Quando il campo da calcio diventa terreno agricolo perché nessuno ci gioca più

Succede a Ripapersico, piccola frazione della provincia ferrarese situata accanto a Portomaggiore.

Spariranno le porte dove un tempo i ragazzi del paese segnavano goal durante le partitelle tra amici, saranno rimosse le panchine dove ci si riposava e quel campo da calcio, ricordo di tanti non più giovanissimi del Comune di Portomaggiore, in breve tempo, sarà solo un aneddoto da raccontare alle future generazioni.

Il terreno è di proprietà della Diocesi di Ravenna-Cervia e nelle parole di Don Ugo, parroco del paese pubblicate da La Nuova Ferrara, si legge un po’ di amarezza:

“Diventerà un terreno agricolo […] da anni nessuno ci gioca più, e col tempo le condizioni del terreno sono diventate critiche”.

Sono finiti i tempi in cui quel campo aveva anche una squadra chiamata “Gli amici di Dio” che fino al 2012 ha usato quello spiazzo verde come campo di casa nel campionato CSI.

Olivio Crestani, consiliere della parrocchia, ha così commentato su Facebook nel gruppo Sei di Ripapersico Se:

“Una volta – prima di giocare al sabato – tagliavo l’erba, rigavamo il campo e scaldavamo gli spogliatoi con la legna. […] Oggi come consiliere della parrocchia dico non c’era altra alternativa. Bivacco, abbandono totale di tutti, abbiamo dovuto fare una scelta per la nostra dignità”.

Send this to friend