Dopo la sosta di tre giorni, che ha visto la manifestazione sospendere le attività musicali per lasciare posto a spettacoli vari rivolti alle famiglie (sempre aperti invece sono rimasti lo stand gastronomico e le varie attrazioni), riprende martedì 4 giugno il vorticoso crescendo che accompagnerà il pubblico verso la finalissima del concorso Rockafe 2019, domenica 9 giugno.

Un gradito ritorno alle origini con la Compagnia orchestrina Ska che torna a Rockafe, manifestazione che aveva tenuto a battesimo nell’ormai lontano 2002 e l’aveva rivista già cresciuta qualche anno dopo in un memorabile concerto sold out insieme agli Strike.

La band porterà tutta la sua carica sul palco di Malborghetto, proponendo uno spettacolo costruito su un ricco repertorio che attinge dai tre album pubblicati per l’etichetta discografica Baraonda in questi anni: Gambero killer, Chettelodicoafare e Mi meraviglio che nessuno dica un cazzo. Brani originali quindi, ma anche citazioni di grandi gruppi del genere, nonché attese e trascinanti rivisitazioni in chiave sincopata di classici italiani, prima fra tutti l’immancabile Donatella.

Lo ska sarà quindi l’elemento base di questa esplosiva serata. Ma non solo quello. Da grandi chef delle sette note quali sono, i sette musicisti ferraresi misceleranno sapientemente altri elementi attinti dalla loro lunga militanza sui palchi di tutta Italia e dalla loro personale formazione. E quindi soul, funk, rock, ma soprattutto energia. La formazione vede al basso Pippo, alla chitarra Fillo, alla batteria Tommy, ai fiati Taxy e Macho, e per finire all’hammond Henry. A guidare band e pubblico Friz, frontman dalle uniche ed innegabili doti di trascinatore.

In apertura Bugie Bianche Reunion. Serata come sempre gratuita dalle ore 18.30 con l’aperitivo.