I tavolini all’aperto
Il suono quasi distorto
Il megamix che dà dentro
La radio grida cantando
E sembra di essere al mare
Che neanche più le zanzare
Sembrano farsi sentire
C’avranno altro da fare
Con tutte queste gambe che si ripropongono
Dopo quasi un anno che si nascondevano
Sotto strati per proteggersi dal freddo
Come va ben tornate in libertà

Questo senso di festa che vola e che va
Sopra tutta la città
Nella lunga estate caldissima

Questo senso di vita che scende e che va
Dentro fino all’anima
Nella lunga estate caldissima

Tanto per aumentare la tristezza sull’estate 2020 che sarà, abbiamo proposta una colonna sonora del nostro stato d’animo pensando a una stagione che attendiamo da circa un anno e mai come adesso la desideriamo così tanto. Il Covid-19 e le restrizioni della fase 2 (o forse sarà la 3) aumentano le incertezze su il giorno e la notte dei Lidi di Comacchio. Settimana scorsa ha iniziato a girare una bozza tra gli addetti ai lavori per la stagione balneare 2020 che tutto sommato non è così male (sicuramente meglio di niente):

  • Bar e ristorante: servizio di delivery su ordinazione, con consegna dei cibi e bevande all’ombrellone-lettino.
  • Ingressi fino esaurimento dei posti ombrelloni e posti lettini. Le postazioni dovranno rispettare il distanziamento di 1,5 metri tra lettini; 10,5 metri quadri di superficie minima per ogni paletto; stabilimenti off limits di notte e a numero chiuso durante il giorno.
  • Giochi per bimbi a numero limitato.
  • Misurazione della temperatura corporea ai dipendenti
  • Distanziamento e mascherine
  • l personale dipendente e i collaboratori devono essere dotati di dispositivi di mascherine.
  • Vietati gli intrattenimenti danzanti e gli eventi musicali di qualsiasi genere, con la sola eccezione di quelli esclusivamente di ascolto.
  • Bagnini con le mascherine, disinfezioni e pulizie quotidiane, sanificazioni “in funzione del rischio”.

Sarà una lunga estate caldissima…