Perché il lancio spaziale del Boeing Starliner di Sunita Williams è stato annullato?

Il conto alla rovescia del lancio ha raggiunto le fasi finali quando è stata attivata l’interruzione automatica.

Nuova Delhi:

La capsula spaziale Starliner della Boeing è pronta per il suo volo di prova inaugurale con a bordo gli astronauti della NASA, tra cui Sunita Williams, di origine indiana. Tuttavia, il lancio è stato automaticamente interrotto pochi minuti prima del decollo a causa di un sistema di interruzione del computer, rappresentando un altro ritardo indefinito per il progetto.

Il conto alla rovescia del lancio ha raggiunto le fasi finali quando l’interruzione automatica è stata attivata dal computer del sistema di terra responsabile del coordinamento degli ultimi istanti prima del decollo. Con soli tre minuti e 50 secondi rimasti sull’orologio, il sistema ha emesso un comando che ha interrotto la sequenza di lancio. Secondo i funzionari, la capsula Starliner stessa sembra essere in buone condizioni.

Storia delle sfide

Quest’ultimo rinvio fa parte di una serie di problemi tecnici dell’ultimo minuto che i team hanno lavorato per risolvere. Inizialmente, la NASA e la Boeing avevano pianificato una possibile finestra di lancio oggi. Tuttavia, la NASA ha deciso di non farlo, affermando che era necessario ulteriore tempo per valutare a fondo il problema. Le prossime finestre disponibili sono il 5 e il 6 giugno.

“Ci siamo andati molto vicini oggi”, ha detto Steve Stich, direttore del Commercial Crew Program della NASA, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters. “So che è un po’ deludente, eravamo tutti emozionati. È così che funziona il volo spaziale.”

Tory Bruno, CEO di United Launch Alliance (ULA), la joint venture Boeing-Lockheed Martin proprietaria del razzo Atlas V, ha suggerito che il problema potrebbe essere un problema hardware o un problema di connettività di rete tra i tre computer che gestiscono i sistemi di lancio automatizzati. .

READ  Vertigini negli Stati Uniti: Donald Trump, il candidato più probabile per tornare alla Casa Bianca, è un criminale in libertà vigilata

Il viaggio di Boeing con lo Starliner è stato pieno di sfide. Il primo tentativo di inviare un veicolo Starliner senza pilota alla Stazione Spaziale Internazionale è fallito nel 2019 a causa di problemi tecnici e software. Il secondo tentativo nel 2022 ha avuto successo, aprendo la strada alla prima missione di prova con equipaggio. I precedenti ritardi, tra cui una valvola di pressione difettosa e vari problemi tecnici, hanno notevolmente ritardato il programma.

Boeing spera

Gli astronauti della NASA Barry “Butch” Wilmore e Sunita “Sonny” Williams rimasero legati ai loro sedili per diverse ore prima che la missione si fermasse. I tecnici li hanno aiutati a uscire in sicurezza dalla capsula e sono stati riportati in quarantena in attesa del successivo tentativo di lancio. Questa missione è fondamentale per Boeing, poiché mira a rendere lo Starliner un’opzione affidabile per il trasporto di astronauti verso e oltre la Stazione Spaziale Internazionale, in competizione con le missioni Crew Dragon di SpaceX.

Il programma Starliner, nell’ambito di un contratto da 4,2 miliardi di dollari con la NASA, ha visto il suo budget aumentare fino a circa 4,5 miliardi di dollari a causa di vari contrattempi. Per Boeing, il successo con Starliner è fondamentale non solo per le sue iniziative spaziali, ma anche per la ripresa dalla crisi nelle sue attività di produzione di aerei commerciali. La NASA, d’altro canto, vede il veicolo Starliner come una componente chiave della sua strategia per diversificare le opzioni di trasporto degli astronauti, che è cruciale per il più ampio programma Artemis che mira a riportare gli esseri umani sulla Luna e infine su Marte.

READ  30 Le migliori recensioni di Spot On Cani testate e qualificate con guida all'acquisto

Una volta lanciato, il veicolo Starliner dovrebbe attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale circa 24 ore dopo. La missione include compiti come testare le capacità di controllo manuale e valutare le prestazioni del veicolo spaziale come potenziale rifugio sicuro. Dopo circa una settimana trascorsi sulla Stazione Spaziale Internazionale, gli astronauti torneranno sulla Terra, atterrando con l’ausilio di paracadute e airbag nel deserto sud-occidentale degli Stati Uniti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply