Perché chiedono il nome completo?

In Cile il censimento viene effettuato periodicamente per raccogliere dati statistici sulla sua popolazione. Il primo censimento fu effettuato nel 1835, quando la popolazione aveva appena raggiunto il milione. Da allora è stato implementato circa ogni dieci anni, con continui miglioramenti per adattarsi ai cambiamenti storici che il Paese sta vivendo.

Nel Censimento 2024 la domanda posta con riferimento ai nominativi degli intervistati è: “Dimmi il nome completo di tutte le persone che compongono questo nucleo familiare e che risiedono abitualmente in questo nucleo familiare, indipendentemente dal fatto che siano presenti o meno nel momento in cui compili il questionario.”

Consulta il questionario del censimento 2024 Qui.

La questione del nome completo nel censimento del 2024 ha suscitato alcune polemiche il mese scorso. Tuttavia, è importante garantire la qualità dei dati raccolti nell’indagine.

Ricardo Vicuña, direttore dell'Istituto Nazionale di Statistica, lo ha spiegato in un'intervista a Radio Bio Bio Che cosa La richiesta del nome completo è necessaria per facilitare la raccolta dei datiPerché consente ai censitori di organizzare l'applicazione del questionario.

Questo viene fatto “per rendere l'intervista molto più semplice e per sapere a chi si riferisce, perché chiede molti dati (specifici per ciascun partecipante)”, ha detto Vicuña.

accanto a, Il direttore dell'organizzazione ha spiegato che richiedere il nome completo è una misura per evitare duplicazioni. Ad esempio, potrebbero verificarsi cambiamenti negli indirizzi residenziali delle persone durante i mesi in cui il processo è in corso, il che potrebbe comportare che un gruppo familiare si rechi due volte per registrarsi, nella loro casa precedente e nella nuova casa.

READ  Previsioni: Fresco ora con qualche temporale pomeridiano

“Conoscere i nomi completi ce lo permette Identificare le persone che sono state erroneamente duplicate “Quindi, abbiamo un numero migliore alla fine della giornata”, ha detto Vicuña.

Ma, Poiché non è richiesto un RUT e non è richiesto un ID per verificare il nome fornito, INE sottolinea che non esiste alcun modo per garantire la validità di questi dati.. Pertanto, le persone sono incoraggiate a rispondere onestamente al sondaggio. “Lavoriamo secondo il principio della buona fede”, ha affermato il direttore dell'Istituto nazionale di statistica, che ha invitato i partecipanti a fornire i propri nomi e titoli in modo onesto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply