Telescopio gigante Magellano – Rivista BBC Sky at Night

Una volta operativo, il Giant Magellan Telescope diventerà il più grande telescopio ottico del mondo.

Conterrà sette specchi giganti, ciascuno con un diametro di 8,4 metri.

Nel 2031, quando è prevista la sua prima luce, questo osservatorio alto 65 metri inizierà la sua missione per esplorare più a fondo lo spazio.

Rappresentazione artistica del telescopio gigante di Magellano. Credito: GMT

Grazie a queste notevoli capacità di osservazione, il Giant Magellan Telescope è stato incaricato di esplorare il Big Bang e la formazione delle prime stelle e galassie.

Robert Shelton è il capo del Giant Magellan Telescope Observatory (GMTO), responsabile della costruzione del nuovo Giant Magellan Telescope da 25,4 metri di diametro.

Abbiamo avuto l'opportunità di chiedergli come sta andando il processo di costruzione e cosa possiamo aspettarci da questo nuovo osservatorio.

Robert Shelton è il capo del Giant Magellan Telescope Observatory (GMTO), responsabile della costruzione del nuovo Giant Magellan Telescope da 25,4 metri.
Credito: GMT

Cosa offrirà agli astronomi il telescopio gigante Magellano?

Il Giant Magellan Telescope – che vedrà la prima luce nel 2031 – sarà ottimale per osservare la luce proveniente da esopianeti simili alla Terra.

Sarà in grado di analizzare questa luce e scoprire se ci sono segni molecolari della vita come la conosciamo, dall'ossigeno biatomico al metano, all'ozono, all'anidride carbonica.

Gli astronomi sono anche entusiasti della regione di raccolta della luce del telescopio, perché significa che possiamo rilevare minuscoli segnali, scrutando come si è formato l'universo: come sono state accese le luci, come è iniziata la ionizzazione e come si sono formate le galassie.

Illustrazione artistica della piattaforma panoramica e dello specchio principale del telescopio gigante di Magellano.  Credito: GMT

Che potere di osservazione ha il telescopio?

Lo specchio primario del telescopio è composto da sette parti che formano una superficie di raccolta della luce con un diametro di 25,4 metri, e i lavori sulla settima parte sono iniziati nell'ottobre 2023.

READ  Milan: bancarotta davanti alla Juventus! Malik Thiaw vede il rosso nella partita più importante del campionato italiano | calcio

Il diametro di questi specchi è di 8,4 metri.

Catturano la luce e la inviano ad una serie di specchi secondari detti specchi “adattativi”.

Questi elementi vengono deformati rapidamente in tempo reale, per eliminare le “oscillazioni” nei segnali del telescopio causate dall'atmosfera.

Il primo di questi specchi secondari verrà messo in prova entro la fine dell'anno.

Dopo aver colato il vetro fuso, quanto tempo impiega uno degli specchi primari a raffreddarsi?

Ci vogliono dai tre ai quattro mesi. Lo specchio pesa 17 tonnellate, ma bisogna maneggiarlo con delicatezza.

Il Mirror Lab dell’Università dell’Arizona lo ha fatto più volte.

Realizzare il primo è sempre una sfida, poi il secondo arriva più velocemente.

La prima parte dello specchio primario ha richiesto circa 4,5 anni.

La polvere viene evacuata da una parte dello specchio primario del Giant Magellan Telescope presso il Richard F. Caress Mirror Laboratory dell'Università dell'Arizona, febbraio 2018. Credit: Damien Jemison, Giant Magellan Telescope – GMTO Corporation
La polvere viene evacuata da una parte dello specchio primario del Giant Magellan Telescope presso il Richard F. Caress Mirror Laboratory dell'Università dell'Arizona, febbraio 2018. Credit: Damien Jemison, Giant Magellan Telescope – GMTO Corporation

Quali sono i vantaggi dei telescopi terrestri rispetto ai telescopi spaziali?

Sono molto meno costosi e più facili da modificare rispetto ai telescopi spaziali.

Nell'ambito dei 50 anni di vita operativa del Giant Magellan Telescope, c'è un piano per aggiornare e creare nuovi strumenti scientifici man mano che la tecnologia si sviluppa.

Di solito non è possibile aggiornare i telescopi spaziali una volta lanciati, ma nuove idee e tecnologie si evolvono continuamente.

Quando furono lanciati il ​​​​telescopio Hubble o il telescopio spaziale James Webb, lavoravano con l’elettronica più vecchia.

I telescopi terrestri offrono anche maggiori opportunità di osservare eventi critici in termini di tempo come transiti planetari, occultazioni stellari, eventi del sistema solare ed eruzioni in rapido cambiamento.

Giant Magellan funzionerà con telescopi spaziali come Webb?

Ci sarà molta integrazione.

Gli astronomi sono molto bravi a condividere i dati e noi ci stiamo preparando a condividerli con il mondo intero.

READ  30 Le migliori recensioni di Pellicola Vetri Oscurati Auto testate e qualificate con guida all'acquisto

Osserveremo anche sia la luce ottica che quella infrarossa, mentre il telescopio spaziale James Webb funziona nell'infrarosso, quindi si completano a vicenda.

Il verbo “confermare” è forte: avere le informazioni aggiuntive nel fotogramma ci permetterà anche di confermare altre scoperte.

A volte, per rilevare una molecola, è necessario conoscerne i dettagli attraverso lo spettro.

Cosa ti ispira nel lavorare con il telescopio gigante Magellano?

Una vista dall'alto del rivestimento degli specchi del Giant Magellan Telescope sulla Terra, che rappresenta l'ombra della serie di specchi del telescopio.  Credito: JL Dauvergne/Ciel et Espace
Una vista dall'alto del rivestimento degli specchi del Giant Magellan Telescope sulla Terra, che rappresenta l'ombra della serie di specchi del telescopio. Credito: JL Dauvergne/Ciel et Espace

Il mio background non è l'astronomia ma la fisica della materia condensata.

Ero in contatto con osservatori come Keck in Sud Africa e Sud America, e poi con il telescopio spaziale Hubble.

Quando mi è stata data l'opportunità di partecipare a Giant Magellan, non potevo immaginare di rifiutare l'opportunità di lavorare su qualcosa di così unico e rivoluzionario.

Svelerà immagini, idee e dati che ancora non possiamo nemmeno immaginare.

Ogni volta che fai un esperimento, rispondi a una domanda e poi compaiono tutta una serie di altre domande.

L'astronomia ispira le persone.

Il Giant Magellan Project è un progetto che ispirerà le persone per molti decenni a mettere in discussione il mondo e l'universo che li circonda, a impegnarsi con la scienza e la tecnologia e a impegnarsi in performance artistiche e performance poetiche di questi mondi.

Questo è ciò che mi ha attratto, ed è per questo che sono ancora qui.

Questa intervista è apparsa nel numero di marzo 2024 della rivista BBC Sky at Night

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply