E’ tutto vero purtroppo, il nostro monarca della fotografia Beppe Busto ci ha lasciato per tornare nell’amata patria Laterza.

Quanti di noi, almeno quelle cinquanta volte, abbiamo dovuto subire dal nostro sibaritico Beppe l’agghiacciante battuta di spirito:”Se sei di Laterza metti la quarta e vattene a fanculo“.

Putroppo ora ne sentiremo la mancanza perchè i suoi preziosi scatti fotografici renfanti se ne sono tornati giù in basso, nel sud Italia.

Nulla da dire, ci aveva abituato bene il nostro caro Beppe, tutti i mercoledì in maniera quasi operaia si recava al Renfe a fotografare i nostri sorrisi sbronzi, il tutto senza chiedere alcun tipo di compenso e di questo tutti noi di ferrarabynight.com gliene siamo grati.

10277661_745910125430831_5626397781485870397_n (1)

Gli siamo un po’ meno riconoscenti per quando arrivava in redazione a depredare tutto quello che si poteva depredare: cibo, alcool, penne, sigarette e tanto altro ma anche questo faceva parte del fascino pugliese del nostro più famoso rappresentante.

Mancherà anche a tutte le ragazze che almeno una volta sono state corteggiate con bifolca galanteria da Re Busto.

Esatto Re, perchè di un sovrano stiamo parlando, lo stesso personaggio che stava diventando, dopo cinque anni, parte integrante del contesto della piazza e un po’ con incoscienza stavamo pensando che sarebbe restato lì, fermo immobile.

Con una birra ignorantissima in mano offertagli da qualcuno, una sigaretta scroccata ad un barbone e la macchina fotografica bella calda e pronto per immergersi nei cocktail del Renfe e nei nostri sguardi ubriachi.

Ma la sua frase prediletta era un’altra, una composizione di parole che tra qualche anno troveremo nei libri di storia ed  nostri figli dovranno recitarla a memoria al posto di “San martino” di Carducci.

Un rullo di tamburi per.“Scus, ti posso fà na FOUT?“.

Tutta la redazione di ferrarabynight.com vuole regalare un grosso in bocca in lupo, ma probabilmente sarebbe stata meglio una cassetta di birra, a Beppe che ora che non c’è più lui ci ritroviamo con troppa roba in tasca e nessuno più a cui offrirla.

Buona fortuna nel nuovo/vecchio mondo pugliese Maestro!