Webb esplora gli ammassi stellari di NGC 6440

NGC 6440 è un ammasso globulare massiccio, enigmatico e inquinato che si forma e orbita all'interno del rigonfiamento della nostra Via Lattea.

Questa immagine web mostra NGC 6440, un ammasso globulare situato a 27.625 anni luce di distanza nella costellazione del Sagittario. Credito immagine: NASA/ESA/CSA/Webb/P.

NGC 6440 si trova a circa 8.470 parsec (27.625 anni luce) di distanza nella costellazione del Sagittario.

Conosciuto anche come C 1746-203 o GCl 77, questo ammasso globulare fu scoperto dall'astronomo britannico di origine tedesca William Herschel il 28 maggio 1786.

NGC 6440 ha una magnitudine apparente di circa 10 e un diametro di circa 6 minuti d'arco.

“Gli ammassi globulari come NGC 6440 sono raccolte approssimativamente sferiche e fitte di stelle antiche legate insieme dalla gravità”, hanno affermato il dott. Mario Cadelano dell’Università di Bologna e colleghi.

“Possono essere trovati in tutte le galassie, ma spesso vivono alla periferia.”

“Contengono da centinaia di migliaia a milioni di stelle che sono in media distanti circa un anno luce, ma possono essere vicine tra loro quanto le dimensioni del nostro sistema solare”.

“NGC 6440 è noto per essere un ammasso di grande massa e ricco di metalli che si è formato e orbita all’interno del rigonfiamento galattico, una regione densa, quasi sferica, di antiche stelle all’interno della Via Lattea”.

Immagine di NGC 6440 con dati del 2023 ottenuti da Webcam a infrarossi vicini (NIRCam) come parte di un programma di osservazione per esplorare le stelle nell'ammasso e indagare i dettagli delle pulsar dell'ammasso.

Gli astronomi hanno detto: “Una pulsar è una stella di neutroni rotante altamente magnetizzata, e un raggio di radiazione elettromagnetica viene emesso dai suoi poli magnetici”.

READ  Erdogan invia l'intelligenza artificiale a Ozil

“A noi, questo raggio appare come una breve esplosione o pulsazione mentre la stella ruota. Le pulsar ruotano molto rapidamente.”

Gli astronomi hanno registrato le pulsar più veloci a più di 716 rivoluzioni al secondo, ma teoricamente una pulsar potrebbe ruotare fino a 1.500 rivoluzioni al secondo prima di perdere lentamente energia o disintegrarsi.

“I nuovi dati indicano la prima prova dalle osservazioni di Webb delle differenze nell'abbondanza di elio e ossigeno nelle stelle dell'ammasso globulare”, hanno detto i ricercatori.

“Questi risultati aprono la finestra per future e approfondite indagini di altri ammassi nel rigonfiamento galattico, che in precedenza non erano possibili utilizzando altri telescopi a causa del grande affollamento di stelle nell’ammasso e del forte arrossamento causato dalla polvere interstellare tra gli ammassi. ammasso e Terra”.

Il gruppo carta È stato pubblicato sulla rivista Astronomia e astrofisica.

_____

Mario Cadelano et al. 2023. Il telescopio James Webb rivela differenze nell'abbondanza di elio e acqua nel gonfio ammasso globulare NGC 6440. AA 679, L13; Due: 10.1051/0004-6361/202347961

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply