L'uomo che trasporta il chip cerebrale Neuralink di Elon Musk twitta X “stavo solo pensando”

In precedenza, Neuralink ha trasmesso in live streaming un aggiornamento in cui è stato visto giocare a scacchi online usando la mente

Noland Arbaugh, il primo paziente Neuralink al mondo, ha fatto la storia twittando su X (ex Twitter) “Solo pensando”. Il signor Arbault, 29 anni, quadriplegico, è diventato la prima persona a inviare un tweet utilizzando solo i suoi pensieri, utilizzando un impianto elettronico NeuralInk.

“Twitter mi ha bandito perché pensavano che fossi un bot, e @X e @elonmusk mi hanno riportato indietro perché lo sono”, ha scherzato Arbo.

Vedi il post qui:

Elon Musk ha risposto al tweet di Arbaud, celebrandolo come “il primo post mai creato dal pensiero, utilizzando la telepatia Neuralink!”

In precedenza, Neuralink Corp. Un aggiornamento dal vivo mostra Arbo che gioca ai videogiochi e agli scacchi online usando la mente. Nella trasmissione in diretta, il signor Arbaud ha spostato il cursore su un computer senza utilizzare strumenti fisici. Ha spiegato che immagina semplicemente che il cursore si muova dove vuole che vada, cosa che fa.

“Ho smesso di giocare a quel gioco”, ha detto, riferendosi a Civilization VI. “Tutti voi (Neuralink) mi avete dato la possibilità di farlo di nuovo e ho giocato per 8 ore di fila.”

Il signor Arbault, 29 anni, ha detto di aver subito una lesione al midollo spinale in uno “strano incidente subacqueo” otto anni fa. Stava lavorando come consulente per un campo estivo per bambini quando è stato coinvolto in un incidente che lo ha lasciato tetraplegico nel 2016. Ha anche detto di essere stato dimesso dall'ospedale il giorno dopo una procedura Neuralink a gennaio, che è andata bene. Ha aggiunto che “c'è ancora del lavoro da fare” per migliorare la tecnologia.

READ  Il presidente della FIFA Infantino condanna il razzismo "abominevole" durante le partite in Italia e Inghilterra

Neuralink è una startup di tecnologia cerebrale fondata da Elon Musk. Il suo impianto consente al paziente di usare i suoi pensieri per controllare un computer. Musk ha affermato che l’azienda inizierà lavorando con pazienti con gravi limitazioni fisiche come disfunzione del midollo spinale cervicale o quadriplegia.

L'obiettivo dell'azienda è connettere il cervello umano ai computer per aiutare a trattare condizioni neurologiche complesse.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply