I negoziati notturni attendono un compromesso sui combustibili fossili – rts.ch

Un accordo sulla fine dell’uso di carbone, petrolio e gas deve ancora essere raggiunto alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), ma i negoziati stanno accelerando venerdì a Dubai in un’atmosfera calda, con il presidente degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al Jaber e i ministri statali impegnati a farlo. andando avanti.

“Per favore, finiamo il lavoro!” Il sultano Al Jaber lo ha detto ai negoziatori del Qatar venerdì mattina, dopo il tradizionale giorno di riposo di giovedì. Quattro coppie di ministri dei paesi sviluppati e del Sud sono stati incaricati di lavorare per sbloccare la situazione nelle discussioni.

Ha richiesto una terza copia della bozza di accordo, nella quale dovranno essere citati i fossili, a partire da venerdì pomeriggio.

Sultan Al Jaber, che è anche presidente della ADNOC Oil Company, ha avvertito i 197 paesi partecipanti che vuole che la COP si concluda in tempo, martedì alle 11:00 ora locale (07:00 GMT), che sarà eccezionale: il gli ultimi quattro hanno superato da più di 24 ore la fine prevista.

Questo metodico presidente non ha mai smesso di parlare della storica Conferenza delle parti, da quando la sera del primo novembre 30, quando i paesi hanno preso la decisione storica di creare un fondo per aiutare i paesi poveri a pagare le “perdite e i danni” climatici. “.

“Abbiamo sorpreso gli scettici e ispirato gli ottimisti”, ha sottolineato venerdì.

E non è l’unico a dirlo, anche se resta la suspense su come sarà l’accordo finale sui combustibili fossili.

>> Spiegazioni alle 12:45:

In diretta da Dubai, il nostro giornalista Pascal Jeannerat fa il punto su ciò che resta da aspettarsi dalla COP28 / 12:45 / 1 minuto. / Venerdì alle 12:45

Molti paesi si sono opposti alla riduzione o all’abbandono dei combustibili fossili

Una manciata di paesi, tra cui la Cina, il più grande consumatore mondiale di combustibili fossili, e l’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio al mondo, si sono finora opposti a qualsiasi menzione di tapering. Bozza di accordo.

READ  Il Kenya intende trasferire 21 rinoceronti neri per aumentarne il numero

La loro opposizione è bilanciata da due opzioni di formulazione menzionate nella seconda versione del progetto di accordo, risalente a martedì: una “uscita equa e ordinata” dai combustibili fossili, o un impegno ad accelerare gli sforzi per uscire da “questi combustibili che bruciano” senza un dispositivo per catturare le emissioni e ridurne rapidamente l’utilizzo per raggiungere la neutralità delle emissioni di anidride carbonica entro il 2050.

>>Dettagli a La Matinale:

Le sfide della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) all’inizio dei cinque giorni di negoziati / La Matinale / 1 minuto. / Venerdì alle 06:30

Quest’ultima formulazione riecheggia quella utilizzata dalle due economie più potenti del mondo, Stati Uniti e Cina, in una dichiarazione congiunta di novembre: “La sufficienza accelera la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili (…) per accelerare la sostituzione della produzione di elettricità da carbone, petrolio e gas”.

Ma potrebbero ancora emergere formulazioni alternative di queste opzioni: “Non è bilaterale o trilaterale, dovremo trovare qualcosa che ci permetta di raggiungere un consenso”, ha detto un negoziatore del campo del Leave.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply