L’italiano Dainese vince la diciannovesima tappa e Kos si avvicina al titolo della Vuelta

Venerdì il corridore italiano Alberto Daisi ha ottenuto la sua terza vittoria nella tappa del Grand Tour (Oscar del Pozo)

Venerdì l’italiano Alberto Dainese ha superato il connazionale Filippo Ganna in uno sprint per vincere la tappa 19 della Vuelta a España, mentre Sepp Kuss ha mantenuto il comando della classifica generale.

Kus è ancora davanti ai suoi compagni di squadra Jumbo-Visma Jonas Vengegaard, che è 17 secondi dietro, e Primoz Roglic, che è altri 51 secondi dietro, dopo che il trio ha finito in sicurezza nel gruppo.

L’americano Kos dovrebbe vincere il suo primo titolo di Grand Tour sabato nella corsa in montagna di 208 chilometri da Manzanares El Real a Guadarrama e nella tradizionale processione di domenica a Madrid.

Jumbo punta a diventare la prima squadra a conquistare un podio alla Vuelta dal 1966.

La gloria di Kuss questo fine settimana concluderà anche una tripletta del Grand Tour nel 2023 per la squadra olandese, dopo la vittoria di Roglic al Giro e la seconda vittoria consecutiva di Vingegaard al Tour de France.

“È stato un po’ più facile oggi, ma devi rimanere concentrato tutto il tempo”, ha detto Koss.

La fine della tappa di venerdì a Iskar è stata segnata da una collisione nell’ultimo chilometro per il leader della classifica a punti Caden Groves, che ha portato alla divisione del gruppo in due parti.

L’australiano sembrava illeso ma non è riuscito a farsi strada per ottenere la sua terza vittoria di tappa della gara.

Dainese ha colto l’occasione per ottenere il suo primo successo di tappa alla Vuelta, aggiungendosi alle sue due precedenti vittorie al Giro d’Italia.

READ  Mary Alice Fullerton | Notizie, sport, lavoro

Il 25enne Dainese lascerà il suo club DSM-Firmenich a fine stagione.

“Con il vento contrario, ho lasciato che Jana prendesse il comando”, ha detto.

“Stavo aspettando il momento in cui avrei accelerato. Volevo davvero finire la stagione in modo positivo e lasciare la DSM in grande stile.

“Ero molto sotto pressione perché sapevo che poteva essere la mia ultima occasione per ringraziare la squadra”.

La tappa di sabato non è una formalità per Kos, con 10 salite di categoria 3 da affrontare, ma il suo team Jumbo sembra aver deciso che sarà lui l’uomo che indosserà la maglia rossa di leader della classifica generale.

“Sembra la classica partita di un giorno con alti e bassi, è l’ultima possibilità per chi vuole cambiare la situazione”, ha aggiunto Kos, che di solito viene schierato come giocatore locale per Vingegaard e Roglic.

jk/jk/bsp

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply