Rabat indaga sull’uccisione di francesi di origine marocchina

Il ricordo della “Rivoluzione Al-Fateh” rinnova le divergenze dei libici sull’era di Gheddafi

Fedeli al regime del defunto presidente libico Muammar Gheddafi hanno trascorso la notte, ieri, nelle celebrazioni dell’anniversario della “Rivoluzione Al-Fateh” in diverse città, punteggiate da insolite corrispondenze e alterchi verbali da parte dei loro oppositori, ricordando che il primo di Nel settembre di 54 anni fa si verificò un “colpo di stato” dell’allora re del paese, Muhammad Idris al-Senussi, che durò più di quattro decenni e che si concluse solo con una “rivoluzione”.

Nella maggior parte delle città della Libia, dal sud al nord, sono apparsi striscioni verdi che esprimono l’era di Gheddafi, e risuonavano canti e “canti infuocati” e discorsi entusiastici del “fratello leader”, sepolto morto, che denunciava “l’imperialismo e il sionismo globale”. ”, tra rituali e slogan Quest’anno non è mancato la condanna del governo ad interim di Tripoli, accusato di “costruire ponti di normalizzazione con Israele”.

Nel complesso, i libici sono divisi tra coloro che esprimono nostalgia e mancanza nei confronti del defunto colonnello e del suo regime, e coloro che lo accusano di aver causato “la distruzione del Paese rivoltandosi contro la legittimità costituzionale”, dopo il rovesciamento del re Idris al -Senussi, che secondo loro “ha raggiunto l’indipendenza e la stabilità del Paese”. Ma questa volta è successo in un momento in cui 6 paesi africani confinanti con la Libia stanno soffrendo colpi di stato o disordini politici.

Un politico libico, sostenitore dell’ex monarchia, ha affermato che il cosiddetto “Fateh della Rivoluzione di settembre” è “un brutale colpo di stato che ha distrutto la stabilità del paese e ha fatto rivivere il sistema tribale e tribale al suo interno per più di quattro decenni. “

READ  MotoGP, Marco Pizzici infortunato, Luca Marini incerto, Italia in fiamme con la wild card Valentino Rossi nel suo team!

Ex presidente libico Muammar Gheddafi (Asharq Al-Awsat)

Il politico libico ha affermato, in una dichiarazione ad Asharq Al-Awsat, che Gheddafi “non ha lasciato un impatto positivo sullo sviluppo del Paese, nonostante gli elevati proventi petroliferi che la sua famiglia ha cercato di sperperare e distribuire ai privilegiati, e poi alla Libia. indietro in molti settori, compreso quello petrolifero”. Sistema educativo e sanitario in Libia.

Tuttavia, il dottor Mustafa Al-Zaidi, capo del partito libico “Movimento Nazionale”, ha ritenuto, di fronte a queste accuse e critiche, che “l’apertura di settembre è una giornata storica per il popolo libico, nonostante gli odiatori e le critiche arrogante”, e credeva che “esso ponesse fine a lunghi secoli di odioso dominio coloniale straniero, e lo stato nazionale semi-indipendente fondato nel 1951 si sviluppò sotto l’influenza dei paesi vincitori della guerra, che mantennero una presenza militare e esercitò un’influenza politica sull’autorità libica.

Gheddafi all’inizio del suo governo in Libia (diffuso sulle pagine dei suoi sostenitori)

Al-Zaidi ha elencato quelle che considera le virtù di questa giornata e ha affermato di aver “lanciato la ruota della modernizzazione per la Libia, raggiunto la giustizia sociale, proprio come è stata raggiunta la giusta uguaglianza tra i cittadini, e il petrolio e le banche sono stati nazionalizzati, e la Libia è diventata un paese economicamente indipendente nei fatti e non solo a parole”.

Da giovedì sera, in alcune regioni libiche, che ancora devono fedeltà al defunto presidente, si sono svolte celebrazioni durante le quali sono state issate bandiere verdi, immagini di Gheddafi e di suo figlio Saif al-Islam, e sostenitori di quell’epoca hanno sparato proiettili e fuochi d’artificio. La maggior parte dei festeggiamenti si sono concentrati nelle città del sud della Libia, a partire da Sebha e Traghen, fino a Bani Walid (nord-ovest).

I sostenitori di Gheddafi scaricano una foto del re Idris Al-Senussi (archivio circolato sulle pagine degli occhi dell’ex regime)

Secondo Al-Zaidi, fedele al precedente regime, questi “punti positivi” dell’era Gheddafi non sono stati cancellati dalla memoria di un ampio segmento di libici, soprattutto quelli appartenenti al periodo monarchico, secondo cui “il conquistatore di settembre ha distrutto il guadagni dell’era Senussi”, considerandolo “solo un colpo di stato militare, come quello a cui state assistendo”. I paesi vicini del continente africano, attualmente, hanno preso il potere, tiranneggiato il governo e instaurato una dittatura.

READ  Ministro degli Esteri: Vera preoccupazione per una guerra regionale

Di fronte a queste accuse, si sono intensificati i calibramenti e gli scambi tra i sostenitori di “Al-Fateh” e i sostenitori dell’attuale autorità. Da un lato, il primo partito ha approfittato della “riunione di Roma”, in cui il governo di Tripoli è stato accusato di “normalizzazione con Israele”, per ricordare la posizione di Gheddafi nei confronti del “nemico sionista”. che quello che hanno fatto Gheddafi e i suoi compagni non è stato “nient’altro che un colpo di stato”.

E con le polemiche “il conquistatore non tornerà” e “febbraio non prevarrà”, riferendosi alla “rivoluzione” che rovesciò Gheddafi, per poi essere assassinato diversi mesi dopo, ma che fu “la causa della trasformazione del Paese da da semplice stato dipendente in uno stato attivo nel suo ambiente regionale e internazionale, e ha guidato meritatamente il movimento di liberazione globale.”

Al-Zaidi ha detto a questo proposito: “Sulla memoria di (Al-Fateh), rivolgo un invito speciale a tutti i libici, compresi coloro che si sono opposti a lui o sono stati in disaccordo con le sue indicazioni e proposte, a invocare la storia per la storia e per la valutazione sia per il popolo e per noi unirci per salvare il nostro Paese che viene manomesso da sciocchi, agenti e umiliatori”.

Khaled Al-Ghwail, consigliere dell’Unione delle tribù libiche per le relazioni esterne, ha approfittato di questo ricordo per congratularsi con quelli che ha definito “il popolo libero del mondo e i movimenti di liberazione” in occasione della “Rivoluzione Al-Fateh” di settembre, e ha affermato che “il rifiuto del popolo libico di normalizzarsi con l’entità usurpatrice è un messaggio a tutti gli agenti e traditori che si precipitano a Roma”. Ha aggiunto che la Libia “ha regalato ai martiri del 1948 un’epopea per i nostri eroi; Oggi il popolo, nonostante le macchinazioni, continua a celebrare il grande conquistatore, e questa gloriosa rivoluzione ha conquistato la libertà, nazionalizzato la ricchezza ed espulso i colonialisti.

READ  I fotografi cinesi puntano alle stelle

Al-Ghawil ha concluso che il popolo libico “dirà la sua parola e continuerà il cammino del dono, costruito dal leader simbolico Muammar Gheddafi, affinché il dottor Saif al-Islam completi il ​​viaggio per raggiungere la costruzione, lo sviluppo e la il progetto per la Libia di domani”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply