Non puoi competere con persone che hanno perso tutto

Lo psicoterapeuta, capo del dipartimento di psicoterapia dell’Università cattolica ucraina, Roman Kishore, spiega cosa influenza la resilienza degli ucraini e aiuta a superare lo stress.

Presentiamo le tesi del discorso di Roman Kishore, svoltosi durante un dibattito pubblico organizzato dal media center “Your City” il 18 maggio.

Torniamo indietro nella storia e giriamo le pagine: abbiamo visto la vita senza stress? Prima nessuno chiedeva alle persone se fossero ansiose o meno. Adesso la tensione appariva perché appariva il sé, perché le persone apparivano come individui. Direi che questa è una notizia positiva, non negativa. Significa che guardiamo in modo diverso gli uni agli altri e al posto dell’umanità in questo mondo che stiamo costruendo. Ora sulla ricetta generale. Stiamo parlando di stabilità, cioè di una parola di moda come “flessibilità”. Cos’è la stabilità e la flessibilità? Questa è la capacità di riprendersi, essere flessibili, arrendersi all’assalto delle influenze esterne e riprendersi. Per molto tempo nella psicologia generale si è diffusa l’idea che da un lato esiste il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), di cui tutti hanno già sentito parlare, e dall’altro questa resilienza.

Perché ci sono molte persone affette da disturbo da stress post-traumatico che presentano molti sintomi: ansia, depressione, disturbi del sonno, qualsiasi cosa, ed è persistente. La ricetta è semplice e consiste in un’idea sul futuro. Perché se guardiamo indietro, ci preoccupiamo, torniamo al trauma e non abbiamo prospettiva sul futuro, niente funzionerà. Quindi qualsiasi problema esprimiamo qui, qualsiasi numero ci ucciderà. Pensiamo: “Oh mio Dio, non c’è né carbone, né petrolio, né questi immigrati…” e poi ogni problema ci uccide. Perché? Perché guardiamo costantemente indietro, ma dobbiamo costruire prospettive e andare avanti. Facile a dirsi, ma come si costruisce? La fede e la speranza ci aiuteranno qui.

Se non abbiamo speranza, non abbiamo futuro.

Cos’è la speranza? La speranza non è qualcosa che ci diciamo che andrà tutto bene, perché non è chiaro come andrà. Ma noi speriamo e crediamo. questa è la verità. Quando ti dico che andrà tutto bene, significa che ti sto mentendo. Penso che voi siate bambini piccoli, e io sono un adulto, che vi predica dall’alto. Non posso farlo, è mio compito dire la verità per come la intendo io. Almeno ricordate Vaclav Havel che diceva che la speranza non è che tutto andrà bene, ma che la speranza è che qualcosa abbia un significato. Ciò che facciamo ha senso.

READ  Manifestanti agricoli prendono d'assalto una mostra alla quale Macron stava partecipando

Vedi, mi sembra che quando guardiamo a qualsiasi problema, come l’immigrazione, la crescita economica o qualsiasi altro problema, non puoi risolvere nulla se non capisci perché lo stai facendo. Sono venuto in Germania e ho guardato: hanno tante autostrade, tante macchine costose, ma… vedo gente nervosa che odia la vita, che lavora dalla mattina alla sera. Vengo in Portogallo, dove le strade sono peggiori, ma il sole splende magnificamente e la gente sorride. Mi chiedo di che tipo di PIL abbiamo bisogno: dovremmo sovraperformare tutti in termini di PIL oppure non sovraperformare tutti? Se fossi nel mondo degli affari, parlerei di PIL, ma sto cercando qualcuno.

Leggi anche: Sono contrario alla “guerra” con gli ucraini costretti a partire

Mi sembra che sia necessario concentrarsi su come vivranno le persone qui, come vivremo noi qui, come vivranno qui i nostri figli, i poveri, quelli che hanno sofferto la guerra, i veterani, quelli che torneranno dalla guerra, coloro che hanno perso molto, i loro parenti.

Vorrei sottolineare che nei primi trent’anni abbiamo costruito una società di competizione, gareggiando per vedere chi è il migliore, chi è il più grande, chi ha una miniera più profonda, più petrolio, una casa più grande, bambini più istruiti, Vishyvanka più bella donne. Se continuiamo così ci troveremo in un vicolo cieco, perché non si può competere con chi ha perso tutto. C’è chi ha perso il lavoro, la patria, la salute dei propri parenti e dei propri cari. Vedete, un ragazzo che frequenta una scuola online perché le bombe gli cadono addosso avrà risultati peggiori nell’apprendimento e quindi rimarrà indietro rispetto alla concorrenza. Se seguiamo la strada della competizione, perderemo. Costruiremo una società divisa che compete e mette le persone l’una contro l’altra. La Francia è sopravvissuta a cinque rivoluzioni e lì le automobili bruciano da due o tre anni. Possiamo avere una tale dinamica.

Dobbiamo costruire una comunità solidale.

Dobbiamo fare in modo che chi guadagna (vince la città, abbiamo anche un’azienda di trasporti) condivida con chi perde. Se faremo questo, oltre all’innovazione e allo sviluppo dell’economia, saremo in grado di costruire una società solidale in grado di superare diverse difficoltà.

READ  Samsung lancia Smart Ring: rilasciato un nuovo aggiornamento

Vedete, se questa guerra ha un significato, se questo conflitto ha un significato, supereremo tutto. E se non ha senso, allora non esiste un tale “Tumblr”. Questo esaurimento, questa stanchezza inizia perché le persone semplicemente non credono in quello che stanno facendo. Se le persone credono in quello che fanno, supereranno tutto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply