Il ministro degli Esteri italiano difende l’accordo di migrazione tra Italia e Albania – Euractiv.fr

Il vice primo ministro e ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha affrontato il controverso accordo tra Italia e Albania sulla gestione degli immigrati clandestini alla Camera dei rappresentanti martedì (21 novembre), affermando che non può essere confrontato con l’accordo tra il Regno Unito e il Ruanda, Recentemente invalidato dall’Alta Corte di Londra.

Il signor Tajani ha spiegato che il memorandum di comprensione con Tirana è un “Pezzo importante” Nella strategia del governo di Giorgia Meloni (fratello d’Italia, conservatori e riformisti europei) per combattere i flussi di migrazione irregolare e il traffico di esseri umani ‘Continua a richiedere le vittime’.

“Prevenire le partenze irregolari, rafforzare i confini esterni, combattere i contrabbandieri, migliorare il sistema di rimpatrio, espandere le rotte di migrazione legale, ricevere persone intitolate alla protezione internazionale: queste sono le principali componenti della protezione internazionale: il nuovo approccio che stiamo cercando di attuare in Europa. ““, Ha annunciato il ministro.

In Albania, i migranti saranno curati “In modo completamente compatibile” In conformità con le normative italiane ed europee, i due centri del paese opereranno in conformità con gli standard italiani, europei e internazionali in questo campo. Il procedimento seguirà anche la legge italiana e sarà condotto esclusivamente dalle autorità amministrative e giudiziarie italiane.

I partiti di opposizione di sinistra avevano ampiamente criticato l’accordo, come ha detto il segretario del Partito Democratico (partito Democratico(Europei socialisti e democratici) Elie Schlein, esprimendo un grande stupore nei confronti di se stesso e verso il capo delle politiche di immigrazione del partito, Pierfrancesco Majorino, che denunciano “rifiuti pericolosi”.

Questo accordo “Sembra essere una chiara violazione del diritto internazionale ed europeo”.Schlein ha detto, aggiungendo che non era valido perché il governo lo ha concluso senza consultare il Parlamento.

READ  Celebrazione della Giornata Nazionale del Vietnam in Italia

Questo è il motivo per cui il governo ha annunciato martedì che prevede di presentare un progetto di legge per ratificare il protocollo d’intesa al Parlamento, fornendo una maggiore chiarezza sull’attuazione del protocollo d’intesa.

“Il dibattito di oggi e il voto che concluderanno mostrano che il nostro governo, se necessario, non si ritirerà mai, in particolare su questioni di questa importanza, dal dialogo con il Parlamento o dall’attenta valutazione del Parlamento.Il signor Tajani ha confermato.

Il Partito Democratico ha espresso la sua soddisfazione per la scelta del governo, descrivendola come … “Hairpin” Del parlamentare Giuseppe Provenzano.

Il Consiglio d’Europa critica l’accordo di migrazione tra Italia e Albania

L’accordo di migrazione albanese-italiana non solo solleva questioni legali e di diritti umani, ma riflette anche il desiderio dei paesi europei di trovare soluzioni rapide ai problemi di migrazione, afferma il Commissario per i diritti umani del Consiglio europeo dall’Europa.

Un accordo che non può essere paragonato a quello concluso tra il Regno Unito e il Ruanda

Tajani ha aggiunto che l’accordo tra Italia e Albania non può essere paragonato a quello concluso tra il Regno Unito e il Ruanda, perché non prevede l’outsourcing della gestione delle domande di asilo in un terzo paese né deroga dai diritti internazionali.

“L’Albania si unirà presto all’Unione europea e fa già parte del Consiglio d’Europa »Come ha confermato il ministro.

Infine, solo i migranti che possono essere collocati nei centri di accoglienza potranno essere trasportati in Albania. In effetti, secondo le normative italiane ed europee, ci sono due categorie di immigrati.

Il primo sono i richiedenti asilo che sono soggetti a procedure di frontiera accelerate, che riguarda persone non volnebili da paesi sicuri o migranti che hanno già richiesto asilo e respinti.

READ  La Ciotat: un delizioso connubio tra due culture

La seconda categoria è la categoria di persone in attesa di tornare a casa dopo aver confermato di non soddisfare i requisiti per la residenza in Italia.

In nessun caso le persone vulnerabili, come minori e donne in gravidanza, possono essere inviate al centro albanese.

L’Albania renderà a disposizione due regioni in Italia gratuitamente. Un punto di arrivo nel porto di Shenzhen sulla costa settentrionale del paese e una base militare a Gadir, a circa 30 chilometri dal porto. Quest’ultimo avrà una struttura specializzata per le attività di salvataggio, pronto soccorso e impronte digitali.

Le domande di protezione internazionale saranno esaminate nella seconda struttura situata nell’entroterra e le procedure di rimpatrio saranno eseguite lì per coloro che non soddisfano le condizioni richieste.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply