Soldato britannico condannato a morte dalla Russia: avrei potuto spararmi da un giorno all’altro

“Le botte non sono la cosa peggiore. Quando vieni derubato, sai che presto finirà e sai che tornerai in cella. “Ma quando muori di fame, è permanente”, nel primo, in precedenza 15 minuti pubblicato, Shawn ha ammesso in parte dell’intervista.

Foto di Ermantos Gelonos/BNS/soldato britannico Shonas Peneiris

Capito immediatamente

  • Cosa lo ha aiutato a sopportare i lunghi mesi di prigionia?
  • Come non morire di fame in prigione?
  • I prigionieri e la propaganda russa sono trappole
  • Mistrial e condanna a morte
  • La sofferenza ha una fine: lo scambio di prigionieri

-Ho trascorso cinque mesi in prigionia russa. In precedenza, mentre prestavi servizio nell’esercito del Regno Unito, hai preso parte a numerosi corsi di addestramento alla sopravvivenza. Puoi nominare cosa ti ha aiutato specificamente a sopravvivere?

-Ho già 50 anni. Ho una buona conoscenza della vita e delle persone in generale. Posso guardare indietro e vedere che sono stato fortunato. Non era male. Quindi, innanzitutto: l’atteggiamento.

Capivo cosa succedeva intorno a me perché parlavo un po’ di russo. In carcere ho visto uomini che appartenevano a ONG: non avevano esperienza militare, non sapevano comunicare, non capivano la cultura. Per loro è stato più difficile.

Parlo spesso e ad alta voce e spesso mi distinguo come leader di un gruppo di persone. Non volevo essere così in prigione. Volevo prendermi cura di me stessa. Ma vedere gli altri soffrire non ti lascia tale scelta.

READ  Pizza dal sapore e colore italiano (mozzarella e prosciutto)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply