L’Italia cerca di digerire la valanga nera

Rugby Union – Coppa del mondo di rugby 2023 – Gruppo A – Nuova Zelanda v Italia – Groupama Stadium, Lione, Francia – 29 settembre 2023 Danny Coles della Nuova Zelanda segna la sua 13a meta (Reuters/Paul Childs/file Image) Ottenere i diritti di licenza

30 settembre (Reuters) – La mattina dopo l’umiliante notte precedente, gli appassionati italiani di rugby non avevano fretta di leggere i giornali sportivi dopo la schiacciante sconfitta di venerdì contro la Nuova Zelanda ai Mondiali.

Perdere contro gli All Blacks era sempre un risultato probabile, ma un 96-17 non era quello che l’Italia si aspettava.

“Il passato va in una direzione, ma forse il divario non è mai stato così ristretto”, riporta La Gazzetta dello Sport. Invece, il margine di sconfitta di 79 punti è stato il secondo peggior risultato dell’Italia contro la Nuova Zelanda.

Nella finale della Coppa del Mondo del 1999, prima che l’Italia entrasse nel Sei Nazioni, perse 101-3 e quel risultato sembrava rischiare di essere messo in ombra.

“Valanga nera” titolava sabato mattina La Gazzetta dello Sport. E aggiunge: “Tutti i neri sono arrabbiati. L’Italia è sconfitta. Contro la Francia serve un miracolo”.

La Nuova Zelanda è stata descritta come dura, arrabbiata, chirurgica e con la sua teatralità a volte poetica. L’Italia, invece, viene dipinta come fossilizzata e inesistente.

La partita è finita sulla prima pagina del Corriere dello Sport, ma per le ragioni sbagliate. Il titolo “Oscurato dagli All Blacks” era semplice ma accurato.

“Non nascondo che penso che la Coppa del Mondo sia troppo presto per loro. Hanno fatto molta strada”, ha detto il Ct dell’Italia Kieran Crawley della sua giovane squadra.

READ  Video: a un paziente affetto da rene viene detto che è stato trovato un trapianto compatibile

Purtroppo anche la strada da fare è ancora lunga.

L’Italia è ancora ai Mondiali e le aspettative per l’ultima partita del girone contro la Francia ospitante si sono calmate, una situazione a cui l’Italia si è abituata e con cui si è sentita a suo agio.

Quanto ai giornali del sabato, anche gli appassionati italiani di rugby forse vorranno buttarli nella spazzatura.

Reporting di Trevor Staines, montaggio di Ed Osmond

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply