“Lenzuola sporche ovunque e rumore 24 ore su 24” – la città che vuole resistere all’“invasione” di Airbnb

È una delle città il cui centro storico è stato classificato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e custodisce alcuni capolavori artistici.

Tuttavia, la proliferazione degli affitti a breve termine ha portato ad un aumento degli affitti e ad un esodo dei residenti dal centro città. Fino agli anni ’90 i negozi destinati ai residenti si trovavano nel centro della città. Ora solo pochi di loro sono sopravvissuti. Accanto ai campanelli in molti ingressi degli edifici ci sono cassette per le chiavi.

I 40.000 residenti rimasti in mezzo a esso “si ritrovarono improvvisamente a vivere in appartamenti di hotel i cui costi erano aumentati fino al 30%, lenzuola sporche ovunque, rumore e chiamate interfono 24 ore su 24 di turisti che chiedevano aiuto ai residenti come se lo fossero. .. “Personale”. Hotel”, dice il sindaco della città.

Firenze (a questo proposito), la città della Venere di Botticelli e del David di Michelangelo, è ormai una città Airbnb, come riporta in un articolo sul suo sito l’americano Wall Street Journal.

In alcune strade del centro storico italiano, la maggior parte degli edifici ha almeno una porta, consentendo agli ospiti di accedere all’appartamento affittato per un breve periodo senza dover incontrare il proprietario. Alcuni edifici ne contengono quattro o cinque.

Mentre l’invasione di Airbnb si diffonde a Firenze, i residenti se ne stanno alla larga. Secondo uno studio condotto da due professori dell’Università La Sapienza di Roma, quasi il 30% delle case nel centro di Firenze sono pubblicate su Airbnb. Questi non includono gli appartamenti elencati su altre piattaforme come Vrbo.

Secondo lo stesso studio, il centro storico di Firenze ha più posti letto pubblicati su Airbnb che popolazione.

READ  Scarica l'ultimo aggiornamento di WhatsApp GB Green 2024 e ottieni gli ultimi vantaggi dell'aggiornamento

Mancano le normative

L’Italia ha consentito per lo più ai siti di noleggio a breve termine di operare senza regolamentazione. Il risultato è stato un’esplosione di inserzioni.

Gli annunci di Airbnb a Firenze sono raddoppiati dal 2016. Gli affitti a lungo termine sono aumentati del 42% nello stesso periodo, secondo il sindaco Dario Nardella. Tre quarti degli affitti brevi a Firenze sono ubicati nel centro storico.

“Se sei l’unico occupante di un edificio e gli altri sette appartamenti sono affittati tramite Airbnb, resisti per un po’ e poi te ne vai”, dice Massimo Torelli, residente a Firenze e membro di un’associazione di sinistra. La lotta per alloggi a prezzi accessibili per i residenti. “Per quanto tempo sopporteremo il continuo viavai di gente, il divertimento e tutte le cose che facciamo quando siamo in vacanza? È normale, ma vuoi vivere così? Venezia è perduta, ma possiamo ancora salvare Firenze.”
Campo studentesco

Quest’anno l’Italia è stata colpita da una carenza di alloggi a prezzi accessibili, quando gli studenti hanno iniziato a campeggiare fuori dalle università di Milano, Roma e altre città per protestare contro l’aumento degli affitti.

Gli agenti immobiliari in Italia spesso preferiscono pubblicare i propri appartamenti su Airbnb piuttosto che trovare un inquilino a lungo termine. Una mossa che potrebbe essere non solo più redditizia, ma anche meno rischiosa. La legge italiana rende difficile sfrattare gli inquilini a lungo termine che non pagano l’affitto. Se con gli inquilini convivono anche dei figli, ciò è quasi impossibile.

La città è divisa in due “campi”.

Tuttavia, i residenti fiorentini sono rimasti delusi dagli alloggi Airbnb. A ottobre, il comune ha approvato una legge che vieta nuovi annunci su Airbnb. Solo le proprietà che già offrivano affitti a breve termine potevano sopravvivere. La città spera di diventare leader in Italia, aprendo la strada per fermare la diffusione di Airbnb.

READ  "IRONMAN ITALIA": Peter Konrads del Poderbach Running Club con il miglior tempo

“Stiamo cercando di superare il letargo che attraversa il Paese”, afferma Nardella. Dice che sta facendo del suo meglio come sindaco, visti i poteri limitati dei comuni, e che l’Italia ha bisogno di una legge nazionale per regolamentare gli affitti a breve termine. “Sono convinto che se faremo il primo passo, altri ne seguiranno”.

I proprietari immobiliari di Firenze e i gestori professionisti di affitti a breve termine sono determinati a combattere le restrizioni della città in tribunale.

Il governo italiano sta riflettendo su cosa fare riguardo agli affitti a breve termine, ma non ha ancora fatto alcun intervento importante. Il suo piano di bilancio 2024 aumenta l’aliquota fiscale sui redditi da locazione al 26% dal 21%, a partire dal secondo appartamento affittato dal proprietario. Il primo affitto sarà comunque imponibile al 21%. I critici dicono che questo farà poca differenza.

Un portavoce di Airbnb ha affermato che la società “riconosce le sfide che devono affrontare le città storiche e accoglie con favore i progressi compiuti dal governo italiano sulle nuove regole nazionali, che aiuteranno a sostenere gli obiettivi politici di città come Firenze”.

florentia.jpg

Restrizioni anche in altre città

Restrizioni sugli affitti a breve termine sono state implementate in altre destinazioni turistiche in Europa. Amsterdam ha introdotto le sue prime norme nel 2014, secondo le quali generalmente gli appartamenti non possono essere affittati su piattaforme come Airbnb per più di 30 giorni all’anno. I proprietari possono affittare solo una proprietà, mentre per pubblicare un intero appartamento è necessario un permesso. Anche Barcellona, ​​Parigi e Berlino hanno dato un giro di vite agli affitti a breve termine.

La città di New York ha iniziato ad attuare nuove regole lo scorso settembre, che Airbnb ha descritto come “un divieto virtuale sugli affitti a breve termine”. Gli host devono registrarsi presso la città, non possono affittare l’intera proprietà e devono essere presenti quando hanno ospiti paganti.

READ  Starfield scivola sotto la soglia magica dopo più di 50.000 recensioni

I critici ritengono che le misure adottate da Firenze non siano sufficienti.

Filippo Silata, uno degli autori dello studio della Sapienza, conferma che “congelare la situazione non risolve i problemi esistenti”. “Città come Amsterdam, che si è ripresa diversi anni fa, sono state in grado di controllare la crescita degli affitti a breve termine. Potrebbe essere troppo tardi per le città che si stanno mobilitando adesso.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply