Putin afferma che gli islamici hanno effettuato un attacco al concerto, suggerendo che l’Ucraina abbia avuto un ruolo

Il presidente russo Vladimir Putin tiene un incontro sulle misure adottate dopo il massacro al municipio di Crocus, tramite videoconferenza presso la residenza statale di Novo-Ogaryovo, fuori Mosca, il 25 marzo 2024. (Mikhail METZEL / POOL / AFP)

  • Vladimir Putin ha finalmente riconosciuto il ruolo svolto dai militanti islamici nel massacro del municipio di Crocus, ma ha continuato a collegarlo all’Ucraina.
  • Francia e Stati Uniti affermano di avere informazioni di intelligence che indicano che dietro il massacro c’era l’Isis, e l’Ucraina nega qualsiasi ruolo.
  • L'Isis ha pubblicato un video in cui afferma che gli uomini armati gli hanno sparato.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ammesso lunedì che l'attacco mortale della scorsa settimana ad un concerto fuori Mosca è stato compiuto da militanti islamici, ma ha suggerito che ciò era anche nell'interesse dell'Ucraina e che Kiev potrebbe aver avuto un ruolo.

Le dichiarazioni di Putin sono arrivate prima di una riunione al Cremlino dedicata alle misure adottate in risposta all'attacco, mentre la Francia si è unita agli Stati Uniti nel dire che le informazioni dell'intelligence indicano che l'Isis è responsabile.

Nell'attacco più mortale avvenuto in Russia negli ultimi due decenni, quattro uomini hanno preso d'assalto il municipio di Crocus venerdì sera e hanno aperto il fuoco durante un concerto del gruppo rock di epoca sovietica Picnik.

Alexander Bastrykin, capo del comitato investigativo russo, ha dichiarato alla riunione del Cremlino che il bilancio delle vittime è salito a 139 persone e 182 persone sono rimaste ferite.

Quattro uomini di origine tagica sono stati arrestati con l'accusa di terrorismo presso il tribunale distrettuale Basmanny di Mosca perché sospettati di aver compiuto l'attacco. Altri tre, anch'essi di origine tagica, sono stati arrestati con l'accusa di collusione.

READ  30 Le migliori recensioni di Tv Box Netflix testate e qualificate con guida all'acquisto

Lo Stato Islamico ha rivendicato l'attacco e ha pubblicato quello che dice essere il filmato del massacro.

“A chi giova?”

Putin ha dichiarato in dichiarazioni pubblicate sull’applicazione di messaggistica Telegram: “Sappiamo che il crimine è stato commesso da estremisti islamici con un’ideologia contro la quale il mondo islamico combatte da secoli”.

Non ha menzionato direttamente l'Isis e ha ripetuto la sua precedente affermazione secondo cui gli aggressori stavano cercando di fuggire in Ucraina, dicendo che c'erano “molte domande” da esaminare.

“La domanda che sorge spontanea è: chi ne trarrà beneficio?” Ha detto Putin. “Queste atrocità potrebbero essere solo un anello di tutta una serie di tentativi da parte di coloro che sono in guerra con il nostro Paese dal 2014 per mano del regime neonazista di Kiev”.

Ha aggiunto: “Sappiamo da chi è stato commesso il crimine contro la Russia e il suo popolo. Ma ciò che ci preoccupa è chi lo ha ordinato”.

Putin ha detto che lo scopo dell'attacco era quello di “spargere il panico”. Ma mentre le forze russe avanzano nel teatro di guerra ucraino, potrebbe anche essere inteso a “mostrare alla sua popolazione che il regime di Kiev non ha perso tutto”.

Putin ha ordinato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022 dopo otto anni di conflitto nell’Ucraina orientale tra le forze ucraine e gli ucraini filo-russi.

L’Ucraina ha negato qualsiasi ruolo nella sparatoria di venerdì e il presidente Volodymyr Zelenskyj ha accusato Putin di cercare di sviare la colpa.

Gli Stati Uniti hanno affermato di credere alle affermazioni dell'Isis. Funzionari statunitensi hanno affermato di aver avvertito la Russia questo mese di informazioni di intelligence su un attacco imminente e che l’intelligence ha indicato che lo Stato islamico affiliato all’Afghanistan nel Khorasan era responsabile dell’attacco.

READ  "Sunita Williams si gode il pesce al curry a casa nello spazio": la NASA a NDTV

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto lunedì ai giornalisti: “Le informazioni a nostra disposizione… così come a quelle dei nostri principali partner indicano che un’entità affiliata al gruppo Stato islamico ha istigato questo attacco”.

Durante una visita nella Guyana francese ha aggiunto: “Questo gruppo ha anche tentato di commettere diversi atti sul nostro territorio”.

Macron ha affermato che la Francia si è offerta di aiutare a trovare gli autori del reato, aggiungendo: “Penso che sarebbe ridicolo e controproducente per la stessa Russia e per la sicurezza dei suoi cittadini utilizzare questo contesto per cercare di rivoltarla contro l’Ucraina”.

La Casa Bianca ha anche negato che l'attacco fosse collegato all'Ucraina. “Questa è solo propaganda del Cremlino”, ha detto a Washington il portavoce della Casa Bianca John Kirby.

La portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova aveva precedentemente messo in dubbio le affermazioni americane. Lei ha scritto sul quotidiano Komsomolskaya Pravda che gli Stati Uniti stanno portando lo “spauracchio” dello Stato islamico per coprire le sue “ali” a Kiev.

Dopo l'attacco, centinaia di russi hanno deposto fiori fuori dal municipio di Crocus in memoria delle vittime.

La sala concerti Oktyabrsky della città ha annunciato che la banda del Picnic, che avrebbe dovuto esibirsi venerdì, terrà un concerto commemorativo mercoledì a San Pietroburgo con un'orchestra sinfonica per aiutare le vittime.

Undici detenuti

Putin ha detto che 11 persone sono state arrestate, compresi i quattro presunti militanti, che secondo lui si erano diretti nella regione di Bryansk, a circa 340 chilometri a sud-ovest di Mosca, per cercare di infiltrarsi in Ucraina.

Sui social media sono circolati video non verificati del loro interrogatorio. Uno di loro è apparso con una parte dell'orecchio tagliata e messa in bocca.

READ  La città della Spagna che rispetta la sezione aurea

Uno degli uomini, Dalirdjon Mirzoyev, era appoggiato a una gabbia di vetro mentre veniva letta l'accusa di terrorismo. Saeedkarami Rachapalizoda rimase seduto, con l'orecchio coperto di bende.

Muhammad Subir Faizov è apparso in abiti ospedalieri su una sedia a rotelle, con il volto coperto di ferite. Shams al-Din Faraidouni era in piedi con la faccia ferita. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha rifiutato di rispondere alla domanda di un giornalista sul fatto se fossero stati torturati.

L'agenzia di stampa Interfax ha riferito che il tribunale ha ordinato la detenzione di altri due cittadini tagiki – padre e figlio Isroel e Aminshon Aslomov – e di un altro figlio, Dilovar, che possiede la cittadinanza russa.

Il comitato investigativo ha affermato di ritenere che Fredoni abbia reclutato Aminchon e DeLofar.

I media russi hanno riferito che Delovar possedeva l'auto utilizzata dagli aggressori. Interfax ha riferito che Aminchon ha sostenuto la sua innocenza.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply