Le pressioni costringono Netanyahu a cancellare la discussione su “Il giorno dopo la guerra” | Notizia

Ieri, giovedì, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha annullato la discussione sulla questione del futuro di Gaza dopo la guerra a causa delle pressioni dei suoi partner della coalizione di governo, secondo quanto riportato dai media israeliani.

L'Autorità radiotelevisiva israeliana e Channel 12 hanno affermato che Netanyahu “ha deciso all'ultimo minuto di non discutere la questione del giorno dopo la guerra a Gaza nel consiglio di guerra tenutosi giovedì sera”, in riferimento al possibile piano di Tel Aviv nella Striscia dopo la fine della guerra che dura da circa 3 mesi.

I due canali hanno indicato che “i partner della coalizione di governo hanno esercitato forti pressioni su Netanyahu affinché cancellasse questa discussione all'interno del consiglio di guerra”.

Il ministro della Sicurezza nazionale israeliano Itamar Ben Gvir ha affermato che il Gabinetto di Guerra ha il compito di gestire l’operazione militare e di non discutere la politica del giorno successivo.

Ben Gvir ha aggiunto che la discussione del giorno successivo a Gaza è uno dei compiti del mini-gabinetto e non appartiene al gabinetto di guerra.

Il ministro israeliano della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir (Reuters)

Il partito “Sionismo religioso”, guidato dal ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, e il partito “Forza Ebraica”, guidato da Ben Gvir, hanno annunciato la loro opposizione alla discussione summenzionata con il pretesto della “incompetenza del Consiglio di Guerra”, secondo a quanto riporta il quotidiano Yedioth Ahronoth.

I due ministri – che non sono membri del Consiglio di Guerra – hanno minacciato in più di un'occasione di ritirarsi dal governo e di scioglierlo se la guerra a Gaza fosse stata fermata prima che il Movimento di Resistenza Islamico (Hamas) fosse stato eliminato e che i prigionieri e detenuti israeliani fossero stati eliminati. a Gaza sono stati rilasciati.

READ  30 Le migliori recensioni di Grigliato In Legno testate e qualificate con guida all'acquisto

I piani di Netanyahu

Più di una volta, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato di volere il “controllo di sicurezza israeliano” su Gaza dopo la guerra.

Nelle sue precedenti dichiarazioni, Netanyahu ha affermato: “Il giorno dopo la guerra, Gaza deve essere smilitarizzata, e c'è solo una forza che può esserne responsabile, ovvero l'esercito israeliano”.

Ha inoltre affermato in più di un'occasione il suo rifiuto categorico all'assunzione da parte dell'Autorità Palestinese delle funzioni di governo nella Striscia di Gaza dopo la guerra.

Le dichiarazioni di Netanyahu a questo riguardo contraddicono la posizione americana, e gli scenari delineati hanno scatenato una disputa tra lui e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Dallo scorso 7 ottobre, l’esercito israeliano conduce una guerra devastante contro Gaza che, fino a ieri, giovedì, ha provocato 21.320 morti e 55.603 feriti – la maggior parte dei quali bambini e donne – una massiccia distruzione di infrastrutture e una catastrofe umanitaria senza precedenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply