L’ultimo posto nel campionato di Serie A 2019-20, arrivato dopo aver conquistato solamente 20 punti in totale, è sicuramente una macchia nella storia della SPAL. La società calcistica ferrarese, che ha giocato le ultime tre edizioni della massima serie del calcio italiano, ha tuttavia nel suo futuro una serie di speranze di tornare a questo grande palcoscenico sia per la presenza di un allenatore con il polso giusto come Luigi Di Biagio sia per le ottime reclute che da sempre la squadra estense riesce a portare ad altissimi livelli. Tra queste, le più note sono senza dubbio il portiere Alex Meret e l’attaccante Andrea Petagna, i quali hanno fatto vedere con la maglia bianco azzurra di essere giocatori dall’ottimo potenziale e che possono fare molto bene anche in prosceni di valore assoluto. Meret, portiere friulano classe 1997, è stato acquistato due anni fa dal Napoli, società che crede molto nei giovani. Dopo una prima stagione tribolata per via di un infortunio al braccio, Meret si è riuscito a imporre come un portiere solido e in grado di dare una notevole sicurezza tra i pali.

Nonostante l’arrivo di un giocatore come David Ospina, il quale lo ha privato di alcune partite da titolare, l’ex SPAL è sicuramente uno degli uomini di punta della squadra azzurra e ha dimostrato di sapersi destreggiare alla grande anche in Champions League, competizione nella quale ricordano tutti una grandissima parata sull’attaccante del Liverpool Mohammed Salah nel match vinto dal Napoli per 2 a 0 a settembre scorso. Proprio in Champions, competizione che per il momento vede il Bayern Monaco come la squadra con più possibilità di vincere secondo le scommesse live di Planetwin365, il portiere friulano ha realizzato le sue migliori partite, aiutando gli azzurri a qualificarsi alla fase degli ottavi di finale.

Anch’egli nato al nord-est, ossia in quel di Trieste, l’attaccante Andrea Petagna ha trascinato la SPAL negli ultimi anni prima di venire opzionato proprio dal Napoli, squadra nella quale approderà a breve per poter iniziare la prossima stagione e disputare anche la prestigiosa Europa League. Potente fisicamente e molto abile a fare da sponda, il classe 1995 è andato a segno 12 volte nell’ultima stagione, mentre l’annata precedente era riuscito a realizzare ben 16 goal. La sua è stata una grande maturazione in tempi recenti, visto che nelle sue esperienze precedenti in Serie A con la maglia dell’Atalanta non era mai riuscito ad arrivare in doppia cifra dal punto di vista realizzativo. Nonostante le sue ottime prestazioni nell’ultima stagione, la SPAL non ha evitato la retrocessione, ma è riuscita a effettuare un’ottima operazione di uscita per quanto riguarda il mercato, e con i proventi proverà a costruire una nuova squadra.

I due ex spallini si conosceranno presto nel Napoli e proveranno a migliorare ulteriormente sia per quanto riguarda il rendimento individuale sia dal punto di vista emotivo e psicologico. Giocare una competizione come l’Europa League sarà uno stimolo enorme per entrambi, mentre per la SPAL, che ha puntato molto su di loro, sarà un grandissimo onore.