Il coraggioso italiano che ha trasformato i “Big Two” del tennis in “Big Three”

Jannik Sinner è diventato silenziosamente ed efficientemente una forza da non sottovalutare – Getty Images/Clive Brunskill

Hai sentito parlare di determinismo nominativo? L’idea che le persone tendano a essere all’altezza dei propri titoli, come il pilota di auto da corsa Scott Speed?

Ebbene, la nuova stella del tennis Jannik Sinner deve essere l’eccezione che conferma la regola. L’uomo dal titolo infernale – Chi ha sconfitto Novak Djokovic Due volte nelle ultime due settimane, in realtà è una specie di chierichetto. Quando è stato pressato in una recente intervista, Sinner ha ammesso di aver rotto solo due putter in tutta la stagione: una statistica quasi inaudita nel moderno e squallido tour.

Dopo aver terminato la conversazione con Sener, potresti immaginarlo mentre beve ancora una tazza di latte caldo prima di andare a letto, prima di sedersi con la sua bambola preferita. Certamente non si è mai imbattuto in un assassino dallo sguardo freddo. Negli ultimi due anni, quest’aria mite si è tradotta in una serie di frustranti incidenti sfiorati. Un esempio di ciò è stata la partita di cinque ore dei quarti di finale degli US Open che Sinner – allora 21enne – ha perso contro un Carlos Alcaraz molto più giovane l’anno scorso.

Quando Alcaraz vinse gli US Open e sconfisse Djokovic nella finale di Wimbledon quest’estate, gli appassionati di tennis decisero che stavano guardando un nuovo “Big Two”. In termini di ciclismo, il gruppo è rimasto indietro. Ma le dinamiche di potere stanno cambiando rapidamente in questo sport. Alcaraz – che ha vinto sei dei 10 tornei giocati fino a Wimbledon – deve aver subito una foratura durante i suoi festeggiamenti post-erba, perché da allora non ha segnato nulla in sette. E Sinner sta finalmente iniziando a fare i suoi tiri migliori quando ne ha più bisogno, invece di essere 30-15 in una partita di routine.

READ  30 Le migliori recensioni di My Hero Academia Gadget testate e qualificate con guida all'acquisto

Prendiamo, ad esempio, la vittoria in tre set su Djokovic sabato sera. L’Italia aveva già perso la prima partita di gomma nella semifinale di Coppa Davis contro la Serbia, quindi quando Djokovic ha messo a segno tre match point – 0-40 su fallo di servizio – tutti hanno dato per scontato che la questione fosse risolta.

Novak Djokovic e Jannik Sinner - Jannik Sinner: il coraggioso italiano che si è trasformato

Sinner ha battuto Novak Djokovic (a sinistra) nel singolo e nel doppio maschile della Coppa Davis durante il fine settimana – Getty Images/Clive Brunskill

Il peccatore sapeva il contrario. Forse è stato un po’ sfortunato perché Djokovic ha mancato un tiro al volo di rovescio sul punto successivo, un errore raro che ha rivelato un accenno di stanchezza mentale. Ma Sinner ha poi capitalizzato su un servizio irresponsabile, seguito da uno scatto deciso verso la rete. Dopo aver evitato il pericolo, riesce a liberare un agitato Djokovic nella partita successiva, prima di servire per la vittoria.

“Essi [Italy] “Abbiamo giocato davvero bene”, ha detto in seguito un arrabbiato Djokovic. “Soprattutto Yannick, nel singolare contro di me e poi anche nel doppio. Ha mancato di poco la palla per tutta la partita. Quindi, sai, non puoi che fare i complimenti e il cappello per una prestazione del genere”.

La Serbia è stata la squadra più forte nei quarti di finale di Malaga, almeno individualmente, quindi questo sconvolgimento è stato il momento decisivo del fine settimana. Domenica l’Italia ha sconfitto facilmente l’Australia in finale, vincendo la Coppa Davis per la prima volta dal 1976.

L’ancora di questo precedente trionfo era Adriano Panatta, una figura oscura e bella che incarnava la dolce vita. Il peccatore non potrebbe essere più diverso. È alto e alto, e parla tedesco come prima lingua perché viene dalla provincia di confine del Tirolo, dove da ragazzo è stato campione di sci. È accompagnato nel tour da una banda di sostenitori accaniti vestiti da carote in onore dei suoi capelli arancione brillante.

READ  PRO TV - Andrea Panica: "Ho questa pancia un giorno al mese". La superstar, silhouette imponente in costume da bagno
Yannick Siner: italiano di lingua tedesca convertitosi

I tifosi di Sinner tifano per il loro uomo alle ATP Finals di questo mese a Torino – EPA/Alessandro De Marco

Nonostante il suo stile sciolto che lo portava a paragoni con il compagno di squadra di Pippo Topolino, Sinner era sempre in grado di colpire la palla con le sue lunghe braccia da entrambe le ali, combinando l’imprevedibile velocità della palla con un occhio da cecchino per le linee. Ciò a cui non era abituato era molta varietà – drop shot, braciole, volèe – o un servizio particolarmente affidabile.

Ma l’altra risorsa di Sinner è la sua incessante etica del lavoro. È supportato dal miglior staff tecnico del calcio – il maestro australiano Darren Cahill, che lavora al fianco dell’italiano Simone Vagnozzi – e il suo sviluppo in questa stagione è stato affascinante da guardare.

È possibile che la vittoria della Coppa Davis di Sinner catalizzerà la sua carriera nello stesso modo in cui Djokovic raggiunse le stesse imprese nella stessa competizione nel 2010, quando aveva anche lui 22 anni.

Djokovic ha vinto tre titoli importanti la stagione successiva e, sebbene questa sarebbe una strana previsione per Sinner, è già arrivato ai vertici di questo sport. A Malaga, durante il fine settimana, i ‘Big Two’ si sono trasformati nei ‘Big Three’.

Allarga i tuoi orizzonti con il pluripremiato giornalismo britannico. Prova The Telegraph gratuitamente per un mese, poi goditi un anno a soli $ 9 con la nostra offerta esclusiva per gli Stati Uniti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply