L'universo è un fan del Super Bowl

  • Il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea ruota così velocemente da distorcere il tempo e lo spazio in una forma ovale che ricorda un pallone da football americano.
  • I ricercatori hanno utilizzato la radio e i raggi X per determinare la velocità di rotazione del buco nero supermassiccio, chiamato Sagittarius A*.
  • Il metodo utilizzato, chiamato “metodo del flusso”, indicava che Sagittarius A* ruotava al 60% della velocità massima possibile secondo la teoria della relatività generale di Albert Einstein.

Sembra quindi che Sagittario A* si stia preparando per il Super Bowl spazio.

Il buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia, la Via Lattea, ruota così velocemente da distorcere il tempo e lo spazio in una forma ovale che ricorda un pallone da football americano. Questa scoperta deriva da un attento studio delle osservazioni radio e dei raggi X.

Secondo la teoria della relatività generale di Albert Einstein, quando un oggetto massiccio ruota, può attirare lo spazio attorno a sé. Questo fenomeno è chiamato “frame drag” ed è stato osservato che anche la nostra Terra in rotazione distorce lo spazio nei suoi dintorni. Tuttavia, l’effetto è più pronunciato per gli oggetti estremamente massicci, noti anche come buchi neri supermassicci, che sono milioni o addirittura miliardi di volte più grandi del nostro Sole. Quanto più velocemente ruota questo corpo massiccio, tanto più lo spazio attorno ad esso si appiattisce, assumendo quindi una forma ellittica.

Tuttavia, è stato difficile determinare la velocità di rotazione del buco nero da 4,1 milioni di masse solari nella nostra galassia, noto come Sagittarius A* o Sgr A* in breve. La maggior parte delle stime variava ampiamente. Un gruppo di astronomi, guidato da Ruth Daly della Pennsylvania State University, ha applicato una procedura chiamata “metodo del flusso” per ottenere una misura della velocità angolare di Sagittarius A*, il numero di volte in cui ruota al secondo.

READ  Incredibili sconti fino al 60% nelle esclusive offerte saudite di Al Othaim

Il metodo del flusso è letteralmente quello che viene chiamato, poiché misura il modo in cui la materia si allontana dal buco nero, il che a prima vista può sembrare controintuitivo, poiché è noto che i buchi neri attraggono la materia. Tuttavia, il deflusso dal buco nero può apparire come un getto magnetico di materia che emette abbondanti onde radio. Nel frattempo, i grumi di plasma caldo (gas ionizzato) prodotti nel disco di materia attorno al buco nero, che possono essere spazzati via, sono abbastanza caldi da emettere raggi X.

Questi grumi, chiamati plasmoidi, si formano in modo più efficiente quando il buco nero gira rapidamente, perché la resistenza del fotogramma risultante amplifica il campo magnetico del buco nero e lo tira come una cintura più vicino al perimetro del buco nero. Ciò a sua volta crea condizioni magnetiche intense che sono più favorevoli alla formazione plasmodiale.

Pertanto, riferendosi alle osservazioni archiviate di Sagittarius A* effettuate con il Karl G. Jansky Very Large Array of Radio Telescopes e l’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA, il team di Daly ha misurato la velocità angolare di Sagittarius A* al 60% del suo valore massimo possibile. , che è determinata dalla velocità della luce. In altre parole, Arciere A*

Leggi anche

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply