Può (o dovrebbe) la scienza dimostrare l’esistenza di Dio? | cultura

C’è stato un tempo in cui l’idea di Dio era potente. Quindi non molto. Copernico allontanò la Terra dal centro dell’universo. Darwin ha allontanato l’uomo dal centro dell’evoluzione. Freud ci ha addirittura portato fuori dal centro della nostra psiche. Le interpretazioni religiose del mondo stavano diminuendo di fronte al progresso della conoscenza scientifica. Ma c’è chi sostiene che sia avvenuto un cambiamento e che l’idea di un Dio Creatore stia guadagnando nuovamente slancio.

il libro Dio, conoscenza ed evidenza (Il funambolo), dell’ingegnere Michel-Yves Bolloré e dell’imprenditore Olivier Bonassis, sostiene che la scienza moderna è inconcepibile se non si tiene conto dell’esistenza di Dio. In Francia fu un fenomeno editoriale che vendette più di 250.000 copie, con un’introduzione di Robert W. Wilson, premio Nobel per la fisica, che ha co-scoperto la radiazione di fondo a microonde, una delle prove della teoria del Big Bang. In Spagna, l’introduzione è stata scritta da María Elvira Roca Varela, una saggista nota per i suoi articoli più venduti. Fobia del determinismo (Seruela). Allo stesso modo, è stato recentemente pubblicato Nuove prove scientifiche dell’esistenza di Dio (VozdePapel), di José Carlos González Hurtado.

Nel loro libro, Bolloré e Bonassé criticano fortemente il materialismo attuale e considerano alcune scoperte scientifiche del XX secolo come “prova” (anche se non prova) dell’esistenza di Dio. Soprattutto la teoria del Big Bang: contro i sostenitori di un universo statico, senza inizio né fine, il Big Bang offre la possibilità di un Dio creatore, forse non nel senso letterale della Bibbia, ma comunque creativo. Dio agirà allora, nel linguaggio teologico, attraverso cause secondarie: non crea direttamente le cose del mondo, ma crea il mondo in cui le cose accadono dopo, attraverso le leggi della natura. Curiosamente, uno degli scienziati che svilupparono la teoria del Big Bang, Georges Lemaître, era un abate, oltre che un cosmologo. Che l’universo finirà in uno Morte termicaIl freddo e l’oscurità, come previsto dal secondo principio della termodinamica, sono anche un punto per la squadra di Dio, secondo gli autori, che considerano materiale ciò che oggi è “irrazionale”.

READ  Palloncino spia cinese: L'incidente del pallone spia cinese.. Il drago ha utilizzato Internet americano..
La parte interna del libro di Dio, scienza e prove

“Alcuni argomenti sono molto antichi”, afferma Antonio Dieguez, professore di logica e filosofia della scienza all’Università di Malaga. Si riferisce all’argomento di messa a punto che riguarda il principio antropico. La prima si concentra sul fatto che le costanti universali (la velocità della luce, la costante gravitazionale o la costante di Planck) sembrano essere completamente modificate per l’esistenza della vita. Qualcuno sembra averlo fatto apposta… Il principio antropico, invece, rileva che l’universo sembra essere stato costruito pensando a noi. Tutto combacia meravigliosamente. “Ci sono molte risposte a questa domanda”, dice Dieguez, “ad esempio, potrebbero esserci più universi, e questo è solo uno dei tanti universi in cui si verificano queste condizioni”. Oppure può essere accidentale: la vita è nata perché quelle condizioni già esistevano”. Questo può anche essere riferito all’universo equivalente In modo diverso potrebbe emergere un altro tipo di vita, come, di fatto, potrebbe apparire su altri pianeti.

Il professore ricorda che risuona l’argomentazione cosmologica di Tommaso d’Aquino, secondo cui se l’universo esiste, qualcuno deve averlo creato. Esistono altri argomenti di questo tipo, come l’annoso argomento teleologico o del progetto intelligente: se il mondo è complesso, allora deve esserci un Dio che ha progettato quella complessità. In questo senso, la cosiddetta analogia dell’orologiaio suggerisce che dove c’è un orologio, deve esserci un orologiaio. Ad esempio, la complessità dell’occhio ispira molti creazionisti con la necessità di un grande progettista del mondo, al di là della cieca possibilità dell’evoluzione. Questi sono argomenti deboli.

“Non hai bisogno di quell’ipotesi.”

Insomma, il libro di Bolloré e Bonassi non “dimostra” nulla. Il gesuita François Offet ha pubblicato in Francia una risposta al primo libro il cui titolo può essere tradotto come La scienza è una prova dell’esistenza di Dio? Finisce no. Viene in mente il famoso aneddoto del fisico Pierre-Simon Laplace, quando andò a mostrare a Napoleone le sue scoperte sulla meccanica celeste, la spiegazione logica della delicata danza del sistema solare. L’Imperatore gli chiese, senza alcuna fascinazione, cosa ci avesse Dio in tutto questo. “Signore”, rispose Laplace, “non ho bisogno di questa ipotesi.” Se il libro francese dimostrerà effettivamente l’esistenza di Dio, probabilmente assisteremo alla più grande rivoluzione nella conoscenza umana. Ma per ora gli atteggiamenti sembrano più stabili che mai, e la religiosità sembra essere rimasta nella sua sfera naturale: quella della fede.

READ  30 Le migliori recensioni di Luce Sensore Movimento testate e qualificate con guida all'acquisto

Al di là di ciò, i rapporti tra scienza e religione sono sempre stati complessi. “Dalla rivoluzione scientifica, molte credenze apparse in varie scritture sono state smentite. Dal movimento del sole e delle stelle all’evoluzione delle specie. Jorge J ha detto: Frias, responsabile del centro: “La mano di Dio sta gradualmente scomparendo da tutti gli ambiti del sapere”. ARP (Associazione per la Promozione del Pensiero Critico).). La pietra miliare fu il processo e la condanna di Galileo per le sue idee eliocentriche nel 1633. Nel corso del tempo, il conflitto diminuì, in parte, a causa dell’accettazione da parte della Chiesa cattolica delle idee scientifiche, come la teoria dell’evoluzione. Altri rami del cristianesimo continuano a sostenere il creazionismo, la creazione raccontata letteralmente nella Bibbia, che causa molti conflitti tra scienza e religione nell’istruzione americana.

Charles Darwin (1809-1892), e a destra c'è Albert Einstein (1879-1955).
Charles Darwin (1809-1892), e a destra c’è Albert Einstein (1879-1955).

Ma tra gli studiosi Innanzitutto Si potrebbe pensare che siano inclini all’ateismo, c’è di tutto: atei, teisti (credenti nella rivelazione), deisti (credenti senza rivelazione), agnostici… “Quasi tutti i grandi fisici storici erano teisti in un modo o nell’altro. ” “, afferma l’astrofisico Eduardo Bataner, autore del libro Fisica, lo giuro (cascata). Il deismo, ad esempio, era la convinzione di Albert Einstein: l’idea che esista un essere supremo, ma non personale, che è indifferente alla nostra esistenza e non interferisce nel mondo. Non il Dio delle religioni monoteistiche. Sembra più misterioso, più fondamentale, più spirituale.

Paul Davies, fisico dell’Università dell’Arizona, è l’autore di Dio e la nuova fisicaChi non appartiene ad alcuna fede particolare, ma rifiuta di credere che l’universo sia semplicemente un “accidente”. “L’universo materiale è organizzato in modo così brillante che non posso accettare questa creazione come un fatto astratto. Secondo me deve esserci un livello di spiegazione più profondo. “Se vogliamo chiamarlo “Dio” è una questione di gusti e definizioni “, spiega. Un’altra posizione compatibile con la scienza è la posizione del filosofo Baruch Spinoza: Dio è la natura stessa. Egli è tutto, non un’entità separata che governa i destini del mondo. L’idea di base in molti di questi casi è che la scienza ha bisogno non si occupa dell’idea di Dio, che deve rimanere nell’ambito della fede, o comunque della teologia: “La scienza non aiuta a dimostrare l’esistenza di Dio, né aiuta a dimostrare la non esistenza di Dio”, Diguez dice.

READ  Posiziona un pannello solare da 3 kilowatt sul tetto vuoto, il problema dell'illuminazione scomparirà e il governo fornirà un sussidio di Rs 72 lakh...

Scienza e religione

In teoria, le convinzioni degli scienziati non devono influenzare le loro posizioni e ricerche, ma le cose non sono così semplici. “Dobbiamo tenere presente che gli scienziati hanno un solo cervello e dividerlo in due modalità operative è artificiale e non facile da realizzare”, afferma Pataner. Storicamente, le credenze hanno influenzato la scienza. Keplero volle essere molto preciso nella sua opera per raccontare al mondo come Dio la fece. Newton credeva nell’intervento necessario di Dio affinché il sistema solare non venisse disturbato. Einstein cercò di mettersi nei panni di Dio per giudicare le sue teorie. Dio avrebbe fatto così? “Quando si parla di lavoro, non è facile mettere le emozioni in un angolo”, aggiunge.

Questo allineamento tra scienza e fede ha i suoi critici. Jorge J. spiega: Frias: “Poiché gli esseri umani non sono obiettivi, alcuni scienziati cercano di distorcere la questione per adattarla alle proprie convinzioni”. Cita, ad esempio, il famoso paleontologo Stephen Jay Gould, il quale ha sostenuto che scienza e religione sono “insegnanti che non si sovrappongono”. Ciò significa che erano completamente compatibili. Frias aggiunge: “Questo sarebbe vero se le religioni affermassero che gli eroi dei loro miti sono personaggi di fantasia, ma quello che stanno dicendo è che creano, distruggono, trasformano e interagiscono con il mondo. “E qui si scontrano con la scienza.”

Tutta la cultura che ti accompagna ti aspetta qui.

Partecipare

Babylia

Notizie letterarie analizzate dai migliori critici nella nostra newsletter settimanale

Ricevilo

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

_

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply