Un piccolo miracolo al Lago Kirkini

Quest’anno nelle sue zone umide si sono osservate piccole piacevoli sorprese Kerkenis. La notizia più ottimistica è questa Oche naneQuest’anno il numero delle specie di oche più rare e a rischio di estinzione in Europa ha raggiunto quota 143. Lì, infatti, passerà l’inverno tutta la sua popolazione, ad eccezione di cinque oche nane.

Il numero specifico è un record da decenni, perché è il massimo per la specie in una determinata area. “Sono gli uccelli acquatici più a rischio in Europa al momento, e siamo molto contenti in primo luogo perché il loro allevamento è andato molto bene nel circolo polare artico, ma anche perché preferiscono di gran lunga l’isola di Kirkini dove trovano cibo e sicurezza”, ha spiegato. disse a K. Elisabetta Zagelresponsabile dei programmi sulle zone umide presso la Società ornitologica ellenica.

Escluse le oche nane, almeno 200 Gru – anch’essa una specie rara – è stata contata e osservata mentre si alimentava quest’anno nelle zone umide di Qarkini. In tutto questo, qualche settimana fa, ha fatto la sua prima ed unica apparizione sul lago GabbianoÈ una delle specie di uccelli più rare in Europa e si riproduce nella regione della tundra artica.

“Questo è stato molto importante perché è stata la prima osservazione di questa specie nel nostro paese”, dice Au. Teodoro NazirideIl coordinatore del Parco Nazionale Kirkini Ceres aggiunge: “Chiamiamo questi uccelli ‘uccelli smarriti’ perché perdono la loro destinazione durante il viaggio a causa delle condizioni – forti venti o altre condizioni meteorologiche avverse. Sono quindi costretti a seguire altri gruppi di uccelli che incontrano sulla loro strada e cambiare zona di migrazione.” “E così la rondine è arrivata qui.”

READ  Un buco nel Sole più grande di 60 globi soffiava il vento solare direttamente verso di noi

Dal Circolo Polare Artico alla Macedonia

Quanto al grande “successo” di quest’anno con le 143 oche nane, ogni anno i rari uccelli acquatici compiono un lungo viaggio dal circolo polare artico, dove si riproducono, alla Macedonia per svernare e poi ritornano in patria.

“Quest’anno abbiamo avuto il numero più alto di oche degli ultimi 20 anni. L’anno scorso era 80-86, mentre c’è stato anche un anno in cui è sceso a 75.”

“Quest’anno abbiamo registrato uno dei numeri più alti degli ultimi 20 anni. L’anno scorso era 80-86, mentre c’è stato anche un anno in cui è sceso a 75”, spiega il signor Naziridis con aria soddisfatta. le prime oche nane arrivano al lago dal 10 al 25 settembre e vi restano fino alla fine di febbraio o alla fine di marzo.

Perché gli uccelli preferiscono le gru?

Secondo Naziridis, il lago Kerkini è il più produttivo del paese e questo è uno dei motivi principali per cui un gran numero di uccelli trascorrono lì l’inverno.

Pellicani rosa nel lago Kirkini / foto. Kostas Papadopoulos

“Nei mesi di aprile e ottobre abbiamo nel lago quasi ogni giorno tra i 2.000 e i 3.000 cigni rosa, che si fermano per alcuni giorni nella zona e poi continuano il loro viaggio. In autunno verso l’Africa, e in primavera verso i paesi europei dove si riproducono”, descrive il signor Nezeridis.

“In aprile e ottobre, quasi ogni giorno nel lago abbiamo tra i 2.000 e i 3.000 cigni rosa, che si fermano per alcuni giorni nella zona e poi continuano il loro viaggio”.

spiegare Perché gli uccelli adorano le gru “Se prendiamo in considerazione altri uccelli che svernano qui, come i cormorani o gli aironi, vediamo che questa preferenza esiste, perché prima di tutto”, dice. Gli uccelli si sentono al sicuro quiDal punto di vista della caccia, non sono minacciati di estinzione. Ecco perché quest’inverno si sono radunate qui quasi tutte le oche nane, mentre in passato erano sparse in varie zone umide. Il fatto che l’inverno sia stato mite finora ha contribuito a creare questo quadro positivo”.

READ  30 Le migliori recensioni di Ytx12-Bs testate e qualificate con guida all'acquisto
Un piccolo miracolo nel Lago Kirkini-2
Gru convulse sul lago Kirkene / Foto. Kostas Papadopoulos

A questo punto, nota la Zagli, le oche nane sono così colpite dalle condizioni di Kirkini che hanno iniziato a lasciare altre zone umide della Grecia come il Lago Smarida, Kouronia e il delta dell’Evros. Come dice di solito: “Negli ultimi anni le oche nane sono state visitate molto meno soprattutto nella regione del Delta. L’anno scorso sono state lì solo per tre giorni. Ciò può accadere per diversi motivi. Ci aspettiamo che una di loro sia disturbo o fastidio.” Che potrebbe essere causato dalla caccia in questa zona, e un altro motivo potrebbe essere la salinità del lago o il deterioramento delle zone umide.”

“Abbiamo fornito ampie informazioni ai residenti e ai cacciatori della zona. L’oca nana è molto simile all’oca lombardella e se l’uccello è in volo possono verificarsi incidenti, come è successo in passato. Bracconaggio nel lago è stato affrontato in modo significativo.”

La Sig.ra Zagel sottolinea che il lavoro metodologico svolto a Kirkini gioca un ruolo altrettanto importante. “Gestiamo programmi di ornitologia per l’oca nana dal 2011. Abbiamo fornito ampie informazioni ai residenti e ai cacciatori nell’area più ampia. L’oca pigmea è molto simile all’oca lombardella e se l’uccello è in volo, possono verificarsi incidenti. “Il bracconaggio all’interno del lago è stato affrontato in modo significativo. Oltre al personale OFYPEKA che lavora nel parco e mostra grande sensibilità a questo problema, Ornithologia dispone anche di volontari al lago che monitorano sistematicamente le oche pigmee. Tutto quanto sopra ha giocato il suo ruolo.”

Fattore di cambiamento climatico

Il fatto che sempre più specie trascorrano un inverno più o meno lungo a Kerkini è dovuto anche, secondo Netheridis, ad un certo grado di cambiamento climatico. I cambiamenti nell’uso del territorio, così come il degrado di vari luoghi a causa di eventi meteorologici estremi, costringono gli uccelli ad abbandonare alcune zone e a preferirne altre, dove possono facilmente trovare cibo.

READ  30 Le migliori recensioni di Sali Del Mar Morto testate e qualificate con guida all'acquisto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply