Strane strutture poligonali su Marte, alieni?

L’eredità di Zurong

Nell’ambito della prima missione della Cina su Marte, la navicella spaziale Zurong ha esplorato la regione di Utopia Planitia, uno dei bacini più grandi del Pianeta Rosso. Questa regione è stata visitata per la prima volta dalla missione Viking 2 nel 1976. Grazie ai progressi tecnologici degli ultimi decenni, Zorong è stata in grado di fornire dati senza precedenti sulla composizione di Marte e di rivelare, tra le altre cose, sedici strutture poligonali situate sotto la superficie di Marte. .

Le sfide di Zorong

Come la Terra, anche Marte ha le stagioni, ma sono lunghe il doppio. L’inverno su Marte è particolarmente rigido, poiché le temperature possono scendere fino a -60 gradi Celsius, rendendo difficile il funzionamento dei rover. Durante questi periodi, i rover entrano in modalità standby e continuano ad essere attivi quando le condizioni migliorano.

Zurong, il primo rover cinese su Marte, è in modalità standby da circa un anno. Doveva tornare a funzionare nel dicembre 2022, in occasione dell’equinozio di primavera, ma gli equipaggi a terra non sono riusciti a captare alcun segnale da esso. Le tempeste di sabbia hanno ridotto la potenza dei pannelli solari e alla fine la Cina è stata costretta ad abbandonare la missione.

Successo nonostante le difficoltà

Nonostante tutto, la missione di Zurong è considerata un successo. Il veicolo era stato progettato per una missione iniziale di 90 sol (giorni marziani), ma ha continuato a operare per più di un anno sulla Terra nella regione di Utopia Planitia e ha acquisito molti dati utilizzando il radar che ha esplorato il sottosuolo dei dati raccolti. Lo studio è ancora in fase di studio e nel giro di pochi giorni i ricercatori sono riusciti a identificare diverse strutture poligonali a una profondità di 35 metri.

READ  30 Le migliori recensioni di Lg G7 One testate e qualificate con guida all'acquisto

Come si sono formate le strutture poligonali su Marte?

Sappiamo che esiste attività geologica su Marte, come evidenziato dai terremoti misurati dallo strumento InSight della NASA, e lo studio si è concentrato sulla possibilità che queste strutture si siano formate a seguito dell’attività vulcanica, ma nel sito non è stata trovata alcuna prova di basalto studiato. I ricercatori ipotizzano che queste strutture siano in realtà sedimentarie, formatesi a seguito di cicli di gelo-disgelo che hanno creato crepe nel terreno, un processo che può essere osservato in altre regioni di Marte. Questo processo continua per miliardi di anni e comporta la sublimazione. E gelido.

Se le strutture poligonali si sono effettivamente formate a seguito di cicli di gelo-disgelo, ciò suggerisce che il clima di Marte in passato era molto più variabile di quanto pensassimo. Utopia Planitia, situata a latitudini medio-basse, avrebbe avuto stagioni molto diverse a causa dell’inclinazione dell’asse di Marte in quel momento.

Prove di eventi passati

Gli strati di materiale che ricoprono le strutture poligonali testimoniano eventi geologici passati. Le strutture sono state sepolte in strati di materiali diversi, indicando che l’ambiente umido che le ha create potrebbe non esistere più o che potrebbe essersi verificato qualche altro evento geologico sconosciuto.

I dettagli dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Astronomy.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply