L’esercito israeliano ordina l’evacuazione di altri residenti di Rafah mentre espande il suo attacco a Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

Un medico richiede protezione mentre l’ordine di sgombero forzato si estende fino a includere l’ospedale kuwaitiano di Rafah.

L’esercito israeliano ha ordinato ai residenti di diverse aree a est e al centro di Rafah di evacuare mentre espandeva la sua offensiva nell’estremo sud della Striscia di Gaza, sfollando ancora una volta decine di migliaia di palestinesi.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA) ha dichiarato sabato che circa 150.000 palestinesi, molti dei quali sfollati più volte, sono finora fuggiti da Rafah. Israele ha stimato questo numero a circa 300.000.

Tareq Abu Azoum, corrispondente di Al Jazeera a Deir al-Balah, nel centro di Gaza, ha dichiarato: “Le autorità israeliane hanno lanciato volantini e fatto telefonate per ulteriori ordini di evacuazione. Stanno ora ordinando alle persone di fuggire dalle zone centrali di Rafah, non solo da quella orientale parti, dove ora si svolgono le battaglie”.

Abu Azoum ha affermato che sabato sono stati emessi ordini di evacuazione per la zona di Al-Shaboura e le vicinanze dell’ospedale specializzato del Kuwait, aggiungendo che “alle persone è stato ordinato di fuggire perché queste aree diventeranno in futuro una zona di operazioni militari per l’esercito israeliano”. .” “La situazione è assolutamente catastrofica”.

Sahib Al-Hams, direttore dell’ospedale di Rafah, ha confermato che l’ordine di evacuazione ampliato includeva l’ospedale kuwaitiano nella città di Rafah, dove vengono curati innumerevoli pazienti e feriti.

“Non c’è altro posto dove i malati e i feriti possano andare se non questo ospedale”, ha detto Al-Hams in un videomessaggio ottenuto da Al Jazeera, in cui ha chiesto “protezione internazionale immediata” per la struttura.

READ  La più antica azienda vinicola attiva al mondo ha più di 1.000 anni

Sabato scorso, l’esercito israeliano ha dichiarato in un comunicato che “circa 300.000 abitanti di Gaza” si erano trasferiti da Rafah orientale ad Al-Mawasi da quando l’ordine è stato emesso lunedì.

Israele afferma che Al-Mawasi, situata sulla costa occidentale della Striscia di Gaza, è una “zona sicura dal punto di vista umanitario”. Ma i gruppi umanitari e gli sfollati palestinesi affermano che decine di migliaia di persone sono stipate nell’area, affrontando gravi carenze di cibo e acqua, oltre a periodici bombardamenti.

(Al Jazeera)

“Ci hanno detto che queste aree non sono minacciate e che sono sicure, ma quest’area si è rivelata pericolosa”, ha detto ad Al Jazeera Ahmed Abu Nahil, uno sfollato residente a Gaza, mentre la sua famiglia fuggiva da Rafah.

Anche Raed Al-Fayoumi, un altro sfollato, ha descritto la situazione come molto pericolosa.

“Non siamo riusciti a dormire la notte a causa dei bombardamenti dell’artiglieria e dei missili. La situazione è molto difficile e il cibo scarseggia”.

Georgios Petropoulos, funzionario dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) a Rafah, ha dichiarato all’agenzia di stampa Associated Press che gli operatori umanitari non hanno scorte per aiutarli a stabilirsi in nuovi siti e ad accogliere decine di migliaia di nuove persone. . Da Rafah.

“Semplicemente non abbiamo tende, coperte, letti, nessuno dei materiali che una popolazione mobile potrebbe ottenere dal sistema umanitario”, ha affermato.


L’esercito israeliano ha affermato che quella che ha definito “evacuazione temporanea” è stata comunicata alla popolazione attraverso volantini, messaggi di testo sui cellulari, telefonate e trasmissioni in arabo. Ma non è chiaro quante persone abbiano ricevuto l’ordine.

Lunedì l’esercito aveva inizialmente ordinato l’evacuazione della parte orientale di Rafah, dopo aver preso il controllo del valico con il confine egiziano prima del suo attacco di terra a lungo minacciato contro la città, che ospita circa 1,4 milioni di sfollati.

READ  Tour regale dell'Opera di Vienna in tutto il paese

Venerdì i carri armati israeliani hanno preso il controllo della strada principale che separa i settori orientale e occidentale di Rafah, isolando di fatto il lato orientale della città.

Almeno 34.971 persone sono state uccise e altre 78.641 ferite negli attacchi israeliani a Gaza dal 7 ottobre, ha detto sabato il Ministero della Sanità di Gaza. Il bilancio rivisto delle vittime israeliane degli attacchi di Hamas del 7 ottobre ammonta a 1.139 e decine di persone rimangono detenute.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply