza di gestione, per fornire guida e supporto durante tutto il programma e anche dopo il suo completamento.

In Kenya, l’attuazione della soglia dei due terzi di genere, come previsto dalla Costituzione, è stata sfuggente. Il Parlamento ci ha provato – 10 volte – Approvare la legge sui due terzi di genere, ma non è riuscita.

Lo dice la sezione 27(8) della Costituzione del Kenya Lo Stato adotta misure legislative e di altro tipo per attuare il principio secondo cui non più di due terzi dei membri degli organi eletti o nominati devono essere dello stesso genere.

Il Kenya Capital Markets Act 2015 afferma che “il processo di nomina degli amministratori deve essere sensibile alla rappresentanza di genere, alle aspettative nazionali e non dovrebbe essere visto come rappresentante di un interesse individuale o ristretto della comunità”.

Un rapporto intitolato “Progress at a Slow Pace: Women on Boards” pubblicato da Deloitte nel 2022 ha rivelato che la media globale delle donne nei consigli di amministrazione è del 20%, con la Francia in testa con il 43,2%, seguita da Norvegia e Italia. Rispettivamente del 42,4% e del 36,6%.

Nello studio, il Kenya ha ottenuto il 36%, seguito dal Sud Africa (29%) e dalla Nigeria (19%).

Tuttavia, “una cosa che non è cambiata nei quasi 12 anni trascorsi dalla pubblicazione del rapporto inaugurale è la lentezza dei progressi”, hanno affermato Dan Koenigsberg (amministratore delegato senior, Deloitte Touche Tohmatsu Ltd.) e Sharon Thorne (ex presidente di Deloitte Nel rapporto: “Se questo tasso di cambiamento continua ogni due anni, possiamo aspettarci di raggiungere qualcosa di vicino alla parità nel 2045”.

READ  30 Le migliori recensioni di Tenda A Vela Triangolare testate e qualificate con guida all'acquisto

I due hanno aggiunto: “Anche se la lentezza rimane inaccettabile, possiamo trovare un po’ di ottimismo nella leggera accelerazione del ritmo del cambiamento”.

Durante il Forum delle donne del Commonwealth del giugno dello scorso anno, ai delegati è stato detto che tutti i consigli governativi in ​​Ruanda avevano più del 30% di membri donne, ma le ONG e i consigli del settore privato no.

Ma “i piani per lavorare su questa situazione sono stati fatti da GMO [Gender Monitoring Office] In collaborazione con [the
ministry] “Per la promozione del genere e della famiglia”, ha affermato Rose Jasebrig Rwapuhi, CEO di GMO.

Allo stesso tempo, i critici sostengono che sia pericoloso adottare consigli di amministrazione equilibrati tra i sessi per motivi di correttezza politica.

Lo ha affermato Katherine Moraga, direttrice esecutiva del Microsoft Africa Development Center, in un articolo pubblicato sul quotidiano The Standard.

Diversi paesi in tutto il mondo stanno adottando un approccio volontario per raggiungere l’equilibrio di genere, mentre altri, come quelli dell’Unione Europea, hanno misure legislative per la diversità nei consigli di amministrazione.

Ad esempio, sei paesi europei, compreso il Regno Unito, aderiscono alla direttiva europea sulle donne nei consigli di amministrazione, che mira a raggiungere l’equilibrio di genere nei consigli di amministrazione delle società.

“L’approccio volontario dei paesi al raggiungimento dell’equilibrio di genere nei consigli di amministrazione ha avuto un successo limitato, mentre le misure legislative, comprese le quote vincolanti di genere adottate a livello nazionale, hanno avuto un impatto significativo”, afferma un rapporto dello studio legale internazionale Allen & Overy. .

READ  30 Le migliori recensioni di Adesivi Per Porte testate e qualificate con guida all'acquisto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply