Le stelle si stanno formando. La NASA ha fotografato il luogo di nascita dei luminari – Social Fax – Wanwei Readers Network (versione PC)

La National Aeronautics and Space Administration (NASA) ha recentemente condiviso una splendida e colorata immagine della dinamica regione di formazione stellare IRAS 16562-3959, con una stella massiccia in formazione al centro.

Il sito web della NASA ha pubblicato un'immagine di IRAS 16562-3959 il 16 febbraio. Questa immagine è stata compilata sulla base dei dati osservati dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale Hubble.

IRAS 16562-3959 si trova nella Via Lattea ed è considerata una regione di formazione stellare relativamente vicina. Si trova a circa 5.900 anni luce di distanza in direzione della costellazione dello Scorpione.

Le sottili differenze di colore in questa immagine sono dovute agli astronomi che utilizzano quattro filtri diversi per raccogliere i dati. Questi filtri sottili sono materiali altamente specializzati che scorrono davanti al sensore di luce del telescopio, consentendo il passaggio delle specifiche lunghezze d'onda della luce osservate in ciascuna osservazione.

Specifiche lunghezze d'onda della luce possono dire agli astronomi sulla composizione, la temperatura e la densità di un'area, il che è utile non solo per ricerche scientifiche specifiche, ma anche per produrre immagini come questa.

Indipendentemente dal filtro utilizzato, le prime osservazioni dal telescopio sono sempre monocromatiche. Ma artisti appositamente formati ed esperti di fotografia possono scegliere i colori che corrispondono alla gamma di lunghezze d'onda coperte da ciascun filtro. Oppure, quando una corrispondenza diretta non è possibile, l'artista può scegliere un colore che esprima ragionevolmente ciò che sta accadendo.

Ad esempio, possono assegnare colori più blu a lunghezze d’onda più corte e colori più rossi a lunghezze d’onda più lunghe, proprio come nella gamma visibile. I dati provenienti da più filtri possono quindi essere combinati per creare un'immagine multicolore che sia allo stesso tempo bella e scientificamente interessante.

READ  missione compiuta! L'Italia ha rilevato le operazioni in mare dell'Irini al posto della Grecia [pics]

L'immagine di IRAS 16562-3959 pubblicata dalla NASA potrebbe contenere una stella massiccia al centro. Ha circa 30 volte la massa del Sole ed è ancora in formazione.

Alle lunghezze d'onda del vicino infrarosso osservate dal telescopio spaziale Hubble, la regione centrale di questa immagine appare scura perché oscurata da molta polvere. Tuttavia, la luce nel vicino infrarosso fuoriesce principalmente dai lati in alto a sinistra e in basso a destra, dove la polvere è stata rimossa da potenti getti di protostelle giganti.

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha catturato la regione di formazione stellare IRAS 16562-3959. (ESA/NASA)

Le immagini a più lunghezze d'onda, inclusa questa splendida vista catturata dal telescopio spaziale Hubble, ci aiuteranno a capire meglio come nascono le stelle più massicce e luminose della Via Lattea.

Il sito web della NASA ha anche pubblicato un'altra immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble il 14 febbraio, che mostra lo scintillante ammasso globulare stellare NGC 2298. L'ammasso contiene migliaia di stelle tenute insieme dalle interazioni gravitazionali.

Si stanno formando stelle giganti, la NASA ha fotografato l'habitat delle stelle luminose.

 Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha ripreso l'ammasso globulare stellare NGC 2298. (NASA/Università Cattolica d'America)

A differenza della regione di formazione stellare IRAS 16562-3959, dove si stanno formando molte nuove stelle, gli ammassi globulari sono tipicamente regioni in cui si accumulano stelle più vecchie, la maggior parte delle quali si trovano ai bordi polverosi delle galassie.

Gli astronomi hanno utilizzato la speciale capacità del telescopio spaziale Hubble di osservare diverse lunghezze d'onda per studiare NGC 2298 attraverso l'ultravioletto, il visibile e il vicino infrarosso.

Queste preziose informazioni possono aiutare gli astronomi a comprendere meglio le proprietà degli ammassi globulari, compresi i loro movimenti interni, le orbite e l’evoluzione stellare.

READ  Come accelerare il metabolismo per perdere peso secondo gli esperti di Harvard

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply