Marte potrebbe influenzare le correnti oceaniche sulla Terra e causare vortici nelle profondità marine

L'analisi delle antiche correnti oceaniche ha rivelato un ciclo che coincide con le orbite della Terra e di Marte.

La Terra e Marte sono relativamente vicini per gli standard planetari. Durante l'allineamento orbitale, Marte passa a soli 54,6 milioni di chilometri dal nostro pianeta blu. Un nuovo studio sui sedimenti delle profondità marine suggerisce che la gravità del Pianeta Quattro può influenzare il flusso e riflusso delle correnti terrestri. Tutto ciò potrebbe indicare l’esistenza di un “grande ciclo” di 2,4 milioni di anni nei nostri oceani, controllato dall’orbita di Marte.

Poiché la temperatura della Terra continua ad aumentare a causa delle attività umane, si teme che le correnti oceaniche che distribuiscono calore e sostanze nutritive possano cambiare o arrestarsi del tutto. Nel corso di migliaia di anni, la Terra ha attraversato molti cicli di riscaldamento e raffreddamento, quindi un team dell’Università di Sydney e dell’Università della Sorbona ha deciso di studiare il comportamento delle correnti oceaniche durante questi cicli. Per fare ciò, hanno perforato centinaia di pozzi e raccolto campioni da tutto il mondo per analizzare gli strati di roccia sedimentaria.

Quando vortici e vortici sono attivi nelle profondità dell'oceano, il processo di sedimentazione viene interrotto. Nei periodi in cui questi fenomeni naturali sono assenti, le precipitazioni si accumulano in modo uniforme. Gli scienziati hanno scoperto che in 293 carote di acque profonde c'erano 387 rotture di questo tipo, distribuite in modo non uniforme. I risultati hanno mostrato che queste lacune si sono formate in un ciclo di 2,4 milioni di anni che corrisponde esattamente alle orbite della Terra e di Marte.

I siti di perforazione sono stati distribuiti in tutto il mondo per eliminare l'influenza delle discrepanze locali. Immagine: Natura

Dietmar Müller dell’università ha detto: “I campi gravitazionali dei pianeti nel sistema solare interagiscono tra loro, e questa interazione, chiamata risonanza, cambia l’eccentricità dei pianeti, cioè il grado in cui le loro orbite si discostano dalla circolarità. ” Sydney. Decenni fa, gli scienziati hanno confermato che pianeti più grandi come Giove e Saturno potrebbero trascinarsi sull’orbita della Terra, rendendola più eccentrica in quello che è noto come ciclo di Milankovitch. Questa è una delle principali cause delle ere glaciali, ma la gravità di Marte è molto inferiore nonostante la sua posizione più vicina. Con un'alta probabilità non può influenzare la nostra orbita, ma può influenzare il comportamento delle correnti d'acqua.

READ  Chi è Matthew Carley, ufficiale della Coppa del mondo di rugby

Lo studio ha scoperto che queste interruzioni coincidevano con periodi più caldi del clima terrestre, alcuni dei quali superavano gli attuali livelli di cambiamento climatico causato dall’uomo. Questa potrebbe essere una buona notizia: gli scienziati temono che l’attuale tendenza al riscaldamento possa portare ad un rallentamento o alla completa cessazione della circolazione vitale nell’Oceano Atlantico. Tuttavia, il mescolamento dell’acqua risultante dall’impatto marziano potrebbe indicare che altre correnti potrebbero assumere il ruolo di distribuire calore e sostanze nutritive durante i periodi di alte temperature. Tuttavia, anche se gli oceani fossero più resistenti del previsto ai cambiamenti climatici, esiste comunque il rischio di innalzamento del livello del mare, tempeste più forti e temperature pericolosamente elevate.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply