Navigatore da combattimento che ha abbattuto un drone nemico: “Il Paese è protetto da tutti i 360…

Dal 7 ottobre, il tenente navigatore da combattimento del 201° squadrone non ha lasciato lo squadrone e ha effettuato centinaia di sortite nei cieli del paese e ai suoi confini, incontrando obiettivi ostili e affrontando veicoli nemici. Non so cosa voglio, non so cosa voglio Vedi anche: “Altro Mi dispiace, mi dispiace, mi dispiace, mi dispiace – mi dispiace Leggi di più su questo uomo dell'argomento”.

“Abbiamo ricevuto informazioni secondo cui c'era il sospetto che un aereo sperimentale stesse per penetrare nel territorio del paese, quindi abbiamo subito preso la direzione, siamo volati su di esso e ne abbiamo determinato la posizione”, ricorda N., rivelando la divisione dei compiti cruciali tra loro. Il suo partner è un pilota di caccia. “Ognuno di noi ha i propri compiti nella cabina di pilotaggio e allo stesso tempo ci supportiamo costantemente a vicenda”.

“Il mio obiettivo in un evento come navigatore da combattimento è incriminare il bersaglio”, spiega N. “Per essere sicuri che sia effettivamente un obiettivo nemico e che non stiamo facendo nulla di male qui. L'obiettivo è incriminarlo e dare il permesso di aprire il fuoco.” L’obiettivo del pilota è raggiungere una posizione in cui l’aereo è attaccato al bersaglio e quindi essere in grado di lanciare un missile contro il bersaglio”.

“Allo stesso tempo, ci controlliamo costantemente”, continua a descrivere N.. “Ognuno ha la propria missione, ma fondamentalmente ci critichiamo costantemente a vicenda: come vola l'aereo? Qual è la nostra velocità? Dove siamo rispetto all'obiettivo? E tutto converge nel momento in cui sono riuscito a raggiungere il mio obiettivo .” Riuscì a portare a termine la sua missione. “In questo momento capiamo che è possibile sparare al bersaglio e abbatterlo”.

READ  30 Le migliori recensioni di Pentole In Terracotta testate e qualificate con guida all'acquisto

N. E il suo pilota | Fotografia: portavoce dell'esercito israeliano

Entra in modalità guerra

Questa è la routine di combattimento di N. (24) dal 7 ottobre, un navigatore da combattimento del 201° Squadrone (“1° Squadrone”) di stanza presso il 25° Stormo della Base Aerea di Ramon e che opera con aerei da combattimento F-16I (“Storm”). “). Il Southern Fighter Squadron è responsabile di una serie di operazioni e missioni operative durante la guerra, compreso l'attacco di obiettivi nemici nei cieli sopra Israele e all'estero.

N e i membri del suo squadrone combattono da più di 100 giorni. Lei ricorda la telefonata di ritorno che ricevette il Sabato Nero mattina dalla sala operativa dello squadrone: “Ero a casa, poi arrivarono le chiamate dalla sala operativa, seguite da quelle dei comandanti. Nel giro di quindici minuti mi misero l'uniforme e siamo partiti per lo squadrone, a due ore di macchina, perché abito in zona.” “E lungo la strada cerco di rimanere informato, di raccogliere più informazioni dalle persone. E dal momento in cui entro nei cancelli della base, vado in una routine di combattimento.”

“Siamo passati alla modalità guerra”, continua, aggiungendo: “Ogni giorno la situazione cambia, perché è una guerra lunga. C'è sempre un dispiegamento completo di personale di riserva e aerei in volo.” “Lo senti in ogni fase del percorso”, aggiunge.

Aereo Suba F-16I (Foto: portavoce dell'IDF)."A)
SubaF-16I | Fotografia: portavoce dell'esercito israeliano

Arriva dove vuoi essere in tempo reale

“Ci sono molte ordinanze di cui ci occupiamo nell'Aeronautica Militare”, dice N.. “Partecipiamo a 360 gradi alla protezione dei cieli dello Stato di Israele e, come aerei da combattimento, il nostro vantaggio è che siamo mobili e possiamo raggiungere rapidamente il luogo di cui abbiamo bisogno in tempo reale. Usiamo la forza per proteggere i cieli di lo Stato di Israele, mentre ci prendiamo cura dello spazio aereo”.

READ  Le Brigate Al-Qassam consegnano alla Croce Rossa 13 detenuti israeliani, 3 tailandesi e russi | Notizia

Aereo Suba F-16I (Foto: portavoce dell'IDF)."A)
SubaF-16I | Fotografia: portavoce dell'esercito israeliano

“Abbiamo molte missioni per le quali ci addestriamo nello squadrone: missioni offensive, difesa dei cieli nazionali e altro ancora. Una serie di missioni per le quali ci prepariamo regolarmente per fornire una risposta rapida anche nei giorni di combattimento. L'intercettazione delle armi è una di queste. di queste missioni che rientrano Il grande titolo è “difendere i cieli del Paese”, e ci sono molti modi per farlo, e cambia e spesso dipende dal settore, da quale arena e da quale strumento esattamente, ma noi pratichiamo il principi quando c’è un obiettivo.

“Ci sono delle procedure da seguire quando si riceve un messaggio che indica che un aereo è entrato nel territorio israeliano”, spiega. “'0 a 100' è come lo chiamiamo. Non importa dove ti trovi, non appena arriva la missione e ti dicono '0 a 100' e ottieni dettagli sull'obiettivo che devi abbattere, Fallo.'

“Abbattere un drone è un processo che sembra facile per un aereo avanzato come un aereo da caccia, ma non è un'attività facile per un aereo da caccia. Può sembrare che sia un aereo davvero piccolo, ed è un drone, e non è.” Il problema di abbatterlo c’è, ma il compito di un aereo da caccia non è facile, proprio perché è piccolo e vola lentamente, ma noi ci siamo abituati e sappiamo come si fa”.

Navigatore n.  (Foto: portavoce dell'esercito israeliano)."A)
Navigatore | Fotografia: portavoce dell'esercito israeliano

Come mantieni l'energia e la motivazione nello squadrone per oltre 100 giorni di combattimento? “Sappiamo cosa stiamo facendo e quali obiettivi devono essere raggiunti, che si tratti di ripristinare la pace per i residenti evacuati o il ritorno dei rapiti. Comprendiamo tutti la situazione in cui ci troviamo e perché ci troviamo in quella situazione.” “Fare quello che facciamo ci dà la forza di continuare. Che si tratti di riservisti o di personale permanente, tutti sono disposti a restare tutto il tempo necessario per avere successo in questa guerra”.

READ  30 Le migliori recensioni di Porta Bagaglio Tetto Auto testate e qualificate con guida all'acquisto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply