Le grandi scimmie ricordano i loro vecchi amici, anche vent’anni dopo – Western France Evening Edition

I ricercatori hanno testato la memoria di bonobo e scimpanzé. Le scimmie hanno reagito quando sono state mostrate le foto dei loro ex parenti. Una scoperta che avvicina gli esseri umani alle scimmie.

“Qual è il tuo problema?” » Ovviamente non è così che si esprimevano le scimmie, ma questo è ciò che hanno capito gli scienziati che le hanno osservate. Pubblicato sulla rivista PNAS (Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze)Lo studio, condotto da ricercatori delle università di Harvard, St. Andrews, Constance, Anversa, Baltimora e Tokyo, proponeva di valutare la memoria sociale degli scimpanzé e dei bonobo.

Leggi anche: La straordinaria storia di queste scimmie preistoriche che attraversarono l’Oceano Atlantico su barche
L’esperimento, condotto in diversi zoo in Europa e in Giappone, ha confrontato ventisei primati con immagini di altre scimmie. Alcuni avevano determinanti sconosciuti. Altri erano familiari o ex “amici” che non vedevano da molti anni. “L’attenzione delle scimmie era rivolta verso gli ex membri del gruppo piuttosto che verso gli estranei. Ciò suggerisce una memoria a lungo termine per i precedenti partner sociali. La forza del pregiudizio nei confronti degli ex membri del gruppo non era influenzata dalla durata della separazione. Concludono gli scienziati che hanno dimostrato che questa memoria può durare fino ad almeno ventisei anni.

Leggi anche: Quale predatore è più temuto del leone nella savana africana?

Gli occhi hanno parlato

Per ottenere questo risultato, poiché le scimmie non possono esprimersi con le parole, i ricercatori hanno utilizzato un dispositivo di tracciamento oculare. Sono state presentate due immagini contemporaneamente. Le persone hanno notato le loro vecchie conoscenze più a lungo.

READ  Rapporto della 117a Conferenza Generale della Federazione Internazionale della Produzione Industriale 2023
Il dispositivo ha permesso di analizzare lo sguardo dei primati. (Foto: BNAS)

Molto vicino all’uomo

Questa metodologia non è nuova. È simile a quelli utilizzati negli studi sui neonati, che hanno dimostrato che guardano maggiormente i volti delle persone che conoscono.

revisione Scienze .Notare che Altre specie come i delfini, gli elefanti e i cani hanno una memoria socialeMa questi dipendono dal suono o dall’olfatto. “In precedenza si pensava che la capacità di utilizzare segnali visivi per ricordare il volto di un amico, dopo anni di separazione, fosse esclusiva degli esseri umani.”analizza il primatologo Frans de Waal, intervistato dalla rivista.

Memoria di relazioni di qualità

Lo studio va oltre. “Abbiamo anche trovato prove importanti, ma deboli, che le scimmie, come gli esseri umani, possono ricordare la qualità o il contenuto di queste relazioni passate: il pregiudizio sull’aspetto delle scimmie era più forte per gli individui con cui avevano una storia di interazioni sociali più positiva”. Lo hanno rivelato i ricercatori. È sufficiente supporre l’esistenza della memoria emotiva.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply