L’evento de Internazionale a Ferrara è stato organizzato lo scorso 3 e 4 ottobre con i limiti predisposti dal passato DPCM. Gli incontri erano previsti con prenotazione obbligatoria con un sold out in gran parte delle sale messe a disposizione.

Per quest’anno si è deciso di ampliarlo con una serie di appuntamenti online in modo da coprire tutti gli argomenti di attualità, che generalmente ne fanno da matrice.

Il primo appuntamento online sabato 21 novembre alle 17.00 con uno speciale sul Covid-19, inaugurando così una serie di 7 appuntamenti.

“Un vaccino per tutti” si terrà sabato 21 novembre alle 17 in diretta streaming sul canale Facebook del settimanale. Per contenere le conseguenze dell’epidemia di covid-19 sulle persone e sulla società è essenziale sviluppare trattamenti efficaci, strumenti diagnostici e un vaccino. Ed è altrettanto fondamentale che questi siano resi disponibili a tutti i paesi del mondo, inclusi i più poveri. Perché l’accesso universale alle cure e al vaccino non è solo una questione di giustizia ma anche di salute pubblica, per scongiurare la possibilità di nuove ondate epidemiche ai quattro angoli del pianeta.

La collaborazione con Medici Senza Frontiere

L’evento è promosso in collaborazione Medici Senza Frontiere che ha recentemente esortato i governi a pretendere maggiore trasparenza dalle aziende farmaceutiche sugli accordi commerciali per i vaccini contro il covid-19 e sui costi e i dati dei test clinici, anche considerando i miliardi di dollari pubblici stanziati per lo sviluppo di questi vaccini.

Nonostante siano stati investiti più di 12 miliardi di dollari pubblici in ricerca e sviluppo per la produzione dei 6 possibili vaccini per il Covid-19, informazioni fondamentali come il prezzo e le scorte disponibili per un accesso equo al futuro vaccino non sono ancora pubbliche – dichiara Nathalie Ernoult, responsabile advocacy della Campagna per l’Accesso ai Farmaci di MSF –. I governi devono pretendere dalle aziende farmaceutiche una maggiore trasparenza sugli accordi commerciali siglati per la produzione del vaccino e assicurare un accesso equo al vaccino covid-19”.