VaTEST III: validazione di 8 potenziali pianeti terrestri giganti dai dati TESS

Curve di luce piegate in fase di sistemi planetari appena validati. La linea blu scuro mostra il modello più adatto, mentre i punti rossi rappresentano le osservazioni trascurate. Le barre di errore grigie sullo sfondo sono dati di TESS. — Ph.EP astronomico

La missione di scansione dell’intero cielo della NASA, il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), è specificamente progettata per rilevare esopianeti in transito che orbitano attorno a stelle luminose.

TESS ha già identificato circa 400 esopianeti in transito, con quasi 6.000 candidati in attesa di validazione. In questo lavoro, presentiamo i risultati del progetto Validation of Exoplanet Transits Using Statistical Tools (VaTEST), uno sforzo continuo dedicato alla validazione e alla caratterizzazione di nuovi esopianeti utilizzando strumenti di validazione statistica.

Abbiamo convalidato otto potenziali super-Terre utilizzando una combinazione di dati di telescopi terrestri, immagini ad alta risoluzione e uno strumento di convalida statistica noto come TRICERATOPS. Questi pianeti convalidati hanno le designazioni: TOI-238b (1.61+0.09−0.10 R⊕), TOI-771b (1.42+0.11−0.09 R⊕), TOI-871b (1.66+0.11−0.11 R⊕), TOI -1467b ( 1,83+0,16−0,15 R⊕), TOI-1739b (1,69+0,10−0,08 R⊕), TOI-2068b (1,82+0,16−0,15 R⊕), TOI-4559b (1,42+0,13−0,11 R⊕) e TOI −5799b (1,62+0,19−0,13 t⊕).

Abbiamo anche studiato gli spettri di trasmissione sintetica di tutti gli otto pianeti validati nella banda passante HST e JWST utilizzando PLATON e PandExo. Di tutti questi pianeti verificati, sei rientrano nella regione conosciuta come i “pianeti centrali”, il che li rende particolarmente interessanti da studiare. Sulla base della posizione di TOI-771b e TOI-4559b sotto la Radius Valley, li caratterizziamo come potenziali super-Terre, sebbene le misurazioni della massa della velocità radiale di questi pianeti forniranno maggiori dettagli sulle loro proprietà.

READ  Ricostruzione di una colata lavica alla Palma

Vale la pena notare che i pianeti all’interno dell’intervallo di dimensioni qui indagato sono assenti dal nostro sistema solare, rendendo il loro studio cruciale per ottenere informazioni sugli stadi evolutivi tra la Terra e Nettuno.

Priyashkumar Mistry, Aniket Prasad, Moses Maity, Kamlesh Pathak, Sarvesh Jarat, Georgios Lekkas, Surendra Bhattarai, Dhruv Kumar, Jack J. Lessauer, Joseph D. Tuiken, Abd al-Rahman Sopkiw, Francisco J. Pozuelos, John Jenkins, Keith Horn e Stephen Giacalone. , Khaled Al-Barqawi, Mathilde Timmermans, Christeline N. Watkins, Ramothulu Sifako, Karen A. Collins, Avi Spohrer, Zuhair Bin Khaldun, Chris Stockdale, Emmanuel Jehin, Philippe Morgas, Martin Bigert, Michael B. Lund, Norio Narita, Richard B. Schwartz, Robert F. Goeke, Thiam Guan Tan, Yugo Kawai

Commenti: In corso di revisione: pubblicazioni dell’Australian Astronomical Society
Argomenti: Astrofisica terrestre e planetaria (astro-ph.EP); Strumenti e Metodi Astrofisici (astro-ph.IM)
Citare come: arXiv:2311.00688 [astro-ph.EP] (o arXiv:2311.00688v1 [astro-ph.EP] per questa versione)
Data di presentazione
Da: Sarvesh Jarat
[v1] Mercoledì 1 novembre 2023, 17:45:05 UTC (29.975 KB)
https://arxiv.org/abs/2311.00688
astrobiologia,

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply