Un'odissea cosmica: il telescopio Gaia rivela importanti dettagli sulla nascita della nostra galassia

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha raccolto informazioni senza precedenti sulla storia della nostra Via Lattea. Il telescopio spaziale Gaia dell'Agenzia spaziale europea ha contribuito a rivelare due antichi ammassi stellari che si intrecciarono e si fusero con la Via Lattea all'inizio della sua esistenza, riferisce Deutsche Welle.


Immagine Formazione della Via Lattea / Agenzia spaziale europea.

I ricercatori che hanno analizzato i dati raccolti da Gaia hanno chiamato questi gruppi in onore di Shakti e Shiva, la coppia divina indù che gli indù credono unita per creare l'universo.

“Uno degli obiettivi di Gaia è quello di rivelare maggiori informazioni sull'infanzia della nostra galassia, e questo obiettivo è stato certamente raggiunto”, ha affermato Timo Prosti, scienziato del progetto Gaia dell'ESA. -Dobbiamo identificare le sottili ma importantissime differenze tra le stelle della Via Lattea per capire come si è formata e si è evoluta la nostra galassia. “Ciò richiede dati incredibilmente accurati, forniti da Gaia”.

Antichi ammassi stellari mostrano la crescita della Via Lattea

Gli astronomi ritengono che Shakti e Shiva siano così antichi che probabilmente si sono formati prima delle parti più antiche della nostra galassia. L'età delle stelle che compongono questi due gruppi sparsi nello spazio è di circa 12-13 miliardi di anni. anni, e la massa di ciascuno è di circa 10 milioni di masse solari.

Gli ammassi di stelle sono sparsi verso il nucleo della Via Lattea, ma non direttamente al suo interno. Nel 2022 Gaia ha raccolto dati da questa regione e ha scoperto che contiene le stelle più antiche dell'intera galassia.

“Le stelle sono così vecchie che non contengono molti metalli pesanti che si sono formati più tardi nell'universo”, ha detto Hans-Walter Rex dell'Istituto Max Planck per l'astronomia di Heidelberg, in Germania. H.W. Rex è uno dei coautori di uno studio pubblicato su Nature che presenta i risultati delle osservazioni di Gaia.

READ  Sam Bankman-Fried, fondatore dell'exchange di criptovalute FTX, è stato condannato a 25 anni di carcere

“Fino ad ora, conoscevamo solo… i primissimi frammenti che si unirono per formare l'antico nucleo della Via Lattea”, ha detto. – Analizzando Shakti e Shiva vediamo le prime parti che non sembrano più giovani, ma sono più lontane. “Questa è la prova dei primi passi nella crescita della nostra galassia fino alle dimensioni attuali.”

Il collega e coautore di H.W. Ricks, Khayati Malhan, ha notato quanto drammaticamente sia cambiata la Via Lattea nei miliardi di anni trascorsi dalla nascita delle stelle Shakti e Shiva, aggiungendo che i ricercatori non si aspettavano di vedere alcuna struttura di quel tempo così chiaramente. “Tuttavia, i dati senza precedenti raccolti dal telescopio Gaia lo hanno reso possibile”, ha aggiunto emozionato.

Il ruolo di Shakti e Shiva nella formazione della Via Lattea

I due ammassi rilevati dal telescopio Gaia sono simili, ma non identici. Le stelle Shakti orbitano leggermente più lontano dal centro della Via Lattea e in orbite più circolari rispetto alle stelle Shiva.

Oggi gli scienziati ritengono che la Via Lattea si sia formata miliardi di anni fa, quando molti filamenti lunghi e irregolari di gas e polvere si radunarono nello spazio per formare stelle che si intrecciarono in un’unica entità, la nostra galassia. Sembra che Shakti e Shiva abbiano partecipato attivamente a questo processo. I rappresentanti dell'ESA hanno affermato di ritenere che i dati Gaia pubblicati in futuro riveleranno maggiori dettagli.


LRT

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply