Marte e Venere non sono i pianeti più vicini alla Terra

Contrariamente alla credenza popolare, un recente studio lo ha rivelato MercurioNO Venere OH MartyÈ il pianeta più vicino a Terra Più di una volta. Dato che queste stelle sono sempre in movimento, è possibile che nel prossimo millennio si facciano ulteriori scoperte, che ora ci daranno risultati diversi da quelli che abbiamo oggi.

Tradizionalmente, si presumeva che Marte fosse il vicino più vicino al pianeta, in base alla sua disposizione nel pianeta Sistema solare: Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Tuttavia, il nuovo studio ha utilizzato un approccio diverso per misurare le distanze tra i pianeti. Invece di considerare solo la prossimità statica, si concentrò sulle orbite dei pianeti attorno alla Terra Sol.

L’analisi lo ha dimostrato Mercurio Era il pianeta più vicino a… Terra Il 46% delle volte nel secolo scorso. Venere Al secondo posto con il 36%. Marty Il terzo tasso era del 18%. Questo risultato suggerisce che, a causa delle differenze nelle orbite dei pianeti, questo pianeta trascorre più tempo vicino al nostro pianeta rispetto a Venere o Marte.

Sebbene lo studio cambi la comprensione delle distanze planetarie, non cambia l’interesse per esse Marty Come obiettivo principale dell’esplorazione spaziale. Ciò rimane più applicabile alle missioni umane a causa delle sue condizioni più favorevoli rispetto alle temperature estreme Mercurio.

Questa scoperta potrebbe aprire nuove strade interpretative Sistema solare Incoraggiare ulteriori studi e scoperte in astronomia. Rivedere e modificare le nostre nozioni preconcette sulle distanze planetarie è fondamentale per il progresso scientifico e può portare a una migliore comprensione della posizione nell’universo.

attraverso: Meccanica popolare

READ  Gli Stati Uniti hanno perso questo elemento di potere! Compravano quella parte dagli USA: hanno rotto la dipendenza e l'hanno prodotta loro stessi

AA Blica-Amazon-OK

Diario: Ci sono molti studi che cambieranno con le generazioni, poiché non tutti i pianeti rimangono statici al 100%, e infatti il ​​momento in cui uno di loro rischia di collassare con il sole è un momento spaventoso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply