Malala Yousafzai paragona il trattamento riservato dai talebani alle donne all’apartheid nella conferenza di Mandela

Malala Yousafzai, premio Nobel per la pace, parla durante la 21a conferenza annuale sulla pace di Nelson Mandela, nel decimo anniversario della sua morte, a Johannesburg, Sud Africa, il 5 dicembre 2023. REUTERS/Sumaya Hisham Ottenere i diritti di licenza

JOHANNESBURG (Reuters) – Malala Yousafzai, premio Nobel per la pace, ha paragonato le restrizioni dei talebani sulle donne in Afghanistan al trattamento riservato ai neri durante l’apartheid, in una conferenza organizzata dalla Fondazione Nelson Mandela in Sud Africa.

Yousafzai è sopravvissuta a un colpo alla testa sparato da un uomo armato quando aveva 15 anni nel suo paese natale, il Pakistan, dopo aver condotto una campagna contro le mosse dei talebani pakistani volti a privare le ragazze dell’istruzione.

Da quando ha vinto il Premio Nobel per la pace nel 2014, Malala, che ora ha 26 anni, è diventata un simbolo globale della resilienza delle donne di fronte all’oppressione.

“Se sei una ragazza in Afghanistan, i Talebani hanno deciso il tuo futuro per te. Non puoi andare al liceo o all’università. Non puoi trovare una biblioteca aperta dove puoi leggere. Vedi le tue madri e le tue sorelle maggiori confinate e limitate”, Lo ha detto Yousafzai durante la prima conferenza annuale su Nelson Mandela, venti a Johannesburg.

Yousafzai ha detto che le azioni dei talebani dovrebbero essere viste come “apartheid di genere” e che hanno “di fatto… reso illegale l’infanzia”.

Ha affermato che gli attori internazionali non dovrebbero normalizzare le relazioni con i talebani, che sono tornati al potere in Afghanistan nel 2021 con il ritiro delle forze guidate dagli Stati Uniti dopo 20 anni di guerra.

READ  Negli ultimi 300 anni abbiamo interpretato erroneamente una legge fondamentale della fisica

Un portavoce dei talebani non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento sulle dichiarazioni di Yousafzai.

Da quando sono tornati al potere, i talebani hanno anche vietato alla maggior parte delle dipendenti afghane di lavorare nelle agenzie umanitarie, chiuso i saloni di bellezza, vietato alle donne di entrare nei parchi e limitato i viaggi per le donne in assenza di un tutore maschio.

I talebani affermano di rispettare i diritti delle donne in linea con la loro interpretazione della legge islamica e delle usanze afghane, e che i funzionari stanno sviluppando piani per aprire scuole secondarie per ragazze, ma dopo più di 18 mesi non hanno fornito una tempistica.

In un’intervista dopo la sua conferenza, Yousafzai ha detto di essere preoccupata che i talebani possano privare i ragazzi della scienza e del pensiero critico.

“È estremamente importante che la comunità internazionale non solo intensifichi gli sforzi per proteggere l’accesso delle ragazze all’istruzione, ma garantisca anche che si tratti di un’istruzione di qualità, e non di indottrinamento”, ha affermato.

Riferendosi alla guerra a Gaza, ha affermato di voler vedere un cessate il fuoco immediato e che i bambini possano tornare a scuola e condurre una vita normale.

Ha aggiunto: “Guardiamo alle guerre… soprattutto ai bombardamenti avvenuti a Gaza… che hanno privato i bambini di una vita normale”.

(Reporting di Tanwar Anders) Reporting aggiuntivo dalla redazione di Kabul (a cura di Alexander Wenning e Lisa Shoemaker)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply