Un viaggio tra i vigneti d’Italia, con Alexis Rautorio

L’Italia, che ha 450 vitigni diversi, supera di gran lunga la Francia Nel conto tra 290 e 300. Questa diversità è tanto più notevole perché, a differenza della Francia, dove una decina di vitigni dominano il 70% della produzione, i dieci vitigni più coltivati ​​in Italia rappresentano solo il 40% della produzione di vino. ” Numeri che testimoniano un panorama vitivinicolo italiano molto diversificato, dove tradizione e innovazione convivono. “, conferma l’autore autodidatta.

Semplicità e originalità…

Il vigneto più alto d’Europa si trova a Cortina d’Ampezzo, in Italia, ad un’altitudine di 1.350 metri. Questa unicità geografica ne è un esempio L’unicità delle terre italiane. Per il suo lavoro, Alexis Rautureau ha selezionato vini che non fossero solo di interesse quantitativo, ma anche qualitativamente rappresentativi di ciascuna regione. ” Ho presentato vini che danno una chiara idea della diversità regionale, condividendo al contempo le loro preferenze per i vini biologici, biodinamici e naturali. »

Nel suo lavoro si affida a Rautureau Approccio geografico, senza seguire la tradizionale sequenza nord-sud: ogni area riceve un’attenzione dettagliata, con da tre a sette pagine dedicate a quelle più importanti. ” E la cosa più interessante, dopo questo filo alfabetico, è che finalmente si ritrova la città del Veneto, dove la produzione è maggiore. “, Flirtare.

A differenza di alcuni paesi in cui il vino è talvolta visto come un prodotto di lusso, il vino in Italia rimane semplice e accessibile. ” È comune trovare vino in grandi quantità, una pratica che riflette una cultura del vino più rilassata e integrata nella vita di tutti i giorni. Allo stesso modo, l’idea che le vigne dei suoi amici non producano è impensabile in Italia. » Convivenza e comunicazione sociale in breve.

READ  MotoGP, Marco Pizzici infortunato, Luca Marini incerto, Italia in fiamme con la wild card Valentino Rossi nel suo team!

Patrimonio storico

La storia del vino in Italia è ricca e complessa. La sua storia risale a tempi antichissimi, dove i Greci portarono la vite e riconobbero le potenzialità della terra italiana. Questa tradizione si sviluppò con l’Impero Romano, anche se durante periodi di restrizioni, come l’Editto di Domiziano. All’inizio del XX secolo la viticoltura nell’Italia meridionale subì gravi sconvolgimenti, soprattutto a causa dell’epidemia di fillossera e dei cambiamenti nei rapporti commerciali con la Francia.

La sua attuale diversità, in contrasto con la centralità francese, si riflette nei suoi vini. Aree come l’Etna in Sicilia Produzione di vini uniciÈ caratterizzato dal suo terreno vulcanico. Alexis Rautureau mette in risalto vitigni meno conosciuti, come il Petit Arvine della Val d’Aoste, sottolineando l’importanza di queste piccole zone di produzione.

Un aspetto notevole della viticoltura italiana è la pazienza nella produzione. A differenza della tradizione francese dove i vini vengono venduti subito dopo la produzione, il periodo di invecchiamento in Italia è più lungo, permettendo al vino di invecchiare e Svilupparne la complessità. Rautorio critica però la scarsa attenzione in Italia verso la questione del sughero, dettaglio che può incidere sulla qualità del vino.

Il suo lavoro, con Mappe di Hiroshi Maeda, offre un’esplorazione approfondita e meticolosa che è stata accompagnata, nel Cognac, da una degustazione condotta magistralmente. Mettendo in risalto la diversità, la storia e le caratteristiche della viticoltura italiana, Alexis Rautureau invita gli amanti del vino a scoprire un mondo in cui tradizione e diversità si fondono armoniosamente – da bere, ma anche da gustare.

/uploads/images/20231118-172838-6559ba0e8cb8d588503327.jpg

Crediti immagine: ActuaLitté, CC BY SA 2.0

File – La letteratura italiana si incontra a Cognac

READ  Scegli la tua squadra scozzese ideale prima del sorteggio di sabato

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply