Secondo quanto riferito, la Cina sta sospendendo un accordo di swap valutario da 6,5 ​​miliardi di dollari con l’Argentina

I media argentini hanno riferito che la Cina ha sospeso un accordo di scambio di valuta da 6,5 ​​miliardi di dollari con l’Argentina, e il congelamento rimarrà in vigore finché il presidente Javier Miley non mostrerà una chiara intenzione di trattare con Pechino.

La notizia del trasferimento arriva a soli 10 giorni dall'inizio del mandato del nuovo presidente, che ha fatto una campagna per tagliare i legami con la Cina, e sottolinea la sfida che Miley dovrà affrontare nel tentativo di mantenere tali impegni.

In risposta a una richiesta di commento, Zhicheng Xie, portavoce dell'ambasciata cinese in Argentina, ha rifiutato di confermare le notizie.

Hai domande sui temi e sulle tendenze più importanti da tutto il mondo? Ottieni risposte con Conoscenza dell'SCMPla nostra nuova piattaforma di contenuti curati con spiegazioni, domande frequenti, analisi e infografiche fornite dal nostro pluripremiato team.

Mercoledì a Pechino, anche il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha rifiutato di confermare o smentire le notizie, affermando solo che la Cina resta impegnata a “cooperare con l'Argentina sulla base dell'uguaglianza e del vantaggio reciproco”.

Il finanziamento fa parte di un accordo che viene rinnovato ogni anno dal 2009 ed è cruciale per Buenos Aires a causa delle sue riserve negative di riserve internazionali in dollari. L'Argentina ha fatto affidamento su tali swap come una delle sue poche opzioni di credito, data la reputazione del paese sudamericano di essere inadempiente sul debito internazionale.

Il denaro, che la Cina aveva promesso per la prima volta in ottobre a Sergio Massa, allora ministro dell'Economia argentino, era destinato principalmente ad aumentare le importazioni e ad adempiere ai propri obblighi nei confronti del Fondo monetario internazionale.

READ  Gli scienziati vedono per la prima volta come una supernova produce un buco nero Scienze

Anche Massa era in corsa per la presidenza in quel momento e perse contro Miley, la cui campagna includeva una pesante retorica anti-cinese. Tuttavia, dopo il suo insediamento il 10 dicembre, Miley ha contattato il presidente cinese Xi Jinping e ha chiesto la continuazione di questi accordi, secondo il quotidiano argentino “Pagina 12”.

Due giorni dopo, il ministro degli Esteri argentino Diana Mondino ha incontrato Wu Weihua, inviato speciale di Xi all'inaugurazione, e ha sollecitato il rapido rinnovo dell'accordo.

L’Argentina svaluta il peso di oltre il 50% come parte delle misure “shock”.

Secondo Infobae, un sito di notizie argentino, la decisione della Cina è arrivata dopo che l'Argentina ha acquistato caccia F-16 usati dalla Danimarca. L'aereo è stato originariamente prodotto negli Stati Uniti.

La conferma dell'accordo non è stata annunciata ufficialmente, ma Infobae ha riferito che il ministro della Difesa argentino Luis Petri ha incontrato lunedì Xavier Julián Isaac, generale di brigata dell'aeronautica argentina, per confermare l'intenzione di Milei di acquisire gli F-16.

Prima dell'elezione di Miley, l'Argentina era in trattative per l'acquisto del nuovo aereo cinese JF-17 Thunder. Questa prospettiva avrebbe sgomento Washington, che sta cercando di limitare l'influenza di Pechino in Sud America.

Gli Stati Uniti non solo hanno accettato di vendere gli F-16 all’Argentina, ma si sono anche impegnati a fornire armi, addestramento, supporto logistico e pezzi di ricambio per l’aereo.

Infobae ha anche riferito che la Cina sta aspettando un “chiaro gesto di buona fede o di amicizia” da parte dell'Argentina per riprendere lo scambio di valute.

Questa interdipendenza tra noi e la Cina è insostituibile. Non possiamo sostituirlo ora con gli Stati Uniti o l’Europa

READ  30 Le migliori recensioni di Porta Cellulare Mtb testate e qualificate con guida all'acquisto

Patricio Giusto, Osservatorio Cinese Argentino

Il sito di notizie ha affermato che l'ambasciatore cinese in Argentina, Wang Wei, è stato convocato a Pechino per discutere i piani di Miley e il suo approccio ai progetti a cui Xi ha dato priorità.

Patricio Giusto dell'Osservatorio Argentino-Cina di Buenos Aires ha definito preoccupante il congelamento dei fondi da parte della Cina. Ha sottolineato che senza il sostegno finanziario di 6,5 miliardi di dollari l’Argentina dovrà rinegoziare i suoi debiti con il Fondo monetario internazionale e dovrà cercare fonti alternative di finanziamento, compito che Giusto considera “non facile a livello Tutto.”

Giusto ha osservato che l'insoddisfazione della Cina potrebbe estendersi oltre queste decisioni individuali, cercando un cambiamento più ampio nella politica estera argentina. Il recente rifiuto di Buenos Aires di aderire al blocco economico BRICS guidato dalla Cina e il suo potenziale abbandono del progetto Belt and Road Initiative indicano un potenziale riallineamento dei partenariati internazionali dell’Argentina, che potrebbe spingere la Cina a esercitare pressioni attraverso mezzi economici.

“Questa interdipendenza tra noi e la Cina non può essere sostituita. Non possiamo sostituirla ora con gli Stati Uniti o l'Europa.”

Ha detto che l'amministrazione Miley dovrebbe “cercare di capire meglio cosa rappresenta la Cina e come funziona la diplomazia cinese, perché ci saranno molti problemi in futuro se ciò accadesse”. [relationship] “La situazione non viene gestita correttamente.”

Altro dal South China Morning Post:

Per ricevere le ultime notizie da Giornale mattutino della Cina meridionale Scarica il nostro Applicazione mobile. Diritto d'autore 2023.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply